Passa ai contenuti principali

Max Gazzè- Sotto casa


Il nuovo singolo di Max Gazzè, il nuovo video e anche il titolo dell'ultimo album dell'istrionico cantautore romano, recente protagonista del Festival di Sanremo.
Il brano è un inno al dialogo tra persone, religioni, culture diverse, un invito a non nascondersi dentro casa, dentro se stessi. 
Sotto Casa è un appello alla condivisione, al dialogo, all’apertura verso l’altro. 
Lo sfondo è religioso ed è la speranza che nessuno si chiuda in se stesso nei propri dogmi. 
La porta è la metafora della resistenza tra credi religiosi diversi.

Apra la sua porta,
Faccia presto…
non importa
Cosa crede lei  di questo
movimento
Ma l’avverto  che al suo posto
non ci penserei  due volte,
dato l’imminente  arrivo di Gesù,
perché poi non torna più!
Mi son reso conto  che serpeggia
tra i credenti  il malcontento
per la pioggia di mancati
appuntamenti nei millenni,
ma si metta nei suoi panni…
Quell’incetta di pianeti
Da salvare…
Di pianeti da salvare!
Possa la bontà del vostro cuore
Riscoprire che la verità
si cela spesso
dentro una persona sola.
E non è tanto il sesso
a consolare l’uomo
dal suo pianto,
Ma l’amore buono
ed il perdono santo
del Signore.
Lasci che le spieghi
in due parole
com’è facile sentire
gli echi bassi ed immorali
di comportamenti
frivoli e meschini.
Quali certi omini
in abito da donna,
la vergogna
che neanche gli animali!
Apri un istante
e ti farò vedere io
Che nasce sempre iIl sole
Dove cerco Dio,
In tutti i poveretti
che hanno perso
il senso immenso
Della vita!
Non chiedo mica
Un regno intero,
Dico io…
Sono un indegno
messaggero e cerco Dio
In chi vendette onore
per denaro e ora nel cuore
mette un muro!
Lei non si dimostra illuminato
dalla grazia della vostra
Santa Vergine Maria,
lo chiami pure, se ritiene,
il capo della polizia,
ma a chi conviene
tutta quella baraonda.
Se l’ozono s’è ridotto
a un colabrodo
E basta un solo
farabutto
a fare in modo
che dell’uomo non rimanga
neanche l’ombra…
E poi ficcatevelo in testa:
non si viene al mondo tanto
per godere, ma soltanto
perché un bene superiore
ci ha creati!
Apri un istante
e ti farò vedere io
che nasce sempre
il sole dove
cerco Dio.
In tutti i poveretti
che hanno perso
il senso immenso
della vita!
Non chiedo mica un regno
intero, dico io…
Sono un indegno messaggero
e cerco Dio
in chi vendette onore
per denaro
e ora nel cuore
mette un muro!
So che sei lì
dentro…
Non ti muovi,
Ma ti sento!
Oggi te la cavi,
Sì…
Ma non finisce qui!
In tutti i poveretti
phe hanno perso
il senso immenso
della vita!
Non chiedo mica un regno intero,
Dico io…
Sono un indegno messaggero
e cerco Dio
In chi vendette onore
per denaro
e ora nel cuore
mette un muro!

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…

Gli errori più comuni nella lingua italiana. AIUTO COME SI SCRIVE!

1.Ce o C’è
Dipende! Ce è una particella pronominale, inclusa in verbi pronominali come ad esempio “avercela”:
 Si vede benissimo che ce l’hai a morte con lui. C’è è la contrazione ci è= esserci essere presente (nella forma singolare). Tra me e te c’è una bella differenza!
2.Da, Dà o Da’ Anche qui dipende! Da, semplice semplice, è la preposizione. Vengo da Vicenza e tu?  Il dà accentato è la forma della terza persona singolare del verbo dare.
Mamma te le dà, se non la smetti! Il da’ con l’apostrofo è la forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dare. Da’ una mano a tuo fratello!
3.Di, Dì o Di’ Dipende…da che dipende… Di= preposizione semplice. Quel mobile è fatto di legno Dì= un sostantivo sinonimo di giorno. Prenda la medicina tre volte al dì! Di’= forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dire.
Di' subito a mamma la verità, mascalzone!
4.E o ed? A o ad? La cosiddetta D eufonica (cioè dal bel suono) va aggiunta nel caso la parola successiva inizi con la…