Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da settembre 20, 2020

Modidit - Avere le mani lunghe - Modi di dire con la parola MANO

Avere le mani lunghe: è un’espressione che significa diverse cose anche ben diverse tra loro.·Essere inclini al furto. Per estensione “allungare le mani” ossia rubare e in senso lato può significare anche “toccare qualcosa senza avere il permesso di farlo”, prendersi confidenze sconvenienti con una persona dell’altro sesso. L’immagine è tratta dal gesto di chi opera furti con velocità e destrezza, allungando le mani in modo agile e veloce sui beni altrui, in modo scaltro e senza che il derubato se ne accorga.Pietro è di nuovo in galera, lo hanno beccato a rubare, ha le mani troppo lunghe quel ragazzo.Maria stai attenta a quel tipo in fondo al bus ha la mania di allungare le mani palpeggiando le signore!·Essere così potente da arrivare dappertutto, avere relazioni potenti e ramificate che danno la possibilità di immischiarsi in particolar modo in affari loschi. In questa accezione si usa spesso anche il modo di dire “avere le mani in pasta” ossia essere inseriti in un determinato ambie…

AUDIOLIBRI- Italo Calvino- Il cavaliere inesistente

Italo Calvino Il cavaliere inesistente

Il cavaliere inesistente è un romanzofantastico di Italo Calvino scritto nel 1959, terzo capitolo della "trilogia araldica" intitolata I nostri antenati, dopo Il visconte dimezzato (1952) e Il barone rampante (1957).

Qui di seguito potrai leggerne la trama e trovare i link con l'audiolibro completo da ascoltare e il libro da leggere. Per capire meglio ti consiglio di accompagnare l'ascolto alla lettura del libro, che troverai nell'Amazon Market del tuo paese. Per arrivarci ti basta entrare nel link qui sotto.

Trama I protagonisti di questo romanzo sono due paladini di Carlo Magno: il cavaliere inesistente, di nome Agilulfo (egli è di fatto una lucida armatura vuota) e un giovane inesperto e appassionato, Rambaldo. Quest'ultimo, arrivato al campo dei paladini all'inizio del romanzo, vuole vendicare la morte di suo padre, causata dall'argalif Isoarre; Agilulfo invece combatte per dovere, presumibilmente convinto della su…

Isole italiane - In volo su Procida

Procida (Pròceta in napoletano) è un comune italiano che fa parte della città metropolitana di Napoli in Campania, è la più piccola delle isole del Golfo di Napoli di cui fa parte insieme a Capri e Ischia.

 Il territorio comunale comprende interamente le isole di Procida e Vivara ed è dominato da una ricca
vegetazione e da un suolo tufaceo con coste frastagliate che comprovano la sua origine vulcanica. Sin dall'arrivo al porto di Marina Grande i visitatori di Procida vengono rapiti in un arcobaleno di colori pastello, un insieme variopinto di casette addossate tra loro e costruzioni dai colori rosso, bianco, arancione, azzurro e giallo.
Procida è una piccola isola, facilmente raggiungibile dal porto di Napoli in cui i turisti possono vivere un'esperienza autentica e di straordinaria bellezza perdendosi tra le viette dei suoi piccoli borghi in cui il tempo sembra essersi fermato e in cui i panorami spaziano da un mare azzurro turchese a frammenti di barche, pescatori al lavoro, c…

AVERE SIGNIFICATO E CONIUGAZIONE - TABELLA COMPLETA

Il verbo avere ha diversi utilizzi, impariamo a distinguerne alcuni e a ricordarci della H.La H in italiano è una lettera muta che in alcune forme del verbo avere assume una grande importanza.

Il primo significato del verbo avere è quello di POSSEDERE in riferimento a beni materiali (ho una bicicletta), doti morali, qualità, titoli o anche a qualità fisiche e priscologiche (ho le gambe corte, ho tanto coraggio).
Io ho una casa al mare.
Maria ha un cane.
Giorgio ha tre nipoti.
Il verbo avere può venire utilizzato col significato di SENTIRE, AVERE LA SENSAZIONE DI:
Oggi ho molto freddo.
Luisa ha mal di pancia.
Gli studenti hanno sete.
Il professore ha sonno.
Il verbo avere, così come il verbo essere viene anche utilizzato come AUSILIARE ossia come aiuto agli altri verbi (ausilio=aiuto) per formare i tempi composti.
Ieri ho avuto la febbre.
Uscirai di casa quando avrai fatto i compiti.
Se tu avessi studiato meglio, avresti passato l'esame.Il verbo avere se seguito dalla preposizione da e un verbo…

LA CONIUGAZIONE DEL VERBO ESSERE - TABELLA COMPLETA

LE TAVOLE DEI VERBI LA CONIUGAZIONE DEL VERBO ESSERE

Lingua italiana - Alcuni, taluni, qualcuno e qualche. Alcuni indefiniti della lingua italiana.

GUARDA IL VIDEO 




Gli indefiniti nella lingua italiana sono parole che accompagnano (con funzione di aggettivo) oppure sostituiscono (con funzione di pronome) un sostantivo senza precisarne la quantità e il numero, la qualità, o l’identità.QUALCHE ha funzione solo di aggettivo. Accompagna nomi SINGOLARI, maschili e femminili. Significa “una certa quantità di”. Si riferisce sia a persone che a cose.Mia suocera resterà da noi qualche giorno, mi sembrerà un’eternità. (Qualche=alcuni, pochi)Ho accettato di ospitarla dopo qualche esitazione. (Qualche= un po’ di, piccola quantità astratta)Ha avuto qualche problema con i vicini. (Qualche = alcuni, un certo numero).Qualche volta nasconde la posta altrui per leggerla. (Qualche volta = talvolta)“Cara dov’è la raccomandata? Sarà da qualche parte, non può essere sparita!” (Qualche = in un posto o nell’altro).Qualche può indicare anche una sola persona o cosa indeterminata:Troverò qualche scusa, non la sopporto più! (qualche= una)ALCUNI indica un nu…