Passa ai contenuti principali

Il funerale


COME IO ERO, TU SEI, COME IO SONO TU SARAI! 


Che aria da funerale! = Che aria triste che hai!

Ok lo so, ora avete letto il titolo di questo post e vi state già “grattando”, facendo spergiuri…in effetti è un tema un po’ particolare!

Un po’ di tempo fa abbiamo parlato di morte, la morte in musica, la morte nella poesia e poi proverbi e modi di dire.
A conclusione naturale del tema non poteva che esserci un post che parli di riti funebri, in Italia il rito funebre, lo svolgimento dei funerali, è normato dal DPR 285/90  la maggior parte delle norme in esso contenute regolano per lo più l’aspetto sanitario, ossia le norme di sicurezza epidemiologica, invece per quanto riguarda il rito in sé, esiste una regolamentazione molto esigua.
In generale in Italia i funerali avvengono nei due-tre giorni seguenti alla morte, al contrario in Germania ad esempio si può arrivare alla settimana.
Si può scegliere un rito civile o religioso, entrambi vengono organizzati da un’azienda di pompe funebri, che provvede anche di solito (se è buona) a sbrigare o ad aiutarvi a sbrigare le formalità burocratiche.
Si può scegliere tra sepoltura o cremazione, in quest’ultimo caso, alcuni comuni permettono di tenere in casa le ceneri del defunto o di “liberarle al vento” in luoghi aperti (montagne, fiumi ecc.); è vietata la dispersione delle ceneri nelle città o in luoghi chiusi (case, bar, negozi ecc.ecc.).
Ora che abbiamo sbrigato le spiegazioni più “secche” e spicce…guardiamo un po’ qualche video divertente e ascoltiamoci qualche canzoncina leggera sul tema.
E ricordatevi: SU CON LA VITA!

Grande Grosso e Verdone Funerale
La Famiglia Nuvolone alle prese con l'organizzazione del funerale affidato ad un'agenzia di pompe funebri il cui titolare è un pazzo cocainomane.

Una sciccheria= Cosa elegante, lussuosa, raffinata.
Essere in pole position= La pole position è la posizione più avanzata, occupata da un concorrente, nello schieramento di partenza di una gara. Essere in prima fila, essere nella posizione migliore per aggiudicarsi qualcosa.
Stirare gli zoccoli= Morire
Scippare= derubare qualcuno per strada passandogli vicino di corsa e sottraendogli con violenza la borsa di mano o un oggetto di dosso. Privare ingiustamente qualcuno di un diritto o di un riconoscimento.
Essere spartani= essere molto semplici
Facciamo una volata= andiamo velocemente in un posto

Le Comiche - Il Funerale
Beccamorto= Becchino, addetto alle pompe funebri, ma anche cascamorto, spasimante
Spartano= sobrio, austero, frugale, semplice

L'elogio funebre - Sordi funerale - I nuovi mostri


Top 10 - 10 insoliti riti funebri


Di Federico Salvatore
Il funerale


Prete:
accogli fra le schiere dei beati
Il nostro fratello Ernesto e liberalo dai suoi peccati
Onesto e generoso lavoratore
(abbassa un poco l’organo per favore)
Esempio di padre e di uomo
Sempre pronto al sorriso e al perdono
Marito affettuoso e fedele
(Peppino, accendi le candele)
Seguace fervente di Cristo
Anche se in chiesa non si è mai visto
Il cielo nella sua bontà infinita
L’ha voluto premiare, e lo ha chiamato a miglior vita.

Ernesto:
a miglior vita ‘o cazzo! ancora non è detto,
Ho fatto la domanda in Purgatorio ma siamo settemila e i posti sono otto,
per aspirante spirito precario
Vi chiederete cosa mi è successo
La buccia di banana per le scale
buttata lì da un incivile fesso…
Per sicurezza vado all’ospedale
Non era niente, un’escoriazione
Mia moglie disse fai gli accertamenti
Che con i soldi dell’assicurazione io mi rimetto a posto tutti i denti
E il resto lo spendiamo in silicone, Ernesto! SI-LI-CO-NE!
Mo fanno dei lavori sopraffini…
Puoi farmi fare pure una composizione
Davanti la Parietti e dietro la Marini.
Sentendo la Marinie la Parietti
Miracolosamente avvenne che…
Si alzò nel cielo un c……oro di angioletti
Non succedeva dal ’93.
Fui trasferito in clinica privata
Specializzata in plastica e trapianti
Dal prof. Antonio la Mazzata
Dell’university center di Bitonto…..Toronto o Bitonto?
Mia moglie mi diceva fai il malato, che tanto paga l’assicurazione
18 volte mi hanno operato di gastrocardioepatocerebroprostaticonasaledisfunzione
Tanto che per non perdere più tempo
Dal cranio fino all’alluce del piede
Mi hanno cucito una chiusura lampo
E mi hanno detto “tanto non si vede”!
Io del primario ormai ero il pupillo
L’assicurazione andava per le lunghe
Mia moglie mi diceva stai tranquillo
E quello mi operava anche alle unghie
E andava avanti con gli esperimenti
In nome del progresso e delle scienze
Me lo sognavo col bisturi fra i denti
Che mi sembrava il mostro di Firenze
Ma in fondo in fondo era umano
Come un padre……no! Come uno zio
Un uomo duro ma con il cuore in mano
Peccato che quel cuore era sempre il mio
E forse è stato per il troppo affetto
Che un giorno questo nobile primario
Prendendomi in disparte lui mi ha detto:
“vuoi fare il donatore volontario”?
Un rene prendi 15 milioni
La milza c’è grandissima richiesta
Un testicolo se è buono vale oro! Un occhio, costa un occhio della testa.
A pezzo a pezzo mi ha venduto tutto
E io mi sentivo sempre più leggero
Tanto che adesso sono un corpo astratto
E in questa cassa c’è soltanto il mio pensiero
Poi mi ha pagato l’assicurazione
223 milioni esatti
Mia moglie ha speso tutto in silicone
E finalmente non c’ha più difetti
Che bella donna è diventata adesso
E forse è questo l’unico rimpianto:
ho fatto l’amore sempre con un cesso
E mo che sono morto guarda là che schianto
Labbra carnose, gambe a trampoliere
Pelle di pesca e seno statuario
Ma... Ma... sulla chiappa destra del sedere
che vedo... la mano del primario!

Nicolò Fabi
Rosso


Hai presente quando sogni di morire
per vedere chi verrà al tuo funerale
per capire chi ti ha voluto bene
e chi ti ha voluto male hai presente?

Chi ti vuole bene dopo di me?
Chi ti vuole bene?
e capire poi che hai sbagliato tutto
che non manchi a nessuno
lei non è vestita a lutto

Rosso, è un vestito rosso
oggi quello che indossi
per il mio funerale
bella senza più pensieri
come sei tranquilla
nel giorno del mio funerale

Hai presente poi la figlia del dottore
seduta in terza fila che piange e non si fa notare
per non parlare del mio migliore amico
che mentre il prete parla
sta nel letto suo a dormire

Chi ti vuole bene dopo di me?
Chi ti vuole bene?
e vedere poi la donna del tuo cuore
che assiste alla funzione
senza il minimo dolore

Rosso, è un vestito rosso
oggi quello che indossi
per il mio funerale
bella senza più pensieri
come sei tranquilla
nel giorno del mio funerale

Hai presente quando sogni di morire
per vedere chi verrà al tuo funerale
e capire poi che hai sbagliato tutto
che non manchi a nessuno
e lei non è vestita a lutto

Chorus

Ma rosso, è un vestito rosso
oggi quello che indossi
per il mio funerale
bella senza più pensieri

come sei tranquilla nel giorno del mio funerale"

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

Le supertizioni degli italiani!

La superstizione è una credenza di natura irrazionale che può influire sul pensiero e sulla condotta di vita delle persone che la fanno propria, in particolare la credenza che gli eventi futuri siano influenzati da particolari comportamenti senza che vi sia una relazione causale. La scaramanzia è una forma di superstizione secondo la quale alcune frasi o gesti attirerebbero o allontanerebbero la fortuna o la sfortuna.
Un  esempio è l'idea che dicendo qualcosa, questa non accadrà, o potrebbe accadere il contrario di ciò che si è detto.
Per questo motivo ad esempio, in Italia, si augura solitamente il contrario di ciò che si desidera che avvenga. Per esempio, a un cacciatore non si dirà "Buona caccia", ma "In bocca al lupo" parola entrata anche nel linguaggio comune e utilizzato per augurare "buona fortuna" .
Nonostante la cultura moderna condanni a parole la superstizione, molte credenze di questo genere sono estremamente diffuse anche nella società occ…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…