Passa ai contenuti principali

CONCORSO: I FIORI BLU DI SICILIA

CONCORSO
I FIORI BLU DI SICILIA



Avete voglia di un regalo?

Avete voglia di regalarVi o di regalare un corso di italiano in una delle più belle città del “Belpaese”?

Allora questo è il CONCORSO che fa per voi…e non è detto che le vostre prossime vacanze non siano all’insegna del sole, del mare, dell’italiano e di tanto buon cibo genuino!

Dove?
Il corso avrà luogo nella meravigliosa PALERMO in un’ottima scuola d’italiano per stranieri “I fiori blu di Sicilia”, diretta dalla dottoressa Teresa Bevilacqua!

Quando?
Avrete un anno di tempo per organizzarvi e scegliere il momento perfetto per il vostro corso d’italiano, compatibilmente con le disponibilità della scuola con cui vi accorderete per le date.

Allora siete curiosi?

VI REGALANO:

UN CORSO GRATUITO DI DUE SETTIMANE
LA BELLEZZA DI 40 ORE DI LEZIONE

2 Settimane: 4 ore al giorno da lunedì al venerdì;

Il corso comprende:
•             test d’ingresso;
•             lezioni frontali come da programma didattico del livello linguistico;
•             dispense didattiche e materiali didattici del livello ;
•             un’escursione didattica a settimana che sostituisce la lezione;
•             Certificato finale.

Il corso comprende 40 ore di lezioni distribuite in orari e giorni che saranno stabiliti.
E' un corso d’Italiano standard intensivo.
 Il corso prevede l'analisi di testi tratti da libri e lezioni di dizione e pronuncia.
 I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base della lingua italiana o approfondiranno e miglioreranno le loro conoscenze.
Il corso a carattere generale prevede la riflessione sugli aspetti grammaticali e strutturali della lingua, con esercizi miranti a testare il grado di apprendimento dallo studente, migliorando le sue conoscenze.
Verranno trattati anche testi comunicativi che tengano conto delle situazioni reali in cui gli stranieri viene a trovarsi nella loro vita quotidiana in Italia.
Il metodo comunicativo viene utilizzato per migliorare le quattro abilità linguistiche : ascolto, conversazione , lettura e scrittura .


ATTENZIONE PERÒ:
La scuola aiuterà lo studente a trovare un alloggio MA il vitto, l’alloggio e il viaggio saranno a carico dello studente stesso.
Lo studente potrà partecipare a tutte le attività gratuite della scuola.
Le attività a pagamento (visite guidate, cene, corsi di cucina) saranno a pagamento.

Gli alloggi della scuola sono di queste tipologie:
Prezzo dell’alloggio in appartamento autonomo con max due persone per 14 notti: 420 euro;
Prezzo Hotel 4 stelle, in camera doppia:  630 euro con prima colazione;
Prezzo appartamento con altri studenti in stanze singole o doppie: 230 euro.

Cosa dovete fare?

Semplicissimo:

1. DIVENTARE FAN delle pagine di ItaliaBenetti e di I fiori blu di Sicilia su Facebook e se siete blogger, del blog Una finestra sull’Italia!

2. Risolvere questo piccolo cruciverba, trovare la parola misteriosa e mandarmela per e-mail a lisa@italiabenetti.com indicandomi chiaramente anche il vostro nome (entro e non oltre il NOVE LUGLIO 2014)!

Esempio
Oggetto: I fiori blu di Sicilia
Parola Misteriosa: ….
Spedito da: Lisa Benetti


Tra tutti gli invii con la parola giusta, IL 10 LUGLIO verrà estratto a sorte il fortunato vincitore di un corso di italiano di due settimane a PALERMO in Sicilia.

ALLORA SU….DAI…..PROVATE È SEMPLICISSIMO!
Lo so, lo so, solo uno di voi avrà la fortuna di vincere il premio finale ma…VI DICO SIN DA ORA che un bel regalo aspetta tutti coloro che vorranno partecipare!

MI RACCOMANDO PASSATE PAROLA

UN AIUTINO
Le domande del cruciverba fanno riferimento ai post del blogUna finestra sull’Italia nell'etichetta  IFIORI BLU DI SICILIA (nei vari articoli, troverai tutte le risposte che ti servono!).


Per leggere le domande basta fare clic col maus direttamente sul numero nel cruciverba, e poi inserire la risposta!

Fate attenzione la parola magica si trova al 1) verticale
per scoprirla dovete risolvere tutte le definizioni orizzontali!!!


  • Clicca il numero direttamente nel cruciverba
  • Inserisci la parola corrispondente alla definizione e dai enter
  • Puoi controllare se la parola è giusta cliccando su: "Check"
  • Il programma ti darà un suggerimento, non facendo apparire le lettere sbagliate!
BUON LAVORO!!!





Commenti

  1. Bellissima l'iniziativa di proporre un concorso di cui aggiungerà conoscenza e nuove esperienze a noi stranieri. In bocca al lupo ragazzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Silvia,
      e in bocca al lupo anche a te!
      Un salutone
      Lisa

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

Le supertizioni degli italiani!

La superstizione è una credenza di natura irrazionale che può influire sul pensiero e sulla condotta di vita delle persone che la fanno propria, in particolare la credenza che gli eventi futuri siano influenzati da particolari comportamenti senza che vi sia una relazione causale. La scaramanzia è una forma di superstizione secondo la quale alcune frasi o gesti attirerebbero o allontanerebbero la fortuna o la sfortuna.
Un  esempio è l'idea che dicendo qualcosa, questa non accadrà, o potrebbe accadere il contrario di ciò che si è detto.
Per questo motivo ad esempio, in Italia, si augura solitamente il contrario di ciò che si desidera che avvenga. Per esempio, a un cacciatore non si dirà "Buona caccia", ma "In bocca al lupo" parola entrata anche nel linguaggio comune e utilizzato per augurare "buona fortuna" .
Nonostante la cultura moderna condanni a parole la superstizione, molte credenze di questo genere sono estremamente diffuse anche nella società occ…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…