Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da 2020

Il quiz del cuore

IlCUOREè una cosa importante!Mettiti alla prova con questo quiz...vediamo quante ne sai sulla parola cuore!



Bastano 10 Parole al giorno - Lettera A

Learn Italian and Grow Your VocabularyDaily 10 Italian Words
Il vocabolario di base della lingua italiana conta 6.500 parole. Un italiano medio ne usa quotidianamente circa 2.000 che formano il “lessico fondamentale”.Alcuni studi linguistici molto interessanti hanno dimostrato che già con 300-600 parole si possono capire molte delle situazioni tipiche in cui viene a trovarsi un turista. Con circa 1000 vocaboli ben scelti sarete in grado di domandare indicazioni di viaggio, fare compere e semplici discorsi. Per riuscire a leggere un giornale dovrete conoscere circa 1200 parole e se arrivate a conoscerne 3000 allora potrete addirittura iscrivervi all’università senza problemi.Iniziamo ad ampliare in nostro vocabolario di lingua italiana.Sempre più parole e ne bastano 10 al giorno!

Modidit - Avere fegato

Avere fegato: significa avere coraggio. Il fegato rappresenta da sempre sin dai tempi dei greci la sede della forza fisica, delle passioni e dei sentimenti ed è simbolo di coraggio. Nell’opinione popolare il fegato è ancora oggi collegato ad alcune manifestazioni del carattere e dell’umore, come dimostrano alcune espressioni come:farsi venire il mal di fegato: prendersela in modo eccessivo per qualcosa fino a starci male fisicamente.rodersi il fegato: essere pieni di livore e rabbia a causa di un accadimento.Legato a questo argomento esiste persino un mito, quello del titano Prometeo che in modo coraggioso rubò il fuoco a Zeus al fine di donarlo agli uomini. Zeus che era un tipo con cui era meglio non scherzare, accortosi del furto fece incatenare Prometeo ad una roccia delle montagne del Caucaso condannandolo, inoltre, a patire ogni giorno i dolori derivati da un’aquila che gli divorava il fegato. E il fegato, ogni notte gli ricresceva, in modo che il giorno seguente l’aquila potesse…

Errori comuni della lingua italiana - Ancora, Appena e Già

Ancora, appena e già. ANCORApuò avere la funzione di avverbio o di congiunzione.1.Come avverbio indica un’azione o una condizione che perdura da un momento passato:Non posso venire a trovarti sono ancora malato!Sono ancora in ufficio, mi dispiace, farò tardi questa sera.
2.Con eventi che continuano anche dopo il termine di riferimento, nel senso di “per altro tempo dopo di ora o di allora”.Aspettiamo ancora un minuto e poi ce ne andiamo!Dopo le pulizie dovrò fare ancora altri servizi.
3.Indica anche il ripetersi di un’azione momentanea, nel senso di “di nuovo” un’altra volta:Versami ancora un goccio di vino!Raccontami ancora un po’ dei tuoi viaggi!
4.In frasi negative significa fino allora, fino a questo o a quel momento, finora:Non sono ancora arrivati? No, non si sono ancora fatti vivi.
5.Per estensione ha anche il significato di anche e perfino:È ancora più stupido di suo fratello, mamma mia che famiglia!Se parli ancora più forte divento sordo!È andata ancora peggio di quello che credev…

Le Catacombe dei Cappuccini di Palermo

Quello che tu sei, io ero, quello che io sono, tu sarai!

Ci sono dei luoghi in cui il tempo sembra fermarsi e le domande sulla vita e sulla morte diventano presenti e toccabili, qualsiasi sia il credo personale.
Ci sono posti in cui avventurarsi significa fare un viaggio affascinante fino alla soglia della vita, un viaggio misterioso ed unico, in cui il tempo delle certezze e quello dell’ignoto sembrano darsi la mano, invitandoci a pensare all’ineffabilità del nostro tempo terreno.
Ma bando ai paroloni, questo è un viaggio che vi consiglio assolutamente di fare se vi trovate a Palermo o nelle sue vicinanze e non siete reduci da traumi infantili “da film horror”!
Eh, lo so, a parlare di mummie molti di voi penseranno a qualche blockbuster di Hollywood, o alle lezioni di storia sugli egizi. Le mummie esercitano da sempre un fascino e un interesse incredibile si pensi che persino Paracelso in persona affermava: “la “mumia”, liquida o solida, era potentissima, tanto da essere uno degli ingr…

Il fantasma di Azzurrina

La piccola Azzurrina 
C’era una volta, così iniziano le favole e così facciamo iniziare questa nostra storia che però affonda le sue radici nel passato dell'Italia romanica e ci porta in un luogo esistente e visitabile, il Castello medievale di Montebello di Torriana nell’entroterra riminese, uno dei meglio conservati d’Italia. Questa meravigliosa ed elegante rocca, domina dall’alto dei suoi 436 metri la valle del Marecchia e dell'Uso, si tratta di una terra meravigliosa che incanta il visitatore con panorami mozzafiato e una natura segnata da una storia millenaria.
La storia di questa fortezza affonda le radici addirittura nell’epoca romana (III secolo a.C.), già allora questo “monte della guerra” (Mons belli-Montebello) minacciava dall’alto i nemici della regione; questa vocazione di postazione bellica rimase sin da allora e nel 1186 le mura furono acquistate da una famosissima e molto influente famiglia della zona, i Malatesta, che dopo averlo perso per opera di una famiglia n…