Passa ai contenuti principali

AIDA

Se vi dico Aida, cosa vi viene in mente?
No vi prego, vi scongiuro non mi dite Aida Yespica, non è assolutamente di lei che vi voglio parlare.
No, no, no…vi voglio parlare di Verdi, dell’Arena e di una fantastica opera chiamata Aida.
« Celeste Aida,
forma divina,
mistico serto di luce e fior »
(Radamès, atto I)
Il 24 dicembre 1871 debuttò al Cairo la più classica delle opere verdiane.
Aida è una principessa etiope catturata e condotta in schiavitù in Egitto. Radamés, un comandante militare, combattuto nella scelta tra il suo folle amore per Aida e la sua fedeltà al Faraone.
Radamés è amato da Amneris, la figlia del Faraone, gelosa del fatto che il bel comandante non ricambi i suoi sentimenti preferendogli la sua schiava.
Nonostante Radamés finga di amare Amneris per salvare Aida dalla schiavitù, egli viene scoperto e condannato a morte per tradimento.
Aida decide allora di nascondersi nella cripta, in cui il comandante viene seppellito vivo,  per morire con lui e restargli accanto fino alla fine.
Amneris piange e prega sulla loro tomba.

Ecco i quattro atti dell’Aida (tratti dal sito dell’Arena di Verona, che quest’estate ha in cartellone questa fantastica opera!)
I personaggi principali

Radamès: capitano delle guardie, innamorato di Aida
Ramfis: capo dei sacerdoti
Aida: schiava etiope alla corte egizia, figlia del re etiope Amonasro
Amneris: figlia del Faraone
Il Re: Faraone d'Egitto
Amonasro: re d'Etiopia, padre di Aida

La vicenda si svolge nell'antico Egitto.





PER CAPIRLA MEGLIO
ATTO I

Scena prima

Sala del palazzo reale a Menfi.

Il capitano delle guardie Radamès apprende dal capo dei sacerdoti Ramfis che l'esercito etiope sta per invadere l'Egitto e che la dea Iside ha già indicato il nome del valoroso comandante che condurrà l'esercito egizio ad affrontare i nemici. Radamès è felice e spera di essere il prescelto per poter tornare vittorioso dall'amata Aida, schiava etiope al seguito della figlia del faraone. Sopraggiunge Amneris, figlia del re, e Radamès le confida le sue speranze, tacendole però il suo amore per Aida, anche se Amneris lo sospetta. Aida compare e Amneris coglie nel suo sguardo l'amore per Radamès. Giura vendetta perché anche lei è innamorata del capitano delle guardie. Nel frattempo entra il re preceduto dalle guardie e seguito dai sacerdoti guidati da Ramfis. Entra un messaggero portando la notizia che gli Etiopi hanno invaso l'Egitto e che stanno marciando su Tebe, guidati dal potente Amonasro. Il re annuncia che Iside ha designato Radamès come comandante supremo. La folla esulta in suo onore, mentre Amneris emerge nel coro esortando appassionatamente il guerriero a tornare vincitore. Aida è l'unica a non gioire alla notizia perché la vittoria di Radamès significa la sconfitta del proprio padre, il re d'Etiopia che ha preso le armi per liberarla dalla schiavitù. In questo momento di sconforto implora gli dèi di avere pietà di lei.

Scena seconda

Interno del tempio di Vulcano

Sacerdoti e sacerdotesse cantano un inno agli dèi. Radamès entra vestito per la battaglia, riceve la spada sacra ed è consacrato al dio Fthà per la guerra e la vittoria.

ATTO II

Scena prima

Una sala dell'appartamento di Amneris.

La figlia del re è circondata dalle schiave che la stanno preparando per festeggiare la vittoria dell'esercito egizio e un gruppo di schiavi mori allieta la scena con una danza. Quando si presenta Aida, Amneris finge di compiangerla per la sorte del suo popolo sconfitto. Decisa a scoprire quale sentimento leghi la schiava a Radamès, le annuncia la falsa notizia della morte del giovane. Nel turbamento che Aida manifesta, Amneris scopre il suo segreto d'amore; non esita allora a rivelarle che Radamès è vivo e che anch'essa lo ama. All'inizio Aida dichiara orgogliosa il suo amore, ma poi supplica Amneris di perdonarla. La principessa la minaccia ricordandole che è solo una schiava, e che non può competere con la figlia del Faraone. A questo punto, Aida sta per confessare le sue nobili origini, ma poi decide di tacere.

Scena seconda

Presso una porta della città di Tebe.

Il re, Amneris - con Aida ed altre schiave - ministri sacerdoti e il popolo attendono Radamès per celebrare la sua vittoria. Egli giunge alla testa dell'esercito. Il re gli dà il benvenuto e gli chiede cosa desideri per ricompensa. Radamès fa sfilare i prigionieri davanti al re. Aida riconosce tra loro suo padre, Amonasro, e riesce a parlare brevemente con lui. Questo le impone di non tradirlo e, senza rivelare la propria identità, Aida e il padre implorano il faraone di avere pietà. Radamès chiede che tutti gli ostaggi siano liberati ma Ramfis si oppone e propone che almeno Amonasro e Aida restino prigionieri per garantire la pace. Il re si mostra accondiscendente e annuncia che ricompenserà Radamès con la mano di sua figlia. Mentre la folla esulta, Aida e l'amato esprimono segretamente il loro dolore per l'inaspettata decisione del re.

