Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da giugno 2, 2013

CONSONNO LA CITTÀ FANTASMA

QUANDO SI SPENGONO LE LUCI DEL CAROSELLO LA STORIA DI CONSONNO, DA BORGO A CITTA' DEI BALOCCHI




Dopo aver guardato il video ascolta il podcast che ti "legge" e racconta la storia di Consonno!

Listen to "ITALIA ITALIANI E ITALIANERIE" on Spreaker.

Questa è una storia che parla di sogni e visioni, parla della realtà che si scontra con le illusioni, ci narra della capacità umana di distruggere e cambiare la natura e di come questa alla fine abbia mezzi sottili ma potenti per prendersi le sue rivincite. Questa storia narra di un piccolo borgo raso al suolo dalle strabilianti visioni di un uomo e di come il tempo e la sorte abbiano trasformato quello che poteva e sembrava essere un successo in un progetto catastrofale e sinistro. Oggi vi porto a Consonno, un tempo piccolo borgo montano genuino e naturale, per un attimo città dei balocchi, sogno di luci e divertimenti, oggi sinistra città fantasma abbandonata in cui risuonano solo gli echi dei tempi che furono.

"Un paes…

LATTUME-FIGATELLO- SPERMA DI TONNO

Un brivido nel piatto!
Il lattume-figatello o sperma di tonno... Eh va bene, ve lo concedo, anche questa è una di quelle pietanze di cui non si dovrebbe conoscere la provenienza prima di assaggiarle, in effetti, sapere che quelle che si stanno per addentare sono le gonadi del tonno può stimolare in noi qualche pregiudizio! Il lattume è un piatto siciliano tipico, proveniente in particolare dalle zone di Trapani, Palermo e Siracusa, un prodotto molto simile (se non identico) lo troverete anche in Sardegna col nome di figatello. Dietro a questi nomi fantasiosi altro non sta che la sacca del liquido seminale del tonno (in alcuni casi anche della ricciola), che viene preparata e cucinata in diversi modi e che è una vera delizia per intenditori. La sacca spermatica viene estratta dal pesce e solitamente messa ad essiccare ricoperta di sale ed un impasto di erbe aromatiche oppure viene consumata fresca dopo la bollitura e condita con erbe aromatiche, sale, olio, aceto e limone; un’altra ricetta …

L’uccellino della comare!

Con queste due simpatiche versioni dell'uccellino della comare, impariamo un po' di nomi italiani e ripassiamo le parti del corpo!
Occorre che vi spieghi quale significato popolare ha anche la parola uccello?

No vero?
Beh se non lo sapeste...ascoltate le canzoni e indovinate voi!

L’uccellino della comare Di Tony Di Marti
RIT.: Era lì che voleva volare l'uccellino della comare (x2)
Ora è vecchio e più non vola l'uccellino di Nicola RIT.
È un uccello un pò spennato l'uccellino di Renato RIT.
Gli è caduto nel gabinetto l'uccellino di Roberto RIT.
La prima notte di matrimonio
si è ammosciato l'uccello di Antonio RIT.
È un uccello senza valore l'uccellino di Salvatore RIT.
Ha una faccia da cretino l'uccellino di Tonino RIT.
Dorme sempre, è molto stanco l'uccellino del signor Franco RIT.
Sembra il pendolo di un orologio l'uccellino ammosciato di Giorgio RIT.
È invecchiato, ha i capelli grigi l'uccellino di Luigi RIT.
Domani c'è il funerale per l'uccello di Pasquale RIT.
Fa …

La comare

La comare è per definizione  la madrina di battesimo o di cresima; il termine si usa anche per indicare una vicina di casa con cui si è in rapporto d’amicizia; per estensione e in senso più negativo la comare è una donna curiosa e pettegola, che conosce le vicissitudini e i segreti di tutti e li racconta in giro!
I PROVERBI DELLE COMARI A chierico che si fa frate non gli fidar la tua comare. Chi ha la volpe per comare, porti la rete a cintola. Doglia passata, comare dimenticata. La segale o il segalato fece morir di fame la comare. Quando viene la comare, di riffe o di raffe bisogna andare. Nun pozzo parlà Di Federico Salvatore
Entrate donna Amà (Amalia) sono in cucina Che mi sono svegliata stamattina col desiderio 'e fa 'nu bello pullo(pollo) me lo mangio mentre vedo Biutifullo. (Beautifull) Per me 'a televisione è compagnia ca stono (che sono) sempre sola in casa mia non frequenteggio (frenquento) e non mi piace andare nelle case altruiste (altrui) per spettegolare. Ma del palazzo saccio…