Passa ai contenuti principali

La bicicletta


C’è chi la ama, e chi la odia, chi la usa sempre, chi non la usa mai, chi ce
l’ha in cantina a far ragnatele e chi invece ci fa persino le vacanze.

La mitica bicicletta se non esistesse già bisognerebbe proprio inventarla!

In termini tecnici la bicicletta è un mezzo di trasporto a trazione meccanica, si basa su due ruote azionate dalla forza delle gambe che spingono su pedali collegati alla ruota posteriore per mezzo di una catena metallica.

Ma la bicicletta è molto più di tutto questo è un culto, ed un oggetto a cui sono stati dedicati pensieri, film e testi di canzoni.

Ve ne viene in mente qualcuno?
Guardate un po’:

Citazioni sul ciclo

La vita è come andare in bicicletta: se vuoi stare in equilibrio devi muoverti. (Albert Einstein)

La vita è come la bicicletta; sta su perché va. Anselmo Bucci, Il pittore volante, 1930

Praticare la cyclette, è come fare surf in una Jacuzzi. Didier Tronchet, Piccolo trattato di ciclosofia, 2000

La vita è come una bicicletta con dieci velocità. La maggior parte di noi ha marce che non userà mai. (Charles M. Schulz)

Bicicletta appesa di Riccardo Fabiani


Modi di dire che hanno a che fare con le biciclette!

Alla bersagliera
Letteralmente "di corsa".
 Frase resa famosa nel film Fantozzi contro tutti, in cui il protagonista salta in sella alla sua bicicletta alla bersagliera.



Appendere (le scarpe) al chiodo
L'espressione, usata spesso in ambito sportivo, significa "ritirarsi dall'attività agonistica". Per estensione significa spesso ritirarsi.

Hai voluto la bicicletta? E adesso pedala!
Domanda  retorica che si pone a chi mostra segni di insofferenza per un oggetto  o una persona che, in precedenza, ha voluto con tanta insistenza. 

Frankie hi-nrg mc "Pedala" 


Scriviam la nostra storia usando biciclette,
inseguendo la memoria su strade molto strette,
su per le salite senza avere una borraccia, giù
per le discese con il vento sulla faccia. Perché
la bicicletta non importa dove porti, è tutto un
equilibrio di periodi e di rapporti, è tutta una
questione di catene e di corone, di grasso che
lubrifica la vita alle persone. Come nella vita
c’è una ruota che gira, una ruota che spinge e
con quest’aria che tira se una ruota si fora la
caduta è sicura: una toppa ripara, una ferita si
cura. Non avere paura che sennò ti deconcentri,
devi far coincidere i pesi e i baricentri.
L’impegno di coppia per un singolo momento:
due le forze in gioco, un solo movimento.
Pedala – insegui la tua storia ovunque vada
Pedala – macina chilometri di strada
Pedala – l’hai voluta tu la bicicletta
Pedala – più in fretta
Pedala – più in fretta…
Se è libero il pignone lo sceglie la corona, che
attraverso una catena condiziona il moto del
sistema: monarchia meccanica che ha giurato
fede eterna alle leggi della fisica. Statica,
termodinamica, quasi democratica se quando si
ferma si va a ruota libera, o tirannica, con la fissa
dello scatto, senza i freni che difendon dall’impatto.
È mansione del pignone fare la rivoluzione,
portare il movimento in ogni direzione, in costante
acrobazia irradia l’energia dal centro fino alla
periferia. È solo una questione di rapporto tra
ingranaggi e tutto gira liscio fino a che non ti
scoraggi, che l’unico motore qui sei tu con il
fiatone a spingere in salita per la vita il carrozzone.
Pedala – insegui la tua storia ovunque vada
Pedala – macina chilometri di strada
Pedala – l’hai voluta tu la bicicletta
Pedala – più in fretta
Pedala – più in fretta…
Sai bene che la storia è ciclica, come la pazienza
è biblica e la peggior salita è una discesa ripida,
repentina, tutta tornanti, serpentina, peso
in avanti, giù dalla china. Come una valanga
controllata precipiti in picchiata, il paesaggio vola
dentro a una zoomata. Guardi dove vai, vai dove
vuoi, occhi aperti e sai come stai, fai come puoi.
Il traguardo arriva quando meno te lo aspetti:
è un parcheggio di bici appoggiate ai cavalletti,
bici abbandonate là, senza controparte, pronte
a ripartire se qualcuno parte. Pronte per andare
lontano, cambiando i rapporti, andandoci piano.
Pensa che una volta una bici fece piangere un
uomo: diventarono amici. Lei gli chiese perdono.
Pedala – insegui la tua storia ovunque vada
Pedala – macina chilometri di strada
Pedala – l’hai voluta tu la bicicletta
Pedala – più in fretta
Pedala – più in fretta…


