Passa ai contenuti principali

Il vocabolario dell'estate italiana

Frasi sull'Estate Divertenti: le 30 più spiritose e ironicheL’estate è quel momento in cui fa troppo caldo per fare quelle cose per cui faceva troppo freddo d’inverno. (Mark Twain)



Un’ estate italiana!


 Parole e frasi legate all’estate in italiano.

Evviva è arrivata l’estate, la mia stagione preferita.
Canzoni sull'estate • Scuolissima.comOggi vi presento alcune parole e alcune frasi essenziali per vivere un’estate italiana.

Abbronzarsi – Prendere il sole
Il sole italiano al mare, in montagna, in campagna ma anche in città è forte.
Quando il sole è forte è caldo in italiano si dice che “batte”…”Il sole batte oggi!” potrete sentire persino frasi come “Oggi il sole picchia forte!” ma non vi preoccupate, non vi farà un occhio nero! Per proteggervi usate la crema solare scegliendo il giusto “fattore di protezione”, altrimenti rischierete di ustionarvi (bruciarvi – scottarvi).

 Fare il bagno – Nuotare
L’acqua d’estate è meravigliosa per rinfrescarsi e divertirsi, si può fare il bagno, sguazzare ma anche allenarsi e nuotare (ossia fare attività sportiva). Per giocare in acqua potrete scegliere il mare, la piscina, il lago, il fiume o magari a casa vostra se avete la fortuna di avere un giardino, con irrigatori e piscinette per bambini.
Ricordi D'estate. - Lessons - Tes TeachPer fare il bagno si indossa il costume da bagno, le donne indossano un due pezzi o un costume intero mentre gli uomini i boxer o pantaloncini da surfista; ai piedi si indossano le infradito o le ciabatte da spiaggia. Se fate vacanza in spiaggia e avete bambini vi serviranno i giochi da spiaggia: la paletta, il secchiello, le formine per costruire tanti bei castelli di sabbia. Fare lunghe camminate sulla battigia, sul bagnasciuga e sul lungomare magari anche scalzi ossia a piedi nudi. Sarà utile avere con sé: una borsa da mare, una borsa frigo, una borraccia con acqua fresca o bibite fresche, un asciugamano o telo mare e un ombrellone se la spiaggia è libera e non attrezzata.
Se i bambini non sanno nuotare devono usare i braccioli o una ciambella, mentre chi sa stare a galla può divertirsi a guardare i fondali utilizzando maschera, pinne e occhiali (la maschera da sub). Molti amanti del mare si dedicano durante le vacanze alle immersioni sub.

  Rinfrescarsi con bibite e bevande ghiacciate
Le estati italiane sono molte calde per rinfrescarvi oltre ai gelati potrete bere molte bibite gelate, gassate o non, ma non dimenticatevi di provare anche delle ottime granite, oppure un caffè freddo o un tè freddo. In albergo o in appartamento o alla vostra pensione per rinfrescarvi potrete accendere “l’aria condizionata”.
Cosa fare d’estate
Offerta fine agosto a Rimini bambini gratis Da € 40,00Molte persone amano trascorrere le vacanze in campeggio o in agriturismo, dormendo in tenda o sotto le stelle dentro un sacco a pelo. È romantico fare un falò ma state attendi che in molti luoghi è proibito farli per il pericolo incendi che d’estate è molto elevato.
Molti vacanzieri quando sono al mare, al lago o in riva ad un fiume amano dedicarsi alla pesca, con la canna o con la lenza a traina, per pescare serve l’esca e un retino per catturare il pesce.
La maggior parte degli italiani va in vacanza in alta stagione, quindi a luglio e agosto, purtroppo in questi periodi le tariffe (i prezzi) sono particolarmente alti. Anche i prezzi degli stabilimenti balneari per lettini e ombrelloni salgono molto in questi due mesi.

Quelli che preferiscono vacanze più economiche le fanno spesso “zaino in spalla”, in particolar modo i giovani scelgono vacanze itineranti.
Lo zaino è importantissimo anche in montagna per fare passeggiate ed escursioni sui sentieri di alta montagna. In montagna ci sono gite da fare in giornata su sentieri o percorsi di quota, si possono fare anche escursioni di più giorni. Nel periodo estivo si può fare trekking, arrampicata o alpinismo e anche andare in bicicletta. Gli amanti della montagna dicono che sia il posto migliore per “staccare la spina” dal caos cittadino in cui viviamo.
Molti invece scelgono proprio le città d’arte come meta per le loro vacanze. Il turismo culturale sceglie le città per la ricchezza di monumenti, chiese, castelli, musei, dimore storiche, festival, teatri e naturalmente tanti negozi in cui fare compere (shopping).



LE PAROLE DELL’ESTATE ITALIANA

Vacances : non, il ne fait pas bon partir trop longtemps
GLI OGGETTI
Il sole, la barca, il telo da mare, l’asciugamano, la maschera, il boccaglio, le pinne, la borraccia, la fotocamera, il cappello, la valigia, la borsa frigo, la cartina, la piantina della città, il costume da bagno, il bichini, il costume due pezzi, il costume intero, i boxer, le infradito, lo zaino, la sabbia, la conchiglia, il secchiello, la paletta, gli occhiali da sole, la crema solare, il materassino, la ciambella, il salvagente.

