Passa ai contenuti principali

DI TUTTO E DI PIÙ SULLE SUOCERE

TUTTO SULLE SUOCERE
Eh …lo sappiamo tutti che dei maschi italiani si racconta che siano terribilmente
mammoni; ma non diamocela a bere la mammonaggine non è solo prerogativa dei maschi italiani!

Certo che parlando di suocere se ne possono raccontare davvero di tutti i colori:

CITAZIONI SULLE SUOCERE
·         Sono appena tornato da un viaggio di piacere. Ho accompagnato mia suocera all’aeroporto.
Milton Berle, in Gino & Michele, Anche le formiche nel loro piccolo s'incazzano. Opera omnia, 1995

·         Pietro rimase in buoni rapporti con Gesù, nonostante Gesù gli avesse guarito la suocera.
Samuel Butler

·         Honolulu ha tutto: la sabbia per i bambini, il sole per tua moglie, gli squali per tua suocera.
Ken Dodd

·         Non ho parlato con mia suocera per diciotto mesi. Non volevo interromperla.
Ken Dodd

·        
Finché la suocera è in vita, la pace domestica è fuori discussione.
Decimo Giunio Giovenale, Satire, II sec.

·         Il suocero ama il genero, ama la nuora; la suocera ama il genero, ma non ama certo la nuora. Tutto è reciproco.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

·         Fra suocera e nuora ci si sta in malora.
Giovanni Verga, I Malavoglia, 1881

·         Se vostra suocera e un commercialista stessero affogando e voi aveste la possibilità di salvare solo uno di essi, andate al ristorante o andate al cinema?
Tom Weller, in Gino & Michele, Anche le formiche nel loro piccolo s'incazzano. Opera omnia, 1995

PROVERBI SULLE SUOCERE
Dire a nuora perché suocera intenda.

È più facile che una formica mangi un tordo che la nuora e la suocera vadan d’accordo.

La suocera migliore è quella vestita di fiori.

La suocera non ricorda mai che fu nuora.

Le suocere stanno bene attaccate al muro.

La vipera che morse mia suocera morì avvelenata.

Mamma e figlia stanno in una bottiglia; suocera e nuora non entrano in un fienile.

Meglio suocera di genero che suocera di nuora.

Morte di suocera dolor di gomito.

Pace tra suocera e nuora dura quanto la neve marzola.

Se hai un padre povero sei sfortunato. Se hai un suocero povero sei scemo.

Suocera cieca, nuora avventurata.


Suocera e gelatina son buone fredde.

Suocera e matrigna rogna e tigna.

Suocera e nuora tempesta e gragnola.

Suocera e nuora, tempesta e gragnola.

Suocera e nuora: gli occhi e il fumo.

Suocera e nuora: il diavolo e l’acqua santa.

Suocere e cognate, spine avvelenate.

Tra suocera e nuora il diavolo lavora.

Una suocera è buona e lodata quando è morta e sotterrata.

BARZELLETTE SULLE SUOCERE

Un uomo dall'aria affranta entra in un'agenzia di pompe funebri e si rivolge all'impiegato: "Purtroppo ieri è morta mia suocera. Devo comprare una bara..."
L'impiegato: "Come la vuole?"
L'uomo: "Chiusa bene!

"Mia suocera è un angelo."
"Beato te! La mia è ancora viva!"

A tre mesi dalla scomparsa La ricordano la figlia Addolorata e il genero Felice.


Un uomo entra in farmacia:
"Vorrei un flacone di arsenico!"
"Arsenico! E a che le serve?"
"E' per mia suocera!"
"Ha la ricetta?"
"No, ho la fotografia!"

Ingegnere e cliente:
Cliente: "Tutto chiaro? Voglio una casa tonda, con stanze tonde, porte tonde, finestre tonde, tavolo tondo ... insomma, tutto tondo."
Ingegnere: "Sì, certo, però mi tolga la curiosità….perché?"
Cliente: "Sa com'è ... mia suocera mi ha detto: quando costruisci la casa lascia un angolo anche per me!"

Un uomo entra in un bar tutto graffiato e ferito.
Un suo amico gli chiede: "Che hai fatto?"
Lui risponde: "Eh, ho seppellito la suocera!"
"E perché hai i graffi in faccia?
"Perché lei non voleva!

SUOCERE IN VIDEO






Littizzetto - Quattro tipi di suocera

A telefono con la suocera


LO SAPETE CHE ESISTE ANCHE

Il Latte di Suocera 75%vol
Il latte di Suocera è uno dei liquori più forti al mondo, un centerbe, secco, ad altissima gradazione alcolica: ben 75 gradi.
Distillato da bacche ed erbe alpine, è lavorato per infusione, estrazione a freddo e miscelazione con alcool per poi essere affinato per 4 mesi circa in botti di Rovere.
Di solito non va assunto liscio, ma viene utilizzato per la preparazione di cocktail flambé in quanto l'elevata concentrazione di alcol lo rende facilmente infiammabile.
Il suo nome deriva dall’inconfondibile bruciore che si sente forte in gola non appena lo si deglutisce, quello stesso bruciore che provoca l’acidità tipica delle suocere.
Il Produttore
Zanin distillerie
A metà dell’800, Bortolo Zanin gestiva a Zugliano una Locanda ubicata dove sorge l’attuale distilleria. Oltre che ristorare le persone con pietanze tradizionali della zona, Bortolo aveva la passione dello “spirito bianco”: la bevanda che all’epoca sapeva “riscaldare” gli animi delle persone.
Distillava per passione e in modeste quantità le vinacce che il suo vigneto gli procurava con un alambicco artigianale in rame battuto a mano, che oggi è ancora visibile presso la distilleria, portano, Bortolo Zanin, nel lontano1895 a decidere di ampliare la produzione e la gamma.

Il costo si aggira intorno ai 20/25 euro.

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…

Gli errori più comuni nella lingua italiana. AIUTO COME SI SCRIVE!

1.Ce o C’è
Dipende! Ce è una particella pronominale, inclusa in verbi pronominali come ad esempio “avercela”:
 Si vede benissimo che ce l’hai a morte con lui. C’è è la contrazione ci è= esserci essere presente (nella forma singolare). Tra me e te c’è una bella differenza!
2.Da, Dà o Da’ Anche qui dipende! Da, semplice semplice, è la preposizione. Vengo da Vicenza e tu?  Il dà accentato è la forma della terza persona singolare del verbo dare.
Mamma te le dà, se non la smetti! Il da’ con l’apostrofo è la forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dare. Da’ una mano a tuo fratello!
3.Di, Dì o Di’ Dipende…da che dipende… Di= preposizione semplice. Quel mobile è fatto di legno Dì= un sostantivo sinonimo di giorno. Prenda la medicina tre volte al dì! Di’= forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dire.
Di' subito a mamma la verità, mascalzone!
4.E o ed? A o ad? La cosiddetta D eufonica (cioè dal bel suono) va aggiunta nel caso la parola successiva inizi con la…