ATTO III

Notte sulle rive del Nilo.

Ramfis conduce Amneris al tempio di Iside per propiziare le nozze della principessa. Nascosta poco lontano, Aida sta aspettando Radamès per un loro incontro segreto. Si presenta invece il padre Amonasro che nel frattempo ha scoperto il sentimento che lega Aida e Radamès. Egli le rammenta le bellezze della terra natale e le crudeltà dei nemici. Le impone quindi di scoprire dall'amato quale strada percorreranno i guerrieri egizi per invadere l'Etiopia. Aida è inorridita dalla richiesta del padre. All'arrivo di Radamès, Amonasro si nasconde. La schiava propone all'amato di fuggire dall'Egitto seguendo qualche via non battuta dall'esercito egizio. Radamès si mostra d'accordo e a questo punto Aida gli chiede quale strada percorrerà il suo esercito per invadere l'Etiopia. Il guerriero le confida che il suo esercito percorrerà l'indomani il Passo di Napata. Udito il segreto, il re degli Etiopi appare rivelando la sua identità. Radamès si rende conto di aver svelato un segreto militare e di essere disonorato. Sopraggiunge Amneris e grida al tradimento. Amonasro tenta di ucciderla ma Radamès la difende. Aida e il padre fuggono mentre Radamès si consegna come prigioniero a Ramfis.

ATTO IV

Scena prima

Sala nel palazzo del re.

Amneris è combattuta tra rabbia, dolore e amore. Vorrebbe salvare Radamès e lo fa portare alla sua presenza. Gli chiede di dichiararsi non colpevole davanti ai sacerdoti. In questo modo lei lo potrà aiutare, ma lui rifiuta. Per convincerlo, Amneris gli fa credere che Aida sia morta, così come Amonasro. Questo non dissuade il guerriero, anzi, ora la sua vita non significa più niente per lui. Alla fine Amneris confessa che Aida è in realtà ancora viva. Questa rivelazione suscita gioia in Radamès che ora può morire per proteggere la sua amata. Nonostante questo Amneris dichiara che implorerà il re di perdonarlo solo se lui rinuncerà al suo amore per Aida. Egli rifiuta ripetutamente, è portato di nuovo in cella ed è condannato ad essere sepolto vivo sotto l'altare del tempio del dio Vulcano. Amneris condanna duramente la crudeltà della sentenza dei giudici.

Scena seconda

Nel tempio di Vulcano.
Al di sotto si trova la cripta dove Radamès è destinato a morire. Radamès è pronto a morire e prega perché Aida trovi un giorno la felicità. Aida è però nascosta nella stanza e va verso di lui e l'abbraccia. Radamès si affligge per il crudele destino dell'amata cercando inutilmente di spostare la pietra dell'apertura. Aida lo consola con la certezza che gli angeli della morte li uniranno per sempre e appare già trasfigurata. Mentre i due innamorati danno il loro addio alla vita, Amneris, vestita a lutto, si prostra sulla pietra che copre l'entrata della tomba e supplica gli dèi di concedere la pace al condannato.

Se volete potete leggere l’intero LIBRETTO DELL’OPERA
Brani famosi
Atto I

Celeste Aida/ romanza di Radamès


Su del Nilo le dorate rive/il Re e coro 

Ritorna vincitor!/romanza di Aida 

Nume, custode e vindice, finale concertato


Atto II
Danza dei piccoli schiavi mori/ballo degli schiavi di Amneris


Fu la sorte dell'armi/ scena e duetto di Amneris e Aida


Gloria all'Egitto/coro, marcia trionfale e ballabile



Atto III
Qui Radamès verrà!/O cieli azzurri, romanza di Aida


Rivedrai le foreste imbalsamate/ duetto di Amonasro e Aida


Pur ti riveggo, mia dolce Aida/duetto di Radamès e Aida


Atto IV
L'abborrita rivale a me sfuggìa./Già i sacerdoti adunansi, scena e duetto di Amneris e Radamès


Ohimè, morir mi sento, scena del giudizio/ Amneris, Ramfis e Sacerdoti



La fatal pietra sovra me si chiuse/ O terra, addio, scena e duetto di Radamès e Aida

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

Le supertizioni degli italiani!

La superstizione è una credenza di natura irrazionale che può influire sul pensiero e sulla condotta di vita delle persone che la fanno propria, in particolare la credenza che gli eventi futuri siano influenzati da particolari comportamenti senza che vi sia una relazione causale. La scaramanzia è una forma di superstizione secondo la quale alcune frasi o gesti attirerebbero o allontanerebbero la fortuna o la sfortuna.
Un  esempio è l'idea che dicendo qualcosa, questa non accadrà, o potrebbe accadere il contrario di ciò che si è detto.
Per questo motivo ad esempio, in Italia, si augura solitamente il contrario di ciò che si desidera che avvenga. Per esempio, a un cacciatore non si dirà "Buona caccia", ma "In bocca al lupo" parola entrata anche nel linguaggio comune e utilizzato per augurare "buona fortuna" .
Nonostante la cultura moderna condanni a parole la superstizione, molte credenze di questo genere sono estremamente diffuse anche nella società occ…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…