Passa ai contenuti principali

Hei all'occhio! Modi di dire


 OCCHIO
L'occhio è l'organo di senso principale dell'apparato visivo, che ha il compito di ricavare informazioni sull'ambiente circostante attraverso la luce.

Occhio non vede, cuore non duole : quando non si è consapevoli di un pericolo o di un problema, non se ne soffre
Occhio per occhio, dente per dente : si dice quando uno sgarbo, un danno o un dispetto vengono restituiti in qualche forma a chi li ha procurati
Fare l' occhiolino : strizzare a qualcuno l'occhio in senso di intesa
Strizzare l’occhio=ammiccare con aria d’intesa
Avere mille occhi e mille orecchi : quando si hanno molte fonti di informazioni in un dato ambiente o contesto(sociale), e si può venire facilmente a conoscenza di ogni piccolo evento che vi ha luogo
Essere nell' occhio del ciclone : trovarsi nel mezzo di una serie di eventi problematici, o a una raffica di critiche o polemiche
Leggere negli occhi : quando si coglie un intento, uno stato d'animo o un'emozione di una persona osservando i suoi occhi
Occhio bovino : si attribuisce a creature o individui particolarmente stupidi o poco reattivi, al punto che osservando i loro occhi non si avrebbe la sensazione di intelligenza o acume
Occhio vigile : si dice di qualcuno che sorveglia con particolare attenzione
Ad occhio nudo= è una cosa evidente, che si vede benissimo, che è chiara a tutti
Aver più occhio che pancia=sinonimo d'ingordigia
Stare all'occhio= stare attenti
Occhiata/occhiataccia= sguardo, brutto sguardo
Quattrocchi= persona che porta gli occhiali
Occhio di pernice= callo del piede
Cavare gli occhi a qualcuno= “Gli caverei gli occhi” esspressione che esprime rabbia, irritazione, desiderio di vendetta
Si caverebbero gli occhi se potessero= due persone che si odiano o proprio non si possono vedere
Spalancare, sbarrare, sgranare, stralunare gli occhi:  aprire gli occhi in modo innaturale a causa di meraviglia o paura
Avere gli occhi fuori delle orbite, fuori della testa= espressioni che indicano uno stato di violenta collera, di furore
Venire le lacrime agli occhi= rattristarsi, piangere
Aprire gli occhi= svegliarsi, rendersi conto della realtà, “Vuoi aprire gli occhi, quella ti mette le corna, mio caro!”
Aprire gli occhi a qualcuno= dirgli la verità, togliergli un’illusione
Tenete gli occhi bene aperti= significa stare vigili, fare attenzione
Non riuscire a tenere gli occhi aperti= avere molto sonno
 Dormire a occhi  aperti= cadere dal sonno
Sognare a occhi aperti= immaginare cose irrealizzabili, o in genere fantasticare, fare castelli in aria
Chiudere gli occhi= addormentarsi, oppure morire, spirare
Non chiudere occhio=  non dormire
Chiudere un occhio= lasciar passare inosservata un’azione che si dovrebbe impedire o punire , mostrare indulgenza)
A occhi chiusi=senza riflettere, senza prendere le debite precauzioni, oppure con piena e cieca fiducia. Saper fare una cosa ad occhi chiusa significa saperla fare benissimo
Stare con gli occhi bassi, chinati a terra= indica modestia, timidezza, pudore, vergogna
Abbassare gli occhi= per evitare lo sguardo altrui, per confusione, perché ci si sente colpevoli
 Alzare gli occhi al cielo= in segno di preghiera, o anche per esprimere impazienza,  o per ira repressa
A me gli occhi= frase imperativa di chi chiede attenzione (è anche frase consueta degli ipnotizzatori
Avere il malocchio=il malocchio è una delle tradizioni popolari più radicate, che tratta la superstizione del potere dello sguardo di produrre effetti sulla persona osservata; tale effetto può essere estremamente negativo, causando alla persona colpita una lunga serie di eventi infausti e sfortunati
Balzare, saltare agli occhi= parlando di cosa ben visibile, che non si può fare a meno di vedere, e non può quindi non risultare evidente o attrarre l’attenzione;
Aguzzare gli occhi, o lo sguardo o la vista= sforzarsi di vedere
Piantare, ficcare, mettere gli occhi addosso a qualcuno= guardarlo con intensità quasi aggressiva, dimostrare un forte interesse , fissare una persona con insistenza o in modo continuo
Non riuscire a staccare gli occhi da persona o cosa = essere fortemente attratti da qualcuno o qualcosa che eserciti forte attrazione, che ispiri ammirazione o desiderio
Essere tutt’occhi= essere del tutto concentrati in ciò che si vede
Mangiare, divorare con gli occhi= in senso  figurato, guardare con grande affetto o desiderio
Afferrare con l’occhio=seguire, accompagnare, andare dietro con gli occhi
Scorrere con l’occhio=passare rapidamente e sommariamente con lo sguardo su uno scritto
Posare, gettare l’occhio su qualche cosa= rivolgervi e fermarvi lo sguardo
Avere, tenere sott’occhio= controllare, tenere sotto controllo qualcosa o qualcuno
Guardare di sottecchi= osservare senza voler essere osservati
Fare gli occhi dolci a qualcuno, fare  gli occhi da triglia= guardare con espressione languidamente amorosa
Vedere di buon occhio= vedere con affetto, compiacenza, amore, positivamente qualcosa o qualcuno
Vedere di mal occhio (o di cattivo occhio)= malvolentieri, con disamore, con antipatia
Occhi di pesce lesso o da triglia=chiari e inespressivi, tipici di persona poco furba o intelligente
Avere l’occhio limpido= essere una persona acuta, penetrante, intelligente, vivace, ecc.
Fare qualcosa sotto gli occhi= in presenza d’una persona (in modo che essa possa vedere
Fin dove l’occhio  può giungere= fin dove si può arrivare con la vista
A perdita d’occhio= fin dove la vista può arrivare, per indicare una grande estensione di terra o di mare
Avere l’occhio fine, acuto= vederci bene, capire bene le situazioni in cui ci si trova
Occhi di lince, di falco, d’aquila= occhi acutissimi
A occhio= col solo aiuto della vista, senza strumenti di misura, fare un conteggio approssimativo
Ad occhio e croce= più o meno, in modo approssimativo
Avere occhio= avere una capacità, acquistata in genere con l’esperienza, di distinguere, di capire, d’intuire, di giudicare cose, persone o situazioni
Occhio clinico=l’ occhio dell’esperto, che conosce il suo settore data la grande esperienza
Fare l’occhio  a qualche cosa=assuefare la vista a vedere e a saper ben giudicare qualcosa che abbiamo spesso sotto gli occhi
Avere, non avere occhio= soprattutto con riguardo alla capacità di misurare le distanze, di calcolare una misura. Es.:” Hai un gran occhio! Sono esattamente cinque chili.”
“Occhio!”= esclamazione con cui si richiama l’attenzione di qualcuno o lo si mette in guardia da un pericolo. “Occhio alla curva, è molto pericolosa!”
Guardare con occhio critico= valutare o giudicare una situazione con distacco in modo critico
Tenere d’occhio, non perdere d’occhio=sorvegliare continuamente
Dare nell’occhio=colpire l’attenzione
Non dare nell’occhio=passare inosservato
Non credere ai propri occhi= di fronte a cosa inaspettata o incredibile o che susciti grande stupore, credere quasi che la vistaci  inganni
 Avere gli occhi foderati di prosciutto/Avere il prosciutto davanti agli occhi= non vedere le cose più evidenti , con lo stesso significato, avere le fette di salame sugli occhi
Gettare/dare la polvere, o il fumo, negli occhi= ingannare, illudere con false apparenze
Averne fino agli occhi, fin sopra gli occhi=essere stufo di qualche cosa
 Essere come il fumo negli occhi= si dice di persona molesta o antipatica
Essere un pugno in un occhio= riferito a persona che non si può soffrire, o, con altro senso, di colori violenti e male assortiti, o di opera che, per essere disarmonica, sproporzionata, offende la vista e il senso della bellezza
A quattr’occhi= fra due sole persone, senza testimoni
Colpo d’occhio=veduta d’insieme, rapida intuizione
A vista d’occhio= si dice di mutamenti che avvengono in misura notevole e con tale rapidità da esser quasi visibili nei loro successivi stadi. Es.:”Questo bambino cresce a vista d’occhio”:
Lasciarci gli occhi, averci lasciato gli occhi= essersi invaghito di cosa che, a vederla, è piaciuta molto, e che si desidererebbe avere o potere acquistare
Essere la pupilla degli occhi= essere una persona estremamente cara ed importante Scommettere un occhio della testa= si dice quando si vuole esprimere grande sicurezza di ciò che si afferma;
Costare un occhio della testa= essere carissimo 

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…

Gli errori più comuni nella lingua italiana. AIUTO COME SI SCRIVE!

1.Ce o C’è
Dipende! Ce è una particella pronominale, inclusa in verbi pronominali come ad esempio “avercela”:
 Si vede benissimo che ce l’hai a morte con lui. C’è è la contrazione ci è= esserci essere presente (nella forma singolare). Tra me e te c’è una bella differenza!
2.Da, Dà o Da’ Anche qui dipende! Da, semplice semplice, è la preposizione. Vengo da Vicenza e tu?  Il dà accentato è la forma della terza persona singolare del verbo dare.
Mamma te le dà, se non la smetti! Il da’ con l’apostrofo è la forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dare. Da’ una mano a tuo fratello!
3.Di, Dì o Di’ Dipende…da che dipende… Di= preposizione semplice. Quel mobile è fatto di legno Dì= un sostantivo sinonimo di giorno. Prenda la medicina tre volte al dì! Di’= forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dire.
Di' subito a mamma la verità, mascalzone!
4.E o ed? A o ad? La cosiddetta D eufonica (cioè dal bel suono) va aggiunta nel caso la parola successiva inizi con la…