LE BEVANDE
La granita, le bevande gassate, il tè freddo, il succo di frutta, il sorbetto, le bibite, il frappe, il caffè freddo.
I CIBI
Il gelato, la macedonia, l’insalata di riso, l’insalata russa, l’uva, il melone, l’insalata, la pizza al taglio, la piadina, le ciliegie, il panino imbottito, la frutta fresca, il pesce, i frutti di mare.
LE AZIONI
Prendere il sole, fare immersioni, fare o preparare la valigia, visitare una città, andare in bicicletta, fare snorkeling, fare immersioni, andare in barca, andare in canoa, spalmare la crema solare, andare in vacanza, campeggiare, fare campeggio, fare il bagno, nuotare, rilassarsi, arrampicarsi, fare escursioni.
LE METE
Il mare, il lungomare, il bagnasciuga, la battigia, la riviera, il parco divertimenti, il sentiero, il lago, la città d’arte, il museo, la ferrata, la montagna, l’agriturismo, la piscina, il campeggio, la collina.

Parole estive

Alcune parole ed espressioni usate soprattutto in estate:
Petricore (l’odore dopo il temporale), il caldo può essere: torrido, afoso, opprimente, asfissiante, bollente, incandescente, rovente, cocente e infuocato.
C’è un caldo soffocante, si scoppia di caldo, sento caldo, ho caldo, l’estate è la stagione calda, avere un colpo di caldo, una botta di caldo (=momento particolarmente caldo).
Non si può essere infelici quando si ha questo: l’odore del mare, la sabbia tra le dita, la brezza tra i capelli.

       

Commenti

Posta un commento

I nostri post più amati

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parti logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI





Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…

Gli errori più comuni nella lingua italiana. AIUTO COME SI SCRIVE!

1.Ce o C’è
Dipende! Ce è una particella pronominale, inclusa in verbi pronominali come ad esempio “avercela”:
 Si vede benissimo che ce l’hai a morte con lui. C’è è la contrazione ci è= esserci essere presente (nella forma singolare). Tra me e te c’è una bella differenza!
2.Da, Dà o Da’ Anche qui dipende! Da, semplice semplice, è la preposizione. Vengo da Vicenza e tu?  Il dà accentato è la forma della terza persona singolare del verbo dare.
Mamma te le dà, se non la smetti! Il da’ con l’apostrofo è la forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dare. Da’ una mano a tuo fratello!
3.Di, Dì o Di’ Dipende…da che dipende… Di= preposizione semplice. Quel mobile è fatto di legno Dì= un sostantivo sinonimo di giorno. Prenda la medicina tre volte al dì! Di’= forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dire.
Di' subito a mamma la verità, mascalzone!
4.E o ed? A o ad? La cosiddetta D eufonica (cioè dal bel suono) va aggiunta nel caso la parola successiva inizi con la…

LE PREPOSIZIONI DI LUOGO NELLA LINGUA ITALIANA

Qualche regoletta

Le preposizioni sono delle parti del discorso invariabili, esse mettono in relazione parti diverse della frase (metti la borsa sotto il tavolo; la macchina sta dietro all’angolo ecc.).
Le preposizioni si suddividono comunemente in preposizioni proprie (di, a, da, in, con, su, per, tra, fra), preposizioni improprie (davanti, vicino, dopo, mediante) e locuzioni preposizionali (quali in fondo a, per via di, a causa di). Le preposizioni, come le congiunzioni, gli avverbi e le interiezioni, sono parti del discorso invariabili. La preposizione deve il suo nome al fatto che viene preposta a un elemento lessicale. Le preposizioni di luogo danno informazioni sullo spazio e  sul punto in cui avviene l’azione.











Per indicare il luogo da cui si proviene. DA DOVE VIENI:

·DA->Partenza, origine. Luogo da cui si parte o viene.
Vengo da Vicenza. ·DI-> Insieme al verbo essere per indicare la città da cui si proviene
Sono di Venezia.

Per indicare il luogo dove si è o si sta andando. DOVE …

I verbi pronominali!

I verbi pronominali, sono verbi cui viene aggiunto un pronome che serve per rafforzarne o anche cambiarne il senso! Ad esempio sono verbi pronominali i verbi riflessivi che aggiungono alla radice del verbo il pronome si (all’infinito): vest-ir-si, prepar-ar-si….

Verbi con -ci: andarci, arrivarci (Ci sei arrivato o no?= hai capito) cascarci, correrci (Ci corre una bella differenza), entrarci (Non c’entra proprio niente col mio discorso!), esserci, metterci (Quanto ci metti?), perderci, rimetterci, ripensarci, scapparci (ci scappa il morto), sentirci, starci, vederci, volerci e PROVARCI (Se ci provi ti ammazzo!);

Verbi con -ne: andarne (Ne va della vita), farne (Farne di tutti i colori);

Verbi con -la: contarla, farla (Non so come faccia, ma la fa sempre a tutti!), farla franca, finirla, piantarla, spuntarla;

I verbi pronominali possono contenere anche più pronomi alla volta: Verbi con -sela: cavarsela, cercarsela, contarsela, darsela (Darsela a gambe), farsela (Ugo se la fa con la signorina …