Post

Visualizzazione dei post da luglio 7, 2013

Vincenzo Cardarelli

Immagine
Vincenzo Cardarelli Corneto Tarquinia 1887 - Roma 1959 Poeta e scrittore italiano
"Viviamo d'un fremito d'aria, d'un filo di luce, dei più vaghi e fuggevoli moti del tempo, di albe furtive, di amori nascenti, di sguardi inattesi. E per esprimere quel che sentiamo c'è una parola sola: disperazione. Dolce, infinita, profonda parola."



Gabbiani da Poesie, 1936 Non so dove i gabbiani abbiano il nido, ove trovino pace. Io son come loro, in perpetuo volo. La vita la sfioro com'essi l'acqua ad acciuffare il cibo. E come forse anch'essi amo la quiete, la gran quiete marina, ma il mio destino è vivere balenando in burrasca.


ALLA DERIVA La vita io l’ho castigata vivendola. Fin dove il cuore mi resse arditamente mi spinsi. Ora la mia giornata non è più che uno sterile avvicendarsi di rovinose abitudini e vorrei evadere dal nero cerchio. Quando all’alba mi riduco, un estro mi piglia, una smania di non dormire. E sogno partenze assurde, liberazioni impossibili. Oimè. Tutto il mio chiuso e…

Folco Quilici - L'Italia vista dal Cielo: Lazio

Immagine
Il Lazio

Prodotto nel 1975 - Restaurato nel 2002 Un susseguirsi di ambienti naturali e geografici diversi, raccontati dalle riprese di Folco Quilici e descritti dal grande autore Mario Praz. Un viaggio attraverso la storia del Lazio, delle sue civiltà, dei suoi aspetti controversi che la rendono unica e proprio per questo incantevole. Il filmato di Quilici, le sue descrizioni realistiche ed emozionanti regalano allo spettatore la possibilità di avvicinarsi e di conoscere i numerosi luoghi della regione, le sue molteplici sfumature che si svelano in tutta la loro autentica bellezza. Una terra resa famosa da viaggiatori romantici come Goethe, dove arte, cultura, natura e storia si fondono per dare vita ad un luogo magico, ricco di incantevoli scenari e scorci di ineguagliabile splendore. È la campagna romana, così filmata da Quilici, ad avere un ruolo primario. Tra i pendii ed il verde che accompagnano le immagini, quasi per incanto appaiono numerosi reperti archeologici di rara bellezza che …

Corsi di italiano on-line

Immagine
LE AVVENTURE DI PROSIT


Un progetto per "Scoprire l´Italiano" la cui finalità è la promozione dell´integrazione linguistica e sociale dei cittadini immigrati.
È formato da 30 filmati con al centro tematiche quali: il permesso di soggiorno e il quadro normativo, i diritti civili e costituzionali, la casa, il lavoro, la sanità e la salute, la cittadinanza e la partecipazione, la cultura e l’arte italiana, ecc. correlati da note grammaticali e diversi esercizi.

Oltre ai filmati si trovano anche molti audio;  il progetto si articola in 2 livelli: uno di base rivolto a centinaia di migliaia di persone che ogni giorno utilizzano metro e autobus per trasferimenti dalla propria residenza ai luoghi di lavoro e di ritrovo; e l’altro avanzato, Prosit!.2 rivolto ad un numero di immigrati che incuriositi ed incoraggiati dai video visti, decidono di approfondire e rinforzare gli apprendimenti attraverso il free press e su questo sito internet in cui le tematiche trattate nei video saranno af…

DIVINA COMMEDIA INFERNO CANTO NONO

Immagine
Il canto nono dell'Inferno di Dante Alighieri si svolge nel sesto cerchio, la città di Dite, ove sono puniti gli eretici; siamo all'alba del 9 aprile 1300 (Sabato Santo), o secondo altri commentatori del 26 marzo 1300.
Dopo essere tornato presso Dante, Virgilio riacquista la propria serenità e incoraggia il suo discepolo ricordandogli di essere già disceso una volta fino al fondo dell’inferno. All’improvviso, sull’alto delle mura fortificate di Dite compaiono le tre Furie, mostri con sembianze di donna e chiome formate da un intrico di serpenti. Esse manifestano la loro ira per la presenza dei due poeti, dilaniandosi con le unghie, percuotendosi e gridando in maniera terrificante.  Ma da sole sono impotenti a punire il vivo che ha osato violare la dimora della morte; per questo invocano a gran voce Medusa, la Gorgone che ha il potere di trasformare in pietra chiunque la guardi.  Virgilio invita il suo discepolo a volgere le spalle, ed egli stesso gli copre gli occhi con le mani. …