Post

Visualizzazione dei post da gennaio 6, 2013

Ciao Mariangela

Immagine
L'attrice e doppiatrice, Mariangela Melato, legge "Pensiero", una poesia di Alda Merini.

"Pensiero"

Pensiero, io non ho più parole.
Ma cosa sei tu in sostanza?
qualcosa che lacrima a volte,
e a volte dà luce.
Pensiero,dove hai le radici?
Nella mia anima folle
o nel mio grembo distrutto?
Sei così ardito vorace,
consumi ogni distanza;
dimmi che io mi ritorca
come ha già fatto Orfeo
guardando la sua Euridice,
e così possa perderti
nell'antro della follia.

Alda Merini


Noi e il Tempo tra di noi!

Immagine
Eros Ramazzotti NOI La mente non si spiega, tu chiamalo destino oppure caos Ma il cuore non si piega al desiderio che desidera I sogni se ci credi, non sono che realtà in anticipo L'avresti detto ieri, che oggi siamo qua, con tutta l'anima Noi adesso, due emozioni che si danno pace e il permesso di conoscersi profondamente Con le braccia aperte nude ad accoglierci Solo chi ha paura mette limiti.... Orgogliosamente NOI Orgogliosamente NOI Le affinità elettive, spalancano orizzonti un po’ più in la E il cuore sopravvive ad un'onda anomala che scuote l'anima Noi adesso, due emozioni che si danno pace e il permesso di conoscersi profondamente Con le braccia aperte nude ad accoglierci Solo chi ha paura mette limiti.... Orgogliosamente NOI Orgogliosamente NOI Il filo che ci lega, tu chiamalo destino, oppure NOI Noi adesso, due emozioni che si dan

Mancare

Immagine
mancare[man-cà-re] verbo (manco, manchi, manca, manchiamo, mancate, mancano)
Verbo intransitivo che può avere sia essere che avere come ausiliari
Non essere presente in un luogo o disponibile per qualcuno: mi mancano i soldi; in contesto noto, anche con l'argomento sottinteso: manca l'acqua; in frasi negative indica una presenza abbondante: il coraggio non mi manca. 
Detto di persona, essere lontano da un luogo, o non presente a una situazione: manca da casa; manca all'appuntamento
Sinonimo di restare: mancano dieci chilometri al traguardo; manca poco all'arrivo
Venir meno: mi mancano le forze 
Venir meno a un impegno: mancare a una promessa
Essere privi di qualcosa, non possederlo: mancare di cortesia, mancare di rispetto, di riguardo a qualcuno
Come verbo transitivo
Fallire qualcosa o qualcuno, non colpirlo: mancare il bersaglio
Perdere qualcosa non coglierlo: mancare il momento opportuno


Gli manca un venerdì= oppure gli manca qualche rotella=  si dice di persona bizzarra e un …

Cacchio

Immagine
Ci risiamo con le parolacce?  No ragazzi forse non mi crederete ma il significato di cacchio secondo il dizionario italiano è GERMOGLIO.
Nel linguaggio agricolo per cacchio s’intendono i germogli della vite o di altri tipi di rampicanti e infestanti. In effetti, però, se il vostro primo pensiero è andato ad una parolaccia, non avete tutti i torti, perché il termine è oggigiorno ormai anche un’alternativa o sinonimo, meno scurrile, del ben più volgare “cazzo”.
La parola cacchio, come peraltro succede alla sua omologa più volgare, viene utilizzata in moltissimi contesti, spesso dialettali, assumendo significati anche molto diversi e per nulla scurrili.
Il suo ruolo di sinonimo nei confronti del fratello volgare, la parola cacchio lo ha acquisito grazie al cinema e alla televisione degli anni ottanta; nei primi anni ottanta e novanta infatti, volgarità e malcostume erano da considerarsi tabù e venivano perciò fortemente censurate. 
Ciò portò “per esigenze espressive” alla ribalta, termini sim…

Gennaio

Immagine
Gennaio è il primo mese dell'anno secondo il calendario gregoriano e  conta 31 giorni.
Il nome gennaio deriva dal dio romano Giano (Ianuarius), divinità preposta alle porte e ai ponti, ma più in generale rappresentava ogni forma di passaggio e mutamento (difatti gennaio è il mese che apre le porte del nuovo anno).
Gli ultimi tre giorni di gennaio sono detti "I giorni della merla" (i cosiddetti giorni della merla sono, secondo la tradizione, gli ultimi tre giorni di gennaio 29, 30 e 31. Sempre secondo la tradizione sarebbero i tre giorni più freddi dell'anno).





Poesia di  Giovanni Pascoli Gennaio
Nevica: l'aria brulica di bianco; la terra è bianca, neve sopra neve; gemono gli olmi a un lungo mugghio stanco, cade del bianco con un tonfo lieve. E le ventate soffiano di schianto e per le vie mulina la bufera; passano bimbi; un balbettio di pianto; passa una madre; passa una preghiera!

Roberto Piumini Gennaio Gennaio è un mese freddo e scortese porta una sciarpa di neve e fango,
non suona…

Il mercato nero

Immagine

La maledizione della Gaiola

Immagine
I luoghi del mistero La maledizione della Gaiola
La Gaiola è una delle isole minori di Napoli, si trova proprio di fronte alla famosissima Posillipo nel cuore del “Parco sommerso di Gaiola”, un’area marina protetta che si estende su una superficie di 41,6 ettari dal pittoresco borgo di Marechiaro sino alla splendida Baia di Trentaremi.
Alle sue origini l’isola era nota come “Euplea” ossia come protettrice della navigazione e sicuro rifugio, per questo vi fu eretto un piccolo tempio; l’isola è così vicina alla costa da essere raggiungibile a nuoto in poche bracciate, ed è ricca di storie e di leggende.
Verso gli inizi del XIX secolo era, infatti, abitata da un eremita soprannominato dalle genti locali “Lo Stregone”, che viveva dell’elemosina dei pescatori del luogo (chissà, magari era questo un modo per ingraziarselo?).
Verso il 1847, sull’isola venne costruita una villa, visibile a tutt’oggi e che ebbe tra i primi proprietari il celebre Norman Douglas, autore della Terra delle Sirene.
La v…

La Befana-L'epifania

Immagine
La Befana, (termine che è corruzione di Epifania, ossia manifestazione) è una mitica anziana signora che a cavallo di una scopa  porta doni ai bambini buoni la notte tra il 5 e il 6 gennaio. I doni sono rappresentati da dolciumi, caramelle e cioccolatini, frutta, mandarini, noci, frutta secca e piccoli regali .....e per i bambini cattivi da carbone (che altro non è che un composto a forma di cubo, di zucchero coloroato di nero).



La sua origine si perde nella notte dei tempi, discende da tradizioni magiche precristiane e, nella cultura popolare, si fonde con elementi folcloristici e cristiani: la Befana porta i doni in ricordo di quelli offerti a Gesù Bambino dai Magi. 
L'immagine della Befana è quella di una vecchia che indossa un gonnellone scuro ed ampio, un grembiule con le tasche, uno scialle, un fazzoletto o un cappellaccio in testa, un paio di ciabatte consunte, il tutto vivacizzato da numerose toppe colorate.

PS.: Dire ad una donna che è una befana significa dirle che è molto,…