Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da giugno 8, 2014

CONSONNO LA CITTÀ FANTASMA

QUANDO SI SPENGONO LE LUCI DEL CAROSELLO LA STORIA DI CONSONNO, DA BORGO A CITTA' DEI BALOCCHI




Dopo aver guardato il video ascolta il podcast che ti "legge" e racconta la storia di Consonno!

Listen to "ITALIA ITALIANI E ITALIANERIE" on Spreaker.

Questa è una storia che parla di sogni e visioni, parla della realtà che si scontra con le illusioni, ci narra della capacità umana di distruggere e cambiare la natura e di come questa alla fine abbia mezzi sottili ma potenti per prendersi le sue rivincite. Questa storia narra di un piccolo borgo raso al suolo dalle strabilianti visioni di un uomo e di come il tempo e la sorte abbiano trasformato quello che poteva e sembrava essere un successo in un progetto catastrofale e sinistro. Oggi vi porto a Consonno, un tempo piccolo borgo montano genuino e naturale, per un attimo città dei balocchi, sogno di luci e divertimenti, oggi sinistra città fantasma abbandonata in cui risuonano solo gli echi dei tempi che furono.

"Un paes…

Il Mercato palermitano di Ballarò

Ballarò Il mercato in 5D

Eh sì, perché nonostante molti, a sentir parlare di Ballarò, siano portati a pensare ad una nota trasmissione televisiva, il vero e originale Ballarò è quello di Palermo, uno dei mercati del centro storico siciliano, insieme a quelli della Vucciria, Il Capo, il Mercato delle Pulci e Lattarini.
Ballarò si trova nel quartiere Albergheria ed è il più antico mercato di Palermo, un angolo che sembra immutato nel tempo in cui potersi immergere nel vero spirito siciliano…un mercato in 5D…in cui assaporare, ascoltare, venire colpiti dai mille colori, toccare con mano e annusare tutta la genuinità dei prodotti siciliani.  Ballarò è di sicuro il mercato alimentare più grande e quello più frequentato dai palermitani è’ un mercato caotico, disordinato, sporco ma anche e soprattutto VERO, divertente, tipico e affascinante, dove è possibile sentire il cuore pulsante di questa città; il suo nome sembrerebbe derivare da “Balhara”, il nome di un villaggio vicino Monreale dal quale…