Passa ai contenuti principali

Le mille e una notte


HOTEL RISTORANTE GROTTA PALAZZESE

Avete presente quelle foto che come un lampo si imprimono nella vostra mente?
La prima volta che ho visto questo posto mi è successo così, ho visto una foto e ho dovuto subito andare a cercare di quale luogo si trattasse.
Trovato……è la grotta Palazzese, dell’Hotel Ristorante Grotta Palazzese, un luogo incantevole del quale rendere la bellezza non è possibile, semplicemente a parole.
Per quello che mi riguarda lo metto immediatamente nella mia lista dei luoghi speciali, quei luoghi che prima o poi devo e voglio andare a visitare in prima persona, anche se sono lontani e disseminati nei punti più strampalati della cartina del bel paese.
Per il momento mi godo le immagini di questo ristorante in grotta e di questo Hotel a picco sul mare, immaginando di gustarmi una cena romantica in compagnia di mio marito e dei miei marmocchi, mentre il mare s’infrange sotto la grotta e mentre il profumo della salsedine si mischia a quello del pesce fresco nel mio piatto e di un buon bicchiere di vino bianco.
Si…si….i marmocchi me li porto naturalmente dietro, perché sono convinta che le cose più belle della vita vadano sempre condivise con chi si ama di più……e perché anche le cose più belle riescono a diventare sensazionali, solo se viste attraverso lo sguardo e le parole di un bambino.
Se voi riuscite a fare un giro prima di me in questo luogo da mille e una notte, fatemi sapere com’è andata mi raccomando!

Un paio di informazioni per sapere dove vi mando:

Via Narciso, 59 - Polignano a Mare (Bari) Puglia
Tel.  +39 (0)80 4240677 - Fax  +39 (0)80 4240767

Ricavato nella roccia e a picco sul mare, l'Hotel Ristorante Grotta Palazzese a Polignano a Mare si trova in uno sbalorditivo scenario di rocce e grotte.
L'antichissimo paese di Polignano a mare sorge su un alto costone di roccia. La roccia è di tipo carsico e il mare, col passare del tempo ha creato in essa antri e  grotte che si insinuano sin sotto le case del paese.
Tra strette viuzze e bianche casette a strapiombo sul mare, costruite col tufo originario della zona, con accesso dal centro storico, si trova la più grande delle grotte, la Grotta Palazzese, un tempo chiamata Grotta di Palazzo, ossia Grotta di proprietà del feudatario.

Sono tante le leggende legate a questo luogo magico, come quella di re Giovanna, regina d'Ungheria, che qui si rifugiò con il suo paggio preferito; viaggiatori francesi e inglesi nei loro Tours nel Regno di Napoli inclusero la Grotta di Polignano e ne raccontarono, soprattutto nel ‘700, la bellezza e la maestosità. Già nel ‘700, fu utilizzata come sala di festa dove i feudatari ospitavano gli amici e le personalità di passaggio.
Oggi questa grotta è parte dell'Hotel Ristorante Grotta Palazzese posto a 24mt. sul livello del mare.

Per chi desiderasse soggiornarvi, l'Hotel Grotta Palazzese propone delle prestigiose camere e suite totalmente in tufo, ricavate da antichi locali del centro storico, arredate con gusto e arricchite di piccoli ma importanti oggetti di produzione locale.
Quando entrate nel sito date assolutamente un’occhiata al menù, lo troverete alla sezione “I Ristoranti”, fa venire l’acquolina in bocca!

Proprio un posticino “Da mille e una notte” che ne pensate?

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…

Le supertizioni degli italiani!

La superstizione è una credenza di natura irrazionale che può influire sul pensiero e sulla condotta di vita delle persone che la fanno propria, in particolare la credenza che gli eventi futuri siano influenzati da particolari comportamenti senza che vi sia una relazione causale. La scaramanzia è una forma di superstizione secondo la quale alcune frasi o gesti attirerebbero o allontanerebbero la fortuna o la sfortuna.
Un  esempio è l'idea che dicendo qualcosa, questa non accadrà, o potrebbe accadere il contrario di ciò che si è detto.
Per questo motivo ad esempio, in Italia, si augura solitamente il contrario di ciò che si desidera che avvenga. Per esempio, a un cacciatore non si dirà "Buona caccia", ma "In bocca al lupo" parola entrata anche nel linguaggio comune e utilizzato per augurare "buona fortuna" .
Nonostante la cultura moderna condanni a parole la superstizione, molte credenze di questo genere sono estremamente diffuse anche nella società occ…