Passa ai contenuti principali

Ditelo col pane!


MODI DI DIRE CON PANE

a pane e acqua (tenere a pane e acqua; andare avanti a pane e acqua; vivere di pane e acqua; mettere a pane e acqua): alimentazione ai limiti della sopravvivenza, presa in genere a simbolo di una punizione durissima. In senso non punitivo, vale anche per indicare grandi ristrettezze economiche.
L'alimentazione a pane ed acqua rientrava fra le varie forme di punizione carceraria applicate fino a tempi non troppo lontani

 cercar miglior pane che di grano: non accontentarsi di quello che si ha, nemmeno se è il meglio che ci sia.

 dare il pane con la balestra: fare un favore molto malvolentieri

 dare il pane e la sassata (dare il pane con la balestra; dare il tordo e la sassata): aiutare qualcuno, fargli un favore, o esaudire una sua richiesta facendoglielo pesare o rinfacciandogli il proprio intervento, umiliandolo

 dire pane al pane e vino al vino (dire pane al pane): dire le cose come stanno, in totale sincerità

essere il pane di qualcuno : essere molto informati e capaci in un determinato settore, “La chimica è il suo pane”

 essere pane e cacio: andare molto d'accordo con qualcuno, trovarsi bene insieme, così come stanno bene insieme il pane e il formaggio

 essere un pan perso (essere un pane perduto): essere un investimento sbagliato, come il denaro che si spende per comperare del pane che poi finisce per essere sprecato o buttato via. Si dice anche di una fatica o di un lavoro inutile, che richiede sforzi e spese e che poi non dà frutto o guadagno. Può essere inoltre riferito a una persona che delude la fiducia accordatale, a chi non ammette i propri errori, a chi si rivela ostinato, e in generale a persone con cui si reputa che non valga la pena di perdere tempo

 essere un pezzo di pane: essere una persona mite e buona, indulgente

 far cascare il pan di mano: scoraggiare, far perdere le speranze, l'interesse o la voglia di continuare. Riferito in particolare a una persona maldestra, o testarda, o sciocca, che agisce o si comporta in modo tale da far dubitare della possibilità di trarne qualcosa di buono, di correggerla, di insegnarle qualcosa e così via

 guadagnarsi il pane col sudore della fronte (guadagnarsi il pane): guadagnarsi da vivere lavorando sodo

 leccare un pane dipinto (raro): illudersi, più che altro per disperazione, come chi si illudesse di placare la fame leccando la raffigurazione di un pane

 levare il pane di bocca (togliersi il pane di bocca; levarsi il pane di bocca): farsi aiutare da qualcuno inducendolo a fare grandi sacrifici e rinunce, o sfruttarlo economicamente fino a impoverirlo

 mancare del pane: essere poverissimi, non avere nulla da mangiare, fare la fame

 mangiar pane e cipolle: avere pochissime esigenze o pochissimo denaro per soddisfarle; in ogni caso accontentarsi del minimo indispensabile alla sopravvivenza. Anche essere molto poveri, non avere altro da mangiare che alimenti poco costosi come il pane e le cipolle. Il detto non ha la connotazione di sofferenza comunemente legata alla povertà, e si usa piuttosto per una scelta di vita che induce a rinunciare ai beni materiali piuttosto che a quelli spirituali considerati di maggior valore, spesso la libertà, l'indipendenza e simili

 mangiare il pane a ufo: vivere alle spalle di qualcuno, farsi mantenere senza dar niente in cambio, senza lavorare. Usato in pari misura per disoccupati e fannulloni

 mangiare il pane a tradimento: vivere alle spalle altrui senza mostrare alcuna gratitudine. Esiste anche l'espressione “mangiapane a tradimento”

 mangiare pane e veleno: essere infelici perché rosi da risentimento, invidia, rancori e altre passioni negative che “avvelenano” l'esistenza

 mangiare pane e volpe: essere persone poco furbe

 mangiarsi il pan pentito: pentirsi amaramente, in genere per avere o non avere fatto qualcosa che avrebbe portato grandi vantaggi; rendersi conto di essersi lasciati sfuggire un'occasione proficua, e quindi ripensare a quello che si è perduto ogni volta che si mangia un pezzo di pane. Ha una sfumatura di rabbia

 masticare come il pane: conoscere molto bene un argomento

 mettere a pane e acqua (tenere a pane e acqua): punire, in genere applicando pesanti sanzioni economiche. Anche scherzoso, riferito ai genitori che devono frenare figli spendaccioni

 non distinguere il pan dai sassi: vederci pochissimo, tanto da non riuscire a vedere nemmeno la differenza tra il pane e i sassi. Anche mancare del più elementare discernimento, non capire le cose, non saper distinguere per mancanza d'intuito o d'intelligenza. Oppure ancora essere sempre distratti o svagati, o molto inesperti, ingenui e creduloni, e in senso lato, molto ignoranti

 non volere il pane a conto: non fare debiti, non volersi sentire in debito con nessuno

 per un tozzo di pane (vendere per un pezzo di pane; vendere per un tozzo di pan secco): ad un prezzo molto basso

 comprare per un pezzo di pane (comprare per un tozzo di pane): a prezzo bassissimo
 venir via per un pezzo di pane: per un prezzo molto basso

 rendere pan per focaccia: rispondere ad un’offesa o ad un attacco con un’altra offesa uguale o più forte

 spezzare il pane della scienza: insegnare, mettere a disposizione il proprio sapere

 vendere come il pane (andare come il pane): una cosa molto richiesta che si vende benissimo, un articolo che ha molto successo

 vivere di pan duro (vivere di pan secco): essere molto poveri, come se si avesse solo del pane vecchio per sfamarsi

non si vive di solo pane: bisogna alimentare anche l’anima e non solo il corpo con il cibo

trovare pane per i propri denti: trovarsi di fronte ad una situazione o ad una persona che mette a dura prova le proprie capacità

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…

Le supertizioni degli italiani!

La superstizione è una credenza di natura irrazionale che può influire sul pensiero e sulla condotta di vita delle persone che la fanno propria, in particolare la credenza che gli eventi futuri siano influenzati da particolari comportamenti senza che vi sia una relazione causale. La scaramanzia è una forma di superstizione secondo la quale alcune frasi o gesti attirerebbero o allontanerebbero la fortuna o la sfortuna.
Un  esempio è l'idea che dicendo qualcosa, questa non accadrà, o potrebbe accadere il contrario di ciò che si è detto.
Per questo motivo ad esempio, in Italia, si augura solitamente il contrario di ciò che si desidera che avvenga. Per esempio, a un cacciatore non si dirà "Buona caccia", ma "In bocca al lupo" parola entrata anche nel linguaggio comune e utilizzato per augurare "buona fortuna" .
Nonostante la cultura moderna condanni a parole la superstizione, molte credenze di questo genere sono estremamente diffuse anche nella società occ…