Passa ai contenuti principali

UMBRIA

Folco Quilici: L'Italia Vista dal Cielo – Umbria


Un viaggio attraverso la storia dell'Umbria, delle sue civiltà, dei suoi aspetti controversi che la rendono unica e proprio per questo incantevole.
Il filmato di Quilici, le sue descrizioni realistiche ed emozionanti regalano allo spettatore la possibilità di avvicinarsi e di conoscere i numerosi luoghi della regione, le sue molteplici sfumature che si svelano in tutta la loro autentica bellezza.
"Umbria" si apre con immagini che richiamano alla primavera, la festa dei Ceri a Gubbio, dove sacro e profano si mescolano nella prorompente gioia di vivere. Da lì si prosegue l'itinerario attraverso il "cuore d'Italia", verde per le pianure ampie e livellate e le rive boscose.
Un susseguirsi di immagini suggestive tra montagne e valli, fiumi e boschi, che scoprono una regione in cui il tempo sembra essersi fermato. Ulivi, viti, campi di erba, il colore verde che predomina e accompagna dolcemente una terra dalle antiche tradizioni e dai profumi inebrianti.
L'immagine cambia e si rivelano i fiumi della regione, che, pure senza sbocco sul mare, abbonda di corsi d'acqua che si susseguono nel loro lento fluire. Il Tevere, il Topino, Il Velino,
la Nera e infine "un lago come una boccata d'aria ... un velo d'acqua su un prato: il Trasimeno". Ma il trionfo delle acque dell'Umbria è alle Marmore, un salto per 160 metri di spuma impetuosa.
Così appare l'Umbria filmata da Folco Quilici e descritta da Cesare Brandi.
D'un tratto ecco svelarsi Perugia con le sue "mura di pietra (...) che hanno il sapore del tempo e l'odore del destino (...). La città si apre al visitatore (...), sta così in alto come se fosse tra le mani di quei Santi protettori che tengono con garbo le città miniaturizzate, e intorno hanno un baratro d'aria...".
Domina dall'alto un paesaggio dalla bellezza suggestiva e senza tempo.
"Non c'è forse al mondo fontana più bella di quella che sta sotto al Duomo: le fontane barocche sono un'altra cosa, impugnano il nucleo urbano, si insediano da padrone. La fonte di Perugia condiziona tutta la piazza ma non l'impugna ...".
Il viaggio continua da Orvieto a Todi, lungo un Tevere pieno di sacche d'acqua e boschi intorno, arruffati. Scorrono Montefalco, Città della Pieve, Spoleto. Le immagini di questa città racchiudono secoli di storia e raggiungono la massima espressione di bellezza artistica e monumentale nelle sculture della facciata di San Pietro - "come modellate in pasta di pane (che), lievitando, hanno perso i contorni"- proseguono nello straordinario Ponte delle Torri e culminano nella maestosità della Rocca Albornoziana.
Poi la scoperta di Norcia, Assisi, Todi, Città della Pieve, Foligno, Spello, piccoli e grandi scrigni di arte e di storia. Luoghi di straordinaria bellezza, tesori di cultura, città dice Brandi "asserragliate come castelli in cima ai poggi, come ostensori d'argento".
Un viaggio virtuale in cui la regione scopre i suoi mille volti, mostrandosi in tutti i suoi aspetti. Aspetti di un paese che trovano identità nelle parole del grande scrittore:

"La campagna umbra ha il gusto della campagna toscana che però non è toscana... Eppure gli ulivi sono gli stessi, né così spessi come nel Sud... anzi diradati dalle potature sapienti... e le viti, i filari, i campi di erba medica: cosa è che è diverso?...".

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…

Le supertizioni degli italiani!

La superstizione è una credenza di natura irrazionale che può influire sul pensiero e sulla condotta di vita delle persone che la fanno propria, in particolare la credenza che gli eventi futuri siano influenzati da particolari comportamenti senza che vi sia una relazione causale. La scaramanzia è una forma di superstizione secondo la quale alcune frasi o gesti attirerebbero o allontanerebbero la fortuna o la sfortuna.
Un  esempio è l'idea che dicendo qualcosa, questa non accadrà, o potrebbe accadere il contrario di ciò che si è detto.
Per questo motivo ad esempio, in Italia, si augura solitamente il contrario di ciò che si desidera che avvenga. Per esempio, a un cacciatore non si dirà "Buona caccia", ma "In bocca al lupo" parola entrata anche nel linguaggio comune e utilizzato per augurare "buona fortuna" .
Nonostante la cultura moderna condanni a parole la superstizione, molte credenze di questo genere sono estremamente diffuse anche nella società occ…