Passa ai contenuti principali

Folco Quilici: L'Italia Vista dal Cielo - Toscana


TOSCANA


Prodotto nel 1971 - restaurato nel 2006
"Quel che voi vedete è unico al mondo. In nessun altro luogo la natura è sottile, elegante e squisita fino a questo punto. Il Dio che ha fatto le colline di Firenze era un artista (...)" scriveva, parlando della Toscana, Anatocle France.
L'itinerario alla scoperta di questa terra che pare "gemma in anello (...) incastonata in una cerniera [montuosa] (...) istoriata con grandi nomi, con memorabili eventi" si apre immediatamente con l'immagine delle cime Apuane che avvolgono la regione.
"Le Apuane, i monti più sublimi della catena che cinge la Toscana, pel loro aspetto dolomitico, son legate al nome dell'artista più sublime che essa abbia mai avuto, Michelangelo" che da queste rocce creò mirabili sculture che contribuirono più di tutti a celebrare una terra famosa per la sua arte e per lo stuolo di grandi artisti ai quali diede i natali.
Poco lontano, nella Valle del Mugello, nacque Giotto i cui dipinti contribuirono a diffondere oltralpe l'arte italiana. E l'itinerario degli artisti continua sorvolando Arezzo, patria del Petrarca, per giungere fino all'Alta Maremma, celebre per i cipressi che "alti e schietti van da San Guido in duplice filar" cantati da Giosuè Carducci.
Ad interpretare al meglio lo spirito di questa terra meravigliosa è la civiltà degli Etruschi, da cui deriva la sua più antica denominazione, Etruria. La vivacità e la spensieratezza di questo popolo rivivono attraverso le tradizioni ed i costumi che, a distanza di secoli, sopravvivono alla modernità.
Con il procedere del volo in elicottero il tempo degli etruschi sfuma rapidamente e, sorvolando le rovine della Villa di Giannutri, i romani scandiscono un'altra epoca.
Il teatro di Fiesole, l'anfiteatro di Arezzo e l'impianto urbanistico di Lucca rievocano con la loro struttura la magnificenza dell'architettura romana.
Lontano dai tetti rosso bruno delle città, nella solitudine delle colline toscane, brulicano una moltitudine di abbazie, testimonianza di epoche e stili diversi.
Tra le lunghe distese di cipressi, di ulivi e le fitte coltivazioni di vite si alternano l'Abbazia di Farneta in Val di Chiana, il Convento di Bosco ai Frati nella Valle del Mugello, la Certosa del Galluzzo nella Val d'Ema e l'Abbazia di Vallombrosa.
Alture coronate da monasteri ed altre dominate da castelli, come Montecchio Vesponi a Castiglion Fiorentino che sovrasta ancora il paesaggio con la sua torre e la cinta di mura merlate.
Il viaggio prosegue e dalla gloria comunale evocata da Prato, Volterra e San Gimignano si passa alla gloria marinara di Pisa e Livorno.
Allontanandosi dalle acque del Tirreno e proseguendo verso l'interno, si percorrono le ondulate colline della campagna senese. Scorrono le immagini ed ecco apparire Siena che, al centro della sua conchiglia rosa striato, ospita il palio.
Il corso dell'Arno conduce lentamente nel capoluogo toscano, Firenze, dove le ville "La Ferdinanda" di Artimino e "La Petraia", scelte come dimore dalla famiglia dei Medici, aprono le porte alla città di Dante.

Il viaggio virtuale, attraverso epoche e gusti scanditi dalla creatività dello spirito artistico toscano, si conclude con le immagini emblematiche di una città che, come afferma il grande autore Mario Praz, è "il ciel che più della sua luce risplende (...) simbolo di una civiltà il cui spirito si è diffuso di qui fino ai confini della terra".

Commenti

  1. Un video molto suggestivo, perché non lo pubblichi anche in Babelweb? http://www.babel-web.eu/category/p3/ anche senza registrazione è molto facile!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…

Gli errori più comuni nella lingua italiana. AIUTO COME SI SCRIVE!

1.Ce o C’è
Dipende! Ce è una particella pronominale, inclusa in verbi pronominali come ad esempio “avercela”:
 Si vede benissimo che ce l’hai a morte con lui. C’è è la contrazione ci è= esserci essere presente (nella forma singolare). Tra me e te c’è una bella differenza!
2.Da, Dà o Da’ Anche qui dipende! Da, semplice semplice, è la preposizione. Vengo da Vicenza e tu?  Il dà accentato è la forma della terza persona singolare del verbo dare.
Mamma te le dà, se non la smetti! Il da’ con l’apostrofo è la forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dare. Da’ una mano a tuo fratello!
3.Di, Dì o Di’ Dipende…da che dipende… Di= preposizione semplice. Quel mobile è fatto di legno Dì= un sostantivo sinonimo di giorno. Prