Post

Visualizzazione dei post da ottobre 7, 2012

Autunno, pensieri, parole, note, colori ed emozioni!

Immagine
Autunno  Già lo sentimmo venire
nel vento d'agosto,
nelle piogge di settembre
torrenziali e piangenti,
e un brivido percorse la terra
che ora, nuda e triste,
accoglie un sole smarrito.
Ora passa e declina,
in quest'autunno che incede
con lentezza indicibile,
il miglior tempo della nostra vita
e lungamente ci dice addio. (Vincenzo Cardarelli)


Veder cadere le foglie
Veder cadere le foglie mi lacera dentro soprattutto le foglie dei viali Soprattutto se sono ippocastani soprattutto se passano dei bimbi soprattutto se il cielo è sereno soprattutto se ho avuto, quel giorno, una buona notizia soprattutto se il cuore, quel giorno, non mi fa male soprattutto se credo, quel giorno, che quella che amo mi ami soprattutto se quel giorno mi sento d'accordo con gli uomini e con me stesso. Veder cadere le foglie mi lacera dentro soprattutto le foglie dei viali dei viali d'ippocastani. (N.Hikmet)

Dopo la nebbia
Dopo tanta nebbia a una a una si svelano le stelle. Respiro il fresco che mi lascia il colore del cielo (G. Ungaretti)
Fo…

Il giornalino di Gian Burrasca

Immagine
PRIMA PUNTATA


IL GIORNALINO DI GIAN BURRASCA
È ambientato in Toscana (e in parte anche a Roma). Il libro è scritto in forma di diario: il diario di Giannino Stoppani, detto Gian Burrasca. Questo soprannome, che la famiglia gli dà a causa del suo comportamento molto irrequieto (più per esuberanza che per cattiveria), è divenuto proverbiale per indicare un ragazzino indisciplinato. Giannino Stoppani era un bambino di nove anni. Aveva i capelli bruni, gli occhi castani e gli piaceva fare scherzi. Faceva parte di una famiglia di borghesi  composta da tre sorelle: Ada, Luisa e Virginia, la mamma ed il babbo. Il giorno del suo compleanno ricevette molti regali tra cui un diario che gli aveva comprato la mamma. In questo diario scriveva tutto ciò che gli capitava come quella volta che cadde nel fiume perché aveva cercato di pescare qualche pesce con la canna che gli avevano regalato sempre per il compleanno. Un altro scherzo che annotò nel giornalino fu quello di frugare nei cassetti di una del…

Così è la vita!

Immagine
UN FILM TUTTO DA RIDERE Questa sera vi do la buona notte con uno dei miei film preferiti "Così è la vita", dei magnifici Aldo, Giovanni e  Giacomo.
Non è un film impegnato, non vi farà piangere ma ridere, e sicuramente non è uno di quei film artistici e super intellettuali,  è un film sulla vita....che non va sempre come dovrebbe, sulle possibilità che stanno sempre dietro l'angolo, sulle amicizie che nascono nei modi più impensati e tra le persone più diverse, sulle lacrime che spesso scendono per tristezza e gioia nello stesso istante.
Non so perchè sia uno dei miei film preferiti, forse perchè adoro questi tre comici e il loro modo semplice, genuino e schietto di raccontare delle storie divertenti ma mai banali.
Buona serata e buona risate a tutti!














Trama 
Il film inizia con l'incipit dei tre gangster Al, Jonh e Jack.
 In questa sequenza i tre si ritrovano in un carcere federale dove lavorano in una cava di pietra. Jack uccide accidentalmente un cuneista e lo sceriffo ch…

Basta poco per capirsi!

Immagine
Spesso basta poco per capirsi, due parole ed ecco il gioco è fatto. Non servono grandi discorsi, parolone complicate, lunghi preamboli. 
Bastano due parole per capirsi al volo. 
Questo succede soprattutto con temi conosciuti, con storie e vicende note e perchè no, anche per le favole!
Se vi va proviamo a fare un gioco, questa volta proprio facile, ma il grado di difficoltà salirà.....indovinate la storia nascosta in questo "fumetto di parole" e se volete provare ad esercitare il vostro italiano scritto, fate un riassunto breve del "racconto" e ditemi il suo nome nella vostra lingua!


Grammatichiamo

Immagine
Lo conoscete il gerundio?

La Gola del Furlo

Immagine
La gola o passo del Furlo è una gola formatasi per l'azione erosiva del fiume Candigliano, che scorre oggi tra due monti della provincia di Pesaro-Urbino, che originariamente rappresentavano un unico massiccio, il monte Pietralata (889 m) e il monte Paganuccio (976m). 

La gola è situata lungo il tracciato dell'antica via Flaminia (di cui rimangono ancora due caratteristiche gallerie romane) che costeggiava appunto il fiume Candigliano; per la sua incontaminata bellezza è stata dichiarata nel 2001 riserva naturale (la Riserva naturale statale Gola del Furlo).


Il paesaggio e la morfologia della gola permettono di ricostruire il passato geologico italiano da più di 200 milioni di anni fa sino ad oggi; le rocce illustrano come un libro a cielo aperto le principali formazioni dell'Appennino umbro-marchigiano.

Natura, silenzio, tranquillittà e bellezza fanno di questi luoghi una meta ideale per i turisti in cerca di luoghi magici a contatto con la natura e una flora e fauna decis…