Passa ai contenuti principali

Il Castello di Petroia

LE MILLE E UNA NOTTE
Il Castello di Petroia 



-  Loc. Petroia -
 06024 Gubbio (PG) - 
ITALY - 
Tel: +39 075 920287 -




L’Umbria è una delle più belle regioni italiane e Gubbio una delle sue cittadine più incantevoli. Nel cuore di un paesaggio dominato dai colori delle colline e dalla dolcezza che fonde il verde di alberi e campi col bruno della terra e delle coltivazioni, troverete un’Italia incantata fatta di piccoli paesini arroccati in cima gli Appennini e protetti da mura di cinta. Un castello dopo l’altro, fortezze con torri e guglie, viuzze intricate in cui il passato sembra ancora presente e tante specialità genuine in grado di soddisfare anche i palati più esigenti.
In uno di questi luoghi, il Castello di Petroia potrete soggiornare e sentirvi come cavalieri, dame e principesse; sì perché il “Castello” vi coccolerà con degli spettacoli  fiabeschi e con un’atmosfera unica.
Risalenti al IX-X secolo il destino di queste mura si intreccia con quello dei Signori del Montefeltro e di tutti coloro che a seguire dominarono queste terre. La struttura del castello è composta  da un complesso di edifici medievali racchiusi da una cinta di mura e ottimamente ristrutturati negli anni novanta.
Tre sono gli edifici che formano il castello: il Castellare Maggiore, il Castellare Minore e il
Mastio, che accolgono gli ospiti in: camere classic, superior, suite, junior deluxe, deluxe e Torre.
La fortezza guarda dall’alto la valle del Chiascio ed è circondata da un’azienda agraria con un grande parco, boschi e prati, nonché pascoli dove potrete incontrare le famose Chianine (la cui carne è famosissima e dal sapore impareggiabile).
Gli ospiti potranno godere di questo panorama incantevole direttamente dalle loro camere e trascorrere nel giardino, ai bordi della bella piscina immersa nel verde, o sotto le tante piante di olivo momenti di pieno relax e pace.
Avrete modo di dormire in un pezzo di storia, in camere arredate con mobili autentici che creano un ambiente suggestivo, potrete ammirare da vicino quadri e stampe antiche o i tanti soffitti con travi di quercia o magari avrete la fortuna di soggiornare in una delle stanze con camino in pietra.
Questo Castello vi offre un ambiente accogliente e caldo, avvolgendovi in un lusso non sfarzoso ma estremamente raffinato e singolare, elegante e interessante, per il resto date un’occhiata alle foto, parlano più di mille parole.



I raffinati arredi d'epoca convivono con tutti i comfort necessari a soddisfare le esigenze di viaggiatori e turisti. Alcune suite sono anche dotate di vasca idromassaggio e di romantici camini.
Nella Torre del Mastio, l'area più antica del Castello di Petroia, si trova una camera divisa su tre livelli che preserva le antiche architetture del periodo medievale e un terrazzo solarium con vista sulla valle.
Vi sentirete trasportati in un passato vivo e colorato, mentre camminerete tra le tante sale dai nomi medievali: Accomandugi, Guidobaldo, Mazzocchi, Stemmi e Astrobaldo.
Il Castello di Petroia è in una posizione centrale che vi permetterá di raggiungere velocemente alcune delle più belle città italiane: Gubbio, Perugia e Umbertide o i Lago Trasimeno e la Valdichiana.
E per viziare anche il vostro palato vi basterà una cenetta  nell'antica Sala degli Accomandugi, dove vi verranno servite le pietanze tipiche della regione bagnate da vini eccellenti.
Non esiste un luogo migliore per partire alla scoperta dell’Umbria!


Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…

Le supertizioni degli italiani!

La superstizione è una credenza di natura irrazionale che può influire sul pensiero e sulla condotta di vita delle persone che la fanno propria, in particolare la credenza che gli eventi futuri siano influenzati da particolari comportamenti senza che vi sia una relazione causale. La scaramanzia è una forma di superstizione secondo la quale alcune frasi o gesti attirerebbero o allontanerebbero la fortuna o la sfortuna.
Un  esempio è l'idea che dicendo qualcosa, questa non accadrà, o potrebbe accadere il contrario di ciò che si è detto.
Per questo motivo ad esempio, in Italia, si augura solitamente il contrario di ciò che si desidera che avvenga. Per esempio, a un cacciatore non si dirà "Buona caccia", ma "In bocca al lupo" parola entrata anche nel linguaggio comune e utilizzato per augurare "buona fortuna" .
Nonostante la cultura moderna condanni a parole la superstizione, molte credenze di questo genere sono estremamente diffuse anche nella società occ…