Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da settembre 27, 2020

Classicheggiando

GIACOMO PUCCINI Compositore (1858 - 1924) Giacomo Antonio Domenico Michele Secondo Maria Puccini (Lucca, 22 dicembre 1858 – Bruxelles, 29 novembre 1924) è stato un compositore italiano.

È considerato uno dei massimi operisti della storia.

I primi quattro nomi con cui fu registrato all'anagrafe (Giacomo, Antonio, Domenico, Michele) sono i nomi dei suoi antenati, in ordine cronologico dal trisnonno al papà.

Nato a Lucca nel 1858, fu il più importante compositore italiano della generazione post-verdiana. Discendeva da una numerosa casata di musicisti, direttori d'orchestra e compositori e si dava quindi per certo che avrebbe ereditato il talento e l'interesse per perpetuare il mestiere prescelto della sua famiglia.   Subito dopo la morte prematura del padre, alla tenera età di sei anni ricevette in eredità non solo il posto di maestro del coro e organista nella chiesa di San Martino, ma anche quello di docente di musica al Collegio Ponziano. 




Dal momento che la madre aveva delle g…

Turandot

TURANDOT DI G. PUCCINI « Chi quel gong percuoterà apparire la vedrà bianca al pari della giada fredda come quella spada è la bella Turandot! » (Coro, atto I) Turandot è un'opera in 3 atti e 5 quadri, su libretto di Giuseppe Adami e Renato Simoni, lasciata incompiuta da Giacomo Puccini (morto il 29 novembre 1924) e successivamente completata da Franco Alfano.

La Trama In Cina, in un mitico "tempo delle favole", viveva una bellissima e solitaria principessa (Turandot), nella quale albergava lo spirito di una sua antenata violentata e uccisa. Da ciò nasceva l'orrore di Turandot per gli uomini. Il popolo di Pechino e l'Imperatore suo padre (Altoum) le facevano però pressioni affinché si sposasse. Ella finì per accettare  ma ad una condizione: sposare solamente il giovane nobile che sarebbe stato in grado di sciogliere i tre enigmi da lei proposti: “Chi fallirà, però, morirà decapitato”.
L'opera si apre con l'ennesima testa che cade, quella del giovane Princip…

Come usare Magari in italiano - Magari e Forse - (Meaning of MAGARI e FORSE in the Italian language)

Sicuramente ti è già capitato di sentire la parola magari e di chiederti che significato ha.Beh, i significati della parola magari sono tanti, vediamoli insieme.La parolina magari proviene dalla lingua greca, makárie, vocativo di makários ‘felice, beato’!Magari può avere funzione di interiezione, congiunzione o avverbio.A)INTERIEZIONE/ESCLAMAZIONE (per esprimere un sentimento)In questo caso magari esprime un vivo desiderio e significa “Mi piacerebbe, sarebbe bello!”. Un’espressione di auspicio, desiderio o rimpianto (quindi dispiacere) che si può trovare da sola nelle risposte.Ho un biglietto gratis per il concerto di Adel vuoi venire? Magari! (=sarebbe bello, mi piacerebbe)Vieni in vacanza con noi? Magari!Hai passato l’esame? Magari, mi ha bocciato di brutto! (=sarebbe stato bello, ma non è andato così)Sai che abbiamo vinto al lotto? Magari fosse vero!MAGARI= MI PIACEREBBE TANTO- SAREBBE BELLOMAGARIrisposta positiva per rispondere a un desiderio.MAGARI risposta che esprime il dispiac…

Italiano errori comuni - PIUTTOSTO

1.Piuttosto che…Significa “anziché” o “invece di” e introduce una preferenzache si accorda ad un elemento rispetto ad un altro.Piuttosto che giocare col telefonino, mettiti a studiare!Preferisco andare a piedi piuttosto che usare l’automobile.


ATTENZIONEPiuttosto, usato da solo (senza il che) non introduce un paragone ma significa “abbastanza”, “parecchio” o “alquanto”:Oggi fa piuttosto freddo.È una ragazza piuttosto carina.È piuttosto tardi, sbrigati o non arriverai in tempo.Il treno procede piuttosto velocemente, vedrai che recupererà il ritardo.Usato in questo senso piuttosto viene sempre seguito da un avverbio o un aggettivo.Ricordatevi inoltre che “piuttosto” indica una quantità positiva e sufficiente ed esprime una “cautela di giudizio”:Questo romanzo mi è piuttosto piaciuto. (Sì, mi è piaciuto ma non mi ha fatto impazzire)Il ragazzo di Maria è piuttosto carino. (Sì, è carino…ma non bellissimo).O Piuttosto…Significa “o meglio” “anzi”:Regalagli un libro, o piuttosto un cappello, m…