Post

Visualizzazione dei post da novembre 11, 2012

LO ZABAIONE

Immagine
Lo zabaione o zabajone o zabaglione è una crema dolce e spumosa preparata con uova, zucchero e vino o vino liquoroso.  Negli anni cinquanta diede origine, in Italia, a noti liquori come il Vov e lo Zabov. Vov e Zabov sono due marchi registrati.

La Storia...
Tra le vecchie specialità della cucina piemontese, una cucina ricca di piatti diversi e squisiti, vi è lo zabaglione ('L Sanbajon).
Fra' Pasquale de Baylon (1540-1592), del Terzo Ordine dei Francescani, arrivato a Torino per il suo apostolato presso la Parrocchia di San Tommaso, consigliava alle sue penitenti (specialmente a quelle che si lamentavano della poca vivacità del consorte) una sua ricetta che, sintetizzata capace di ridare vigore e forza al soggetto. Santificato nel 1680 da Papa Alessandro VIII entrò rapidamente nella leggenda, tanto che le donne torinesi tra di loro si scambiavano e consigliavano la sua ricetta per beneficiare del miracolo del Santo Pasquale de Baylon, il cui nome, in dialetto torinese, fu subito abb…

I post del DRAGO

Immagine
La Mole Antonelliana La Mole Antonelliana è il monumento simbolo della città di Torino. Situata nel centro storico a ridosso del quartiere Vanchiglia, prende il nome dall'architetto che la concepì, Alessandro Antonelli.  Raggiunge un'altezza di 167 metri, perciò è attualmente l'edificio più elevato di Torino e fu per lungo tempo anche la costruzione in muratura più alta d'Europa. Dalla vetta della Mole è possibile ammirare un meraviglioso panorama a 360 gradi su Torino, spaziando sui tetti della città fino alle Alpi e al Po, una striscia lucente d’acqua che attraversa la città. Progettata dall’Antonelli per diventare un tempio ebraico l’edificio è un simbolo di bellezza e storia uniche; e l’esperienza inizia ben prima di arrivare alla sua vetta, infatti, per salire si utilizza un ascensore totalmente trasparente, che permette di ammirare gli stucchi che decorano la volta, un viaggio che offre la sensazione spettacolare di „galleggiare nel nulla“ all’interno della storia! A…

La divina commedia- Inferno-Canto III

Immagine
La porta dell'inferno « 'Per me si va ne la città dolente, per me si va ne l'etterno dolore, per me si va tra la perduta gente.' »
Prima vi offro una versione un po’ alternativa: La divina commedia a fumetti… La Divina Commedia a Fumetti - I - Inferno- http://www.animalibera.net/p/il-mio-libro.html
Ed ora la versione classica del primo canto dell’Inferno!
Canto terzo, nel quale tratta de la porta e de l’entrata de l’inferno e del fiume d’Acheronte, de la pena di coloro che vissero sanza opere di fama degne, e come il demonio Caron li trae in sua nave e come elli parlò a l’auttore; e tocca qui questo vizio ne la persona di papa Cilestino.
’Per me si va ne la città dolente, per me si va ne l'etterno dolore, per me si va tra la perduta gente. 3
Giustizia mosse il mio alto fattore; fecemi la divina podestate, la somma sapïenza e ’l primo amore. 6
Dinanzi a me non fuor cose create se non etterne, e io etterna duro. Lasciate ogne speranza, voi ch’intrate’. 9
Queste parole di colore oscur…