Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da gennaio 12, 2014

CONSONNO LA CITTÀ FANTASMA

QUANDO SI SPENGONO LE LUCI DEL CAROSELLO LA STORIA DI CONSONNO, DA BORGO A CITTA' DEI BALOCCHI




Questa è una storia che parla di sogni e visioni, parla della realtà che si scontra con le illusioni, ci narra della capacità umana di distruggere e cambiare la natura e di come questa alla fine abbia mezzi sottili ma potenti per prendersi le sue rivincite. Questa storia narra di un piccolo borgo raso al suolo dalle strabilianti visioni di un uomo e di come il tempo e la sorte abbiano trasformato quello che poteva e sembrava essere un successo in un progetto catastrofale e sinistro. Oggi vi porto a Consonno, un tempo piccolo borgo montano genuino e naturale, per un attimo città dei balocchi, sogno di luci e divertimenti, oggi sinistra città fantasma abbandonata in cui risuonano solo gli echi dei tempi che furono.

"Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c'è qualcosa di tuo e che anche quando non ci sei resta ad aspettarti" (Cesare Pa…

Essere o avere, questo è il problema!

La scelta del giusto ausiliare nei verbi composti è un punto decisamente difficile della grammatica italiana, vediamo di chiarirlo, semplificarlo e riderci un po’ su! Intanto partiamo dicendo che: I TEMPI COMPOSTI:
sono delle coniugazioni verbali formate da un AUSILIARE (ESSERE O AVERE) + il participio passato del verbo.
io ho mangiato-à passato prossimo= presente dell’ausiliare + participio passato io avevo mangiato-à trapassato prossimo se io avessi mangiato-à congiuntivo trapassato io avrei mangiato-à condizionale passato Per sapere quale sia l’ausiliare da scegliere è importante ricordarsi la differenza tra un verbo transitivo e un verbo intransitivo!
Non te la ricordi? Allora guardaQUI


Molti esempi e approfondimenti li trovate qui
Una spiegazione divertente: ullscreen>
Una spiegazione più seriosa: