Passa ai contenuti principali

La piccola Pollon


POLLON
 C'era una volta.... Pollon


Pollon è un cartone animato tratto dal manga creato da Azuma Hideo Olympus no Pollon, pubblicato nel 1978. Si compone di 46 episodi trasmessi per la prima volta tra il 1982 e il 1983. 
Il cartone tratta delle avventure della piccola Pollon, figlia del dio Apollo, che vuol diventare una dea. Per diventarlo, però, deve riempire un salvadanaio a forma di trono con delle monete che riceve da Zeus come ricompensa delle sue buone azioni. 
Le situazioni in cui si viene a trovare traggono spunto da storie e favole della Grecia classica, spesso trasformando anche la tragedia più triste, in una storiella umoristica.

Personaggi principali

Pollon

Vispa e curiosa bambina dai riccioli d'oro, è figlia del dio Apollo e vuole a tutti i costi diventare una dea (e alla fine della serie ci riuscirà diventando "dea della speranza"). Le sue intenzioni verso il prossimo sono sempre buone ma, spesso invece di aiutare qualcuno lo mette ancor più nei guai. Ha una sua protettrice personale, la Dea delle dee, che riesce a contattare con un fermaglio a forma di farfalla chiamato Miracolo Bon Bon. Si considera la più grande showgirl dell'Olimpo e pur essendo stonata da morire, obbliga tutti a sentirla cantare, sottoponendo gli ascoltatori a vere e proprie torture. La sua canzone preferita è "...io sono la figlia di Apollo...la figlia del dio sol...". Spesso e volentieri negli episodi utilizza una polvere magica dotata del potere di ridare l'allegria perduta, introdotta sempre da una simpatica canzoncina che ne pre-annuncia le proprietà ("Sembra talco ma non è / serve a darti l'allegria, / se la mangi o la respiri, / ti dà sempre l'allegria!").

Eros


Il miglior amico di Pollon è un cupido brutto e basso, sgraziato con ali minuscole ed ernia ombelicale. Figlio di Afrodite, è un totale fifone, viene comunque coinvolto nei guai di Pollon, non riuscendo a resistere alla personalità dominante della sua amica, sempre disposto ad aiutarla, anche se con un pò di paura. È sempre nudo, ma non presenta attributi.


Gli altri personaggi

Apollo

Il padre di Pollon e figlio di Zeus. E' colui che trasporta il sole su un carretto trainato da un ronzino dallo sguardo poco intelligente (Dosankos). Non è un esempio di serietà e dedizione al lavoro, perchè pigro e svogliato, e per questo viene sempre sgridato da Zeus, ma è un padre amorevole, sempre pronto ad aiutare la figlia, se necessario.

Zeus

Il padre degli dei è un donnaiolo ed è sempre alla ricerca di nuove prede. Spesso le sue scappatelle sono la fonte delle avventure di Pollon e spesso vengono scoperte dalla gelosissima moglie Era, che lo ripaga con una sonora ripassata, che molto spesso è una bella scarica di fulmini. Si veste con una pelliccia d'orso chiusa da una cintura con le sue iniziali.

Poseidone

È il gigantesco dio del mare. Nonostante la grandezza, non sa nuotare, anche perché l'acqua gli arriva al massimo allo stomaco; si veste solo con un perizoma e porta alla cintura una bottiglia di Sake.
(Informazioni tratte dal sito di cartoni animati Ludicer )
Sulla cima dell'Olimpo c'è una magica città
gli abitanti dell'Olimpo sono le divinità
poi lì c'è una bambina che ancora dea non è
è graziosa e birichina Pollon il suo nome è.....
Pollon Pollon combinaguai
su nell'Olimpo felice tu stai
la beniamina di tutti gli dei sei tu
oh oh oh Pollon
Pollon combinaguai
su dai racconta quello che tu sai
degli abitanti di questa città
Zeus è un nonno molto buono non si arrabbia quasi mai
se però tu senti un tuono si è arrabbiato e sono guai
è chiamato anche Giove ed è il padre degli dei
è sposato con Giunone che è una dea pure lei
Pollon Pollon combinaguai
su nell'Olimpo felice tu stai
la beniamina di tutti gli dei sei tu
oh oh oh Pollon Pollon combinaguai
su dai racconta quello che tu sai
degli abitanti di questa città
Dio del sole babbo Apollo per il cielo se ne va
su un carro a rompicollo sempre a gran velocità
ed è anche pigro assai ed al dovere mancherà
ed il sole tu vedrai prima o poi non sorgerà
Pollon Pollon combinaguai
su nell'Olimpo felice tu stai
la beniamina di tutti gli dei sei tu
oh oh oh Pollon
Pollon combinaguai
su dai racconta quello che tu sai
degli abitanti diquesta città
Eros è il mio grande amico porta sempre buonumore
è simpatico e tidico che comanda lui l'amore
elo fa con frecce d'oro
con cui poi lui centra i cuori
ed i cuori di costoro troveranno grandi amori
Pollon Pollon combinaguai
su nell'Olimpo felice tu stai
la beniamina di tutti gli dei sei tu
oh oh oh Pollon
Pollon combinaguai
su dai racconta quello che tu sai
degli abitanti di questa città
Pollon Pollon combina guai
su nell'Olimpo felice tu stai
la beniamina di tutti gli dei sei tu
oh ohoh Pollon Pollon combinaguai
su dairacconta quello che tu sai
degli abitanti di questa città

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

Le supertizioni degli italiani!

La superstizione è una credenza di natura irrazionale che può influire sul pensiero e sulla condotta di vita delle persone che la fanno propria, in particolare la credenza che gli eventi futuri siano influenzati da particolari comportamenti senza che vi sia una relazione causale. La scaramanzia è una forma di superstizione secondo la quale alcune frasi o gesti attirerebbero o allontanerebbero la fortuna o la sfortuna.
Un  esempio è l'idea che dicendo qualcosa, questa non accadrà, o potrebbe accadere il contrario di ciò che si è detto.
Per questo motivo ad esempio, in Italia, si augura solitamente il contrario di ciò che si desidera che avvenga. Per esempio, a un cacciatore non si dirà "Buona caccia", ma "In bocca al lupo" parola entrata anche nel linguaggio comune e utilizzato per augurare "buona fortuna" .
Nonostante la cultura moderna condanni a parole la superstizione, molte credenze di questo genere sono estremamente diffuse anche nella società occ…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…