Passa ai contenuti principali

Il cioccolavino!



Non si tratta di un errore….no, no, il cioccolavino esiste davvero!
Il CIOCCOLAVINO è un grande cioccolatino con guscio di cioccolato fondente e ripieno morbido con il 55% di Amarone/ Recioto. Il ripieno non è fortemente alcolico perchè non ha alcol aggiunto ma solo i gradi alcolici del vino puro e non trattato con il retrogusto delicato tipico dell’ Amarone / Recioto.

PERCHE’ MANGIARE UN CIOCCOLAVINO?
Per morsicare e gustare un prodotto unico che nasce dall’amore della ricerca e dall’abbinamento con prodotti di alta qualità.
Il cioccolavino viene prodotto a Villa Gesi. Villa Gesi è un’ antica elegante villa agricola sita a Negrar, proprio nel cuore della Valpolicella, zona di grande produzione di vini e prodotti locali, costruita alla fine dell’ 800 in pietre a vista e ristrutturata da poco seguendo le indicazioni della bioarchitettura.

LEGGENDA

Si racconta che verso la fine dell’ 800 un ardito artigiano di cioccolato di bei costumi si fermò per qualche tempo nella valle della Valpolicella.

Caso volle che ci fu una grande festa popolare in onore del più rinomato e potente proprietario terriero della zona, dove il nostro viandante si trovò coinvolto in danze e squisiti banchetti. Ad un tratto tra la folla festante, egli rimase incantato da una fanciulla di rara grazia, non una qualsiasi, ma la figlia del celebrato possidente.

Fu amore a prima vista, i loro sguardi si unirono in un tumultuoso vortice fanciullescamente puro e irrefrenabile..
L’impeto della passione non trattenne il giovane innamorato che si lanciò nella folla e in un attimo si recò d’innanzi la sua amata porgendole in dono la cosa più preziosa in suo possesso: il cioccolato.
Colpita da piacevole sgomento ella stessa prese una bottiglia del più pregiato vino del padre come segno di riconoscenza al dono ricevuto.

Ma la scena non passò inosservata agli occhi vigili del capostipite che interruppe con tracotante ira musica e festeggiamenti e convocò a se la figlia e lo sventurato innamorato per darne severa punizione.
La folla già rumoreggiava sulle eventuali conseguenze dell’ incosciente gesto... come mai poteva un semplice cioccolataio guadagnarsi la benevolenze di un signore tanto maestoso?

Ma non c’è impedimento che può fermare un candido cuore.. senza paura, quasi con boria, il fanciullo si diresse a capo dell’adirato padre e senza indugi bagnò il suo cioccolato con il vino ricevuto dalla figlia parando al magnificato siffatto dono...

Non è possibile narrare lo stupore della folla nell’ osservare il piacere sul volto dell’ omaggiato che inebriato da tale bontà, consacrò a gran voce l’unione dei giovani e ordinò che a tutti i presenti fosse dato dono di vino e il cioccolato.

I BENEFICI DEL CIOCCOLATO

Ancora oggi molte persone hanno una forma di scetticismo nei confronti del cioccolato, additandolo erroneamente come causa di brufoli, carie e aumenti di peso. La verità è che il cioccolato puro, quello artigianale non trattato con alcun conservante, è tra gli alimenti con più benefici...
Cioccolato e memoria
Il cioccolato è un amico per la nostra memoria, infatti il "cibo degli Dei" contiene il doppio del fosforo rispetto al pesce, pari a 0,62 grammi ogni etto, oltre a contenere anche acido fenico che evita l’ ispessimento delle arterie.

Cioccolato ed allergie
Meno del 2% dei soggetti che soffrono già d’ allergie (asma, riniti, orticaria) possono essere suscettibili di reazioni allergiche da cioccolato.
In una scala decrescente di alimenti che possono scatenare reazioni allergiche in seguito ad iperconsumo abbiamo: pesce, uova, crostacei, latte vaccino, sedano, fragole, leguminose, farina di grano, arachidi, mitili, carne di manzo, patate e per ultimo il cioccolato.

Cioccolato e depressione
Non è il solito luogo comune: il cioccolato è sicuramente tra i migliori antidepressivi in circolazione.
Il cacao contiene infatti endorfine e teobromina; le prime contrastano il dolore e predispongono al piacere, mentre la seconda migliora la concentrazione e la prontezza dei riflessi. Il vero asso nella manica del cioccolato però è il suo potere di stimolare la produzione di serotonina, una preziosa sostanza che agisce al livello celebrale ed ha la capacità di infondere calma e migliorare l’ umore.

Cioccolato e brufoli
E' ormai appurata la teoria che i regimi alimentari non giocano un ruolo primario nei pazienti affetti da acne e l’ ingestione di grandi quantità di cioccolato clinicamente non influisce sull’ evoluzione dell’ acne e sulla produzione e composizione del sebo.



Cioccolavini
Via Cà Righetto, 19
Negrar Valpolicella
Verona Veneto Italia
Tel.+39 045 6000963 | 3477686252

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

Le supertizioni degli italiani!

La superstizione è una credenza di natura irrazionale che può influire sul pensiero e sulla condotta di vita delle persone che la fanno propria, in particolare la credenza che gli eventi futuri siano influenzati da particolari comportamenti senza che vi sia una relazione causale. La scaramanzia è una forma di superstizione secondo la quale alcune frasi o gesti attirerebbero o allontanerebbero la fortuna o la sfortuna.
Un  esempio è l'idea che dicendo qualcosa, questa non accadrà, o potrebbe accadere il contrario di ciò che si è detto.
Per questo motivo ad esempio, in Italia, si augura solitamente il contrario di ciò che si desidera che avvenga. Per esempio, a un cacciatore non si dirà "Buona caccia", ma "In bocca al lupo" parola entrata anche nel linguaggio comune e utilizzato per augurare "buona fortuna" .
Nonostante la cultura moderna condanni a parole la superstizione, molte credenze di questo genere sono estremamente diffuse anche nella società occ…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…