Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da luglio 8, 2012

Proverbi italiani!

SCARPA
Non esiste bella scarpa che non diventi una ciabatta=la bellezza svanisce
Ogni bella scarpa prima o poi diventerà uno scarpone malridotto
Il calzolaio non giudichi oltre la scarpa=ognuno faccia il suo mestiere
Di marzo chi non ha scarpe vada scalzo
I parenti sono come le scarpe, più strette ti vanno più male ti fanno=indica quanto pericolosi possono essere i parenti impiccioni e intriganti
Sopra le scarpe nuove, prima o poi ci piove
Contadino (e montanino) scarpe grosse e cervello fino=proverbio usato per indicare che l’apparenza rude e gli scarponi poco eleganti dei montanari e dei campagnoli spesso celano buon senso e furberia
Non giudicare il tuo vicino finché non avrai camminato per due lune nelle sue scarpe
Solo chi ha le scarpe ai piedi sa dov’è che fanno male

Il figlio del ciabattino va in giro con le scarpe rotte
A marzo chi non ha scarpe va scalzo, d'aprile chi ne ha sta bene
Chi ha un paio di scarpe nuove, le mostra volentieri
Non tutti i piedi stanno bene in una scarpa
Piedi p…

Giovedì gnocchi

GLI GNOCCHI Gli gnocchi sono un piatto tipico italiano, la loro preparazione base è molto semplice, anche se richiede un po’ di tempo. Gli gnocchi si sposano bene con numerosi sughi. Volete imparare a farli? Ecco come si preparano:

1 kg di patate Sale quanto basta 1 uovo 300 gr di farina


Gli gnocchi sono un cibo antichissimo, preparato con farine differenti: farina di frumento, di riso, di semola, con patate, pane secco, tuberi o verdure varie. La varietà più diffusa in Italia è quella di patate. Nella città di Roma il piatto tradizionale del giovedì sono/erano gli gnocchi, seguendo il detto "Giovedì gnocchi, Venerdi pesce (o anche "ceci e baccalà"), Sabato Trippa". Ancora oggi sopravvivono antiche osterie e trattorie dove si segue questa tradizione. Noto è il detto romano "Ridi, ridi, che mamma ha fatto i gnocchi"! A Verona un piatto di gnocchi al pomodoro viene tradizionalmente consumato il "Venàrdi Gnocolàr", giorno della sfilata dei carri di Carnevale. …

Frutta e pettegolezzi

Davanti al cinema tre amici che "chiacchierano"….. Grazia: Hai visto la Maria che due meloni che si è fatta fare? Graziella: Meloni? Quelle sono due cocomeri; lo si vede da lontano che sono finte….prima aveva due susine! Si è fatta pagare tutto dal suo nuovo fidanzato, si fa spremere come un limone, quel cetriolo! Luca: Di chi parlate? Di quella gran figona della Maria? Grazia: Uomini, tutti uguali, non vedono altro…..l’ho sempre detto che tu hai la testa bacata come una mela! Luca: Mah! Per me era già bella prima, ora ha solo messo la ciliegina sulla torta! Graziella: Con te siamo proprio alla frutta Luca. Vedi di non farti sentire dalla tua fidanzata o addio fiori d’arancio…….e domani ti ritroviamo con due pesche sotto agli occhi! Luca: Parlate, parlate voi, siete acide come limoni e fate come la volpe con l’uva! L’unica frutta che vi ritrovate addosso è la buccia d’arancia e adesso andiamo a vedere ‘sto cinecocomero, prima che cambi idea. Graziella e Grazia: I soliti ragionamenti…

Dillo con la frutta

Arrivare alla frutta=essere al momento finale di qualcosa; avere esaurito tutte le risorse, in particolare economiche, essere al verde; non farcela più, aver finito tutte le energie. Giungere alla frutta, arrivare alla frutta= essere in ritardo, arrivare a cose fatte, troppo tardi per godere di un beneficio. Cogliere il frutto quando è maturo= sapere agire al momento giusto, approfittare di un'occasione propizia. Dare buoni frutti= dare buoni risultati, far guadagnare, fare ottenere una buona riuscita, dare una rendita proficua. Dare cattivi frutti= dare cattivi risultati, anche sotto il profilo monetario Frutto della colpa= usato ormai solo in senso scherzoso, indica il figlio nato da un'unione illegittima. Frutto di stagione= avvenimento o comportamento tipico di un dato momento storico o di una certa età anagrafica. Usato anche in senso scherzoso. Frutto proibito=qualsiasi cosa o piacere che sia oggetto di proibizione o divieto. Allude al frutto dell'Albero del Bene e del Male …