PARLARE

PAROLE IN FAMIGLIA
PARLARE


Oggi trattiamo la famiglia del verbo parlare, imparando a distinguere tutti i verbi che ad essa appartengono con i loro specifici significati.



Balbettare: articolare le sillabe con incertezza, a causa di un difetto naturale di pronuncia o per cause psicologiche; pronunciare stentatamente o confusamente, per occasionali impedimenti.
Era così emozionato che parlava balbettando.
Balbettò un paio di scuse e scappò via!

Ciarlare chiacchierare in modo vano, facendo pettegolezzi, anche senza malignità. Parlare di qualcosa senza riflettere sulle conseguenze che ne possono derivare.
Nella mente, don Abbondio [...] si pentiva anche dell'aver ciarlato con Perpetua. (Manzoni)
Quattro donne sedute ad un caffè ciarlavano ad alta voce!

Ruggire il caratteristico urlo forte e rauco emesso dai leoni e da altri animali feroci. Per estensione riferito a persone significa urlare in modo furioso con fare rabbioso e minaccioso.
Il ruggito di un leone riecheggiava in lontananza.
Gli ruggì in faccia che non lavrebbe mai perdonato!

Urlare emettere grida forti e prolungate, gridare, parlare a voce altissima.
Mi urlò senza mezzi di termini di lasciarla in pace!
Urlare a squarciagola può essere molto liberatorio.
Le sirene della polizia urlavano in lontananza.

Sussurrare parlare sottovoce, bisbigliare, mormorare
La svegliò sussurrandole dolci parole!

Borbottare parlare a bassa voce pronunciando le parole in modo poco comprensibile. Bofonchiare confusamente senza scandire le parole. Lamentarsi a bassa voce, mormorare fra i denti.
Borbottò un paio di scuse e scappò via!
Non fa altro che borbottare in continuazione

Articolare produrre suoni, pronunciare parole distintamente con grande chiarezza, quasi sillabando.
Aveva bevuto talmente tanto da non riuscire ad articolare una parola!

Comunicare rendere noto, far sapere qualcosa a qualcuno, dire qualcosa confidare, divulgare.
Gli comunicarono la notizia durante la cena della vigilia di Natale.

Pronunciare produrre, articolandoli, i suoni di una lingua
La prima parola che ho pronunciato è stata mamma!

Proferire dire, esprimere, pronunciare ossia emettere uno o più suoni vocali formando frasi o parole.
Stette ad ascoltarlo in silenzio senza proferire parola!

Dire esprimere qualcosa a parole.
Ti ho detto mille volte di lasciarmi in pace!

Fiatare in senso figurato e in frasi negative, dire qualcosa, aprire bocca, parlare, in particolare per protestare.
Se ne andò senza fiatare!

Conversare colloquiare piacevolmente, dialogare, chiacchierare amichevolmente.
Abbiamo chiacchierato del più e del meno tutta la serata.

Chiacchierare parlare, conversare del più e del meno, di cose futili e oziosamente. Parlare di cose varie per passatempo, facendo discorsi senza impegno su cose varie.
Ci siamo prese un caffè e abbiamo fatto due chiacchiere.

Discutere parlare, avere uno scambio di opinioni con qualcuno. Trattare, esaminare un
preciso tema confrontando le diverse opinioni. Dialogare confrontandosi su temi precisi.
Quando si mettono a discutere di politica, non li sopporto.

Confabulare parlottare a voce bassa e con aria misteriosa senza farsi sentire da chi è vicino e potrebbe ascoltare. Indica per lo più una conversazione amichevole o familiare, o una conversazione appartata e misteriosa.
Confabularono tra loro un paio di minuti e poi se ne andarono ridacchiando!

Parlottare parlare a bassa voce, in modo fitto e misterioso, cercando di non farsi sentire.
Invece di parlottare tra di voi, abbiate il coraggio di dirmi cosa c’è che non va!

Vuotare il sacco rivelare ciò che si sa, in particolare confidenze e segreti. Confessare, rivelare.
Ora non tenermi sulle spine e vuota il sacco!

Spifferare dire, divulgare cose se sarebbero riservate o segrete, sia per irresponsabile loquacità che con intento malvagio. Riferire ciò che si è sentito o visto e che sarebbe stato doveroso tacere senza riguardi o riserbo.
Le spifferò senza riserbo di aver visto suo marito con lamante!

Spiattellare rivelare senza reticenze a qualcuno cose riservate. Riferire per filo e per segno cose riservate o indiscrete.
Era un segreto, non dovevi spiattellarlo a mezzo mondo!

Cantare modulare la voce emettendo note e toni di un componimento musicale.
Canta in modo divino!

Vociferare spargere, propagare, diffondere notizie non ufficiali e non attendibili. Diffonder una voce su qualcosa o qualcuno.
Si vocifera che la moglie lo abbia avvelenato perché laveva cornificata!

Ululare il verso tipico dei lupi e dei cani quando emettono urli prolungati e lamentosi. Per estensione produrre suoni cupi e lamentosi.
Quando si diede una martellata sul dito, ululò di dolore!

Fischiare emettere dei suoni striduli soffiando con la bocca o con un fischietto.
Fischiò al cane perché tornasse a casa.

Raccontare conversare, comunicare attraverso il linguaggio, esprimere con la voce concetti, sensazioni, fatti o pensieri.
Di fronte al fuoco si raccontavano storie di fantasmi e paura!

Te li ricordi tutti?


Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

Esclamazioni e Interiezioni

Le supertizioni degli italiani!