Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da febbraio 5, 2012

CONSONNO LA CITTÀ FANTASMA

QUANDO SI SPENGONO LE LUCI DEL CAROSELLO LA STORIA DI CONSONNO, DA BORGO A CITTA' DEI BALOCCHI




Dopo aver guardato il video ascolta il podcast che ti "legge" e racconta la storia di Consonno!

Listen to "ITALIA ITALIANI E ITALIANERIE" on Spreaker.

Questa è una storia che parla di sogni e visioni, parla della realtà che si scontra con le illusioni, ci narra della capacità umana di distruggere e cambiare la natura e di come questa alla fine abbia mezzi sottili ma potenti per prendersi le sue rivincite. Questa storia narra di un piccolo borgo raso al suolo dalle strabilianti visioni di un uomo e di come il tempo e la sorte abbiano trasformato quello che poteva e sembrava essere un successo in un progetto catastrofale e sinistro. Oggi vi porto a Consonno, un tempo piccolo borgo montano genuino e naturale, per un attimo città dei balocchi, sogno di luci e divertimenti, oggi sinistra città fantasma abbandonata in cui risuonano solo gli echi dei tempi che furono.

"Un paes…

Barzellettiamo

MI COMPRO IL MARITO A Napoli è stato aperto un nuovo negozio dove le donne possono scegliere e comprare un marito. All'entrata sono esposte le istruzioni su come funziona il negozio:
Puoi visitare il negozio solo una volta. Ci sono 6 piani e le caratteristiche degli uomini migliorano salendo. Puoi scegliere qualsiasi uomo ad un piano oppure salire al piano superiore. Non si può ritornare al piano inferiore. Una donna decide di andare a visitare il Negozio di Mariti per trovare un compagno.
Al primo piano l'insegna sulla porta dice: "Questi uomini hanno un lavoro". La donna non sta nemmeno a pensarci su, e decide di salire al successivo.
Al secondo piano l'insegna sulla porta dice: "Questi uomini hanno un lavoro e amano i bambini". La donna pensa "beh, siamo proprio al minimo sindacale" e sale al successivo.
Al terzo piano l'insegna sulla porta dice: "Questi uomini hanno un lavoro, amano i bambini e sono estremamente belli". "Wow" p…

Il proverbio del giorno!

IL MEDICO DELLA MUTUA CON ALBERTO SORDI

Il medico della mutua è un film del 1968 diretto da Luigi Zampa e interpretato da Alberto Sordi. Ispirato dall'omonimo libro di Giuseppe D'Agata, è da considerare ormai un classico del genere della commedia all'italiana.
TRAMA Il Dott. Guido Tersilli è un giovane neo laureato in medicina che aspira ad aprire uno studio medico a Roma. È assetato di guadagni in quanto deve capitalizzare i sacrifici fatti dalla madre vedova per farlo studiare. La convenzione con la mutua appare la via più semplice per guadagnare: più mutuati si hanno, più si guadagna in quanto il mutuato, non pagando visita e medicine, pretende che il medico gli prescriva farmaci di ogni tipo, anche i più inutili. Inizia così l'affannosa ricerca di mutuati; con alcuni stratagemmi la madre e la fidanzata Teresa riescono ad avviare l'attività di Guido. Per farsi un po' di esperienza, Tersilli lavora gratuitamente in un ospedale nel quale, grazie al suo arrivismo, riesce ad entrare nelle grazie del prim…

Ma che freddo che fa..........

Primo successo della cantante Nada Malanima al Festival di Sanremo, nel 1969.
Nada Malanima "Ma Che Freddo Fa"
D'inverno il sole stanco a letto presto se ne va non ce la fa più non ce la fa più la notte adesso scende con le sue mani fredde su di me ma che freddo fa ma che freddo fa
basterebbe una carezza per un cuore di ragazza forse allora sì che t'amerei
Cos'è la vita senza l'amore è solo un albero che foglie non ha più e s'alza il vento un vento freddo come le foglie le speranze butta giù ma questa vita cos'è se manchi tu
Mi sento una farfalla che sui fiori non vola più che non vola più che non vola più mi son bruciata al fuoco del tuo grande amore che s'è spento già ma che freddo fa ma che freddo fa
tu ragazzo m'hai delusa hai rubato dal mio viso quel sorriso che non tornerà
Cos'è la vita senza l'amore è solo un albero che foglie non ha più e s'alza il vento un vento freddo come le foglie le speranze butta giù ma questa vita cos'…