Canzoni sulla bicicletta

Ladri di biciclette/Franco Baccini - Ladri di biciclette [Sotto questo sole]

Ma dove vai bellezza in bicicletta (Silvana Pampanini)

IN BICICLETTA - Riccardo Cocciante

Stadio - E mi alzo sui pedali

Francesco Baccini- In fuga.


La bicicletta nei film.


Totò al giro d'Italia
Il professor Totò s’innamora di una collega che accetterà la sua proposta di matrimonio solo se vincerà il giro. Il professore vende l'anima al diavolo firmando con lui un contratto. Vince una tappa dietro l'altra ma prima dell'ultima il diavolo gli ricorda che dopo la vittoria lui si riprenderà la sua anima. Totò e la sua ragazza si disperano: il diavolo lo sta aspettando a casa di sua madre....


1948 - Totò al Giro d' Italia - Estratto dal film von daniele325


Fantozzi 
Scena tratta dal film "Fantozzi contro tutti", in cui Fantozzi partecipa (sfortunatamente) alla coppa Cobram. Sfinito dalla corsa, é costretto ad usare mezzi sleali..


La vita è bella – bicicletta

"Chiedimi se sono felice" di Aldo Giovanni e Giacomo



Commenti

  1. Ciao Lisa,
    sarei onorato di mettere una mia foto a disposizione di questo tuo bel articolo, a totale uso gratuito, giusto una piccola mensione come autore e relativo link:
    (http://www.riccardofabiani.it/fotografia/vespa-bicicletta-e-nave/attachment/biciletta-appesa-alla-finestra/)
    Sarò felice di citare questo articolo sul mio sito, previa tuo consenso.

    RispondiElimina
  2. Ciao Riccardo,
    ho inserito la tua foto nell'articolo.
    Un carissimo saluto e se vuoi cita pure questo articolo nel tuo sito, mi farebbe molto piacere.
    Lisa Benetti

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…

Gli errori più comuni nella lingua italiana. AIUTO COME SI SCRIVE!

1.Ce o C’è
Dipende! Ce è una particella pronominale, inclusa in verbi pronominali come ad esempio “avercela”:
 Si vede benissimo che ce l’hai a morte con lui. C’è è la contrazione ci è= esserci essere presente (nella forma singolare). Tra me e te c’è una bella differenza!
2.Da, Dà o Da’ Anche qui dipende! Da, semplice semplice, è la preposizione. Vengo da Vicenza e tu?  Il dà accentato è la forma della terza persona singolare del verbo dare.
Mamma te le dà, se non la smetti! Il da’ con l’apostrofo è la forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dare. Da’ una mano a tuo fratello!
3.Di, Dì o Di’ Dipende…da che dipende… Di= preposizione semplice. Quel mobile è fatto di legno Dì= un sostantivo sinonimo di giorno. Prenda la medicina tre volte al dì! Di’= forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dire.
Di' subito a mamma la verità, mascalzone!
4.E o ed? A o ad? La cosiddetta D eufonica (cioè dal bel suono) va aggiunta nel caso la parola successiva inizi con la…