Passa ai contenuti principali

CERVELLO! Vuoi favorire?

A volerla leggere con un filo d’ironia potrebbe essere anche un modo molto
elegante per dare a qualcuno dello stupido…nel senso, visto che di cervello tu non ne hai, te ne offro un po’, non sia mai che ti serva!

Ma oggi non vi offro del cervello in senso ”laterale”, ma in senso CULINARIO.
Eh lo so, vi vengono già i brividi!

Quando ero piccola uno dei miei film preferiti era “Indiana Jones e il tempio maledetto”, andavo pazza per una scena del film in cui i protagonisti erano a cena con un giovane Maharaja nel palazzo indiano di Pankot; le portate da gustare erano decisamente esotiche: serpente a sorpresa,  scarafaggi giganti, zuppa d’occhi e infine cervello di scimmia semifreddo.


Ora, devo confessarvi che da piccolina ero convinta che si trattasse solo di un film e che quelle cose schifosissime non venissero servite in nessun paese della terra e assolutamente non in Italia…oggi so che mi sbagliavo.
Non mi credete?

Chiaramente reperire una testa di scimmia in Italia è pressoché impossibile, ma spero di non sconcertarvi troppo nel raccontarvi che il CERVELLO fa parte di numerosissime ricette regionali e che viene servito in tanti modi diversi da sempre.

Persino il padre della cucina italiana Pellegrino Artusi (Forlimpopoli 1820- Firenze 1911) pubblicò nella sua opera più popolare “La Scienza in Cucina e l'Arte di Mangiar Bene” diverse ricette a base di cervello, la più famosa è sicuramente la 321, la testicciuola d'agnello:

«Per mettere in umido la testicciuola d'agnello non fate come quella serva a cui il padrone avendo detto che la dividesse in due parti la tagliò per traverso; fu la stessa brava ragazza che un'altra volta aveva infilato i tordi nello spiedo dal di dietro al davanti. Tagliate dunque la testicciuola per la sua lunghezza e così come stanno i due pezzi naturalmente, metteteli a cuocere in un largo tegame; ma fate prima un soffritto d'aglio, prezzemolo e olio, e quando avrà preso colore, fermatelo con un ramaiuolo di brodo. Buttata giù la testicciuola, conditela con sale e pepe, aggiungete a mezza cottura un pezzetto di burro, un poco di sugo o conserva di pomodoro e tiratela a cottura con altro brodo, se occorre. È un piatto da non presentarsi ad estranei, ma per famiglia è di poca spesa e gustoso; la parte intorno all'occhio è la più delicata.»

Se volete provare anche voi a cucinare questa prelibatezza un po’ alternativa della cucina italiana eccovi la ricetta:

Testicciola d'agnello

Ingredienti: testa d'agnello con il cervello e la lingua, pangrattato, olio d'oliva, vino bianco, sale e pepe.

Tagliate la testa dell’agnello in due parti, per la sua lunghezza (di traverso) e non fate come la servetta dell’Artusi; pulitela bene privandola della pelle e dei peli rimanenti.
Lavatela con cura in acqua fredda, facendo attenzione che il cervello non si stacchi, asciugatela e ponetela in un tegame largo con foglie d’alloro, sale, pepe, un bicchiere di vino bianco e olio d’oliva quanto basta.
Spolverate il tutto con del pangrattato e infornate in forno preriscaldato a 180 gradi per circa un’ora, state attenti che non si secchi troppo, versando ogni tanto del brodo vegetale.

Se preferite una testicciuola più morbida e sugosa potete provare la preparazione in umido, in cui la si pone la testicciuola in un tegame con prezzemolo, aglio, olio e un po’ di brodo. La cottura andrà fatta a tegame coperto per circa 40/50 minuti.

Ottimo è anche il cervello al limone:

INGREDIENTI per 4 persone:
1 cervello di vitello
Alloro
sale e pepe
olio
limone
Mettete il cervello a mollo in abbondante acqua fredda almeno per un’ora, pulendolo poi da ogni residuo di sangue coagulato e dalla sottile pelle che lo riveste.
Fatelo bollire per circa 20-25 minuti in acqua, aggiungendo anche l’alloro. Scolatelo bene tagliatelo a fette e conditelo con sale e pepe ed un’emulsione di olio e limone.
Potete servirlo bello caldo o come antipasto freddo, in quest’ultimo caso dopo averlo scolato mettetelo a riposare tra due piatti con un peso sopra, una volta raffreddato tagliatelo a fette sottili e conditelo come sopra. 
Chi lo desidera può aggiungere anche un velo di maionese.
Sarà una vera prelibatezza per i vostri ospiti.


Se ho stuzzicato la vostra fantasia e siete interessati a saperne di più del “cervello nella cucina italiana” potete provare anche queste altre ricette.
Ricette italiane a base di cervello:


Se volete scoprire le proprietà nutrizionali del cervello, date un’occhiatina qui 

Ed ora…buon appetito a tutti!

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…

Le supertizioni degli italiani!

La superstizione è una credenza di natura irrazionale che può influire sul pensiero e sulla condotta di vita delle persone che la fanno propria, in particolare la credenza che gli eventi futuri siano influenzati da particolari comportamenti senza che vi sia una relazione causale. La scaramanzia è una forma di superstizione secondo la quale alcune frasi o gesti attirerebbero o allontanerebbero la fortuna o la sfortuna.
Un  esempio è l'idea che dicendo qualcosa, questa non accadrà, o potrebbe accadere il contrario di ciò che si è detto.
Per questo motivo ad esempio, in Italia, si augura solitamente il contrario di ciò che si desidera che avvenga. Per esempio, a un cacciatore non si dirà "Buona caccia", ma "In bocca al lupo" parola entrata anche nel linguaggio comune e utilizzato per augurare "buona fortuna" .
Nonostante la cultura moderna condanni a parole la superstizione, molte credenze di questo genere sono estremamente diffuse anche nella società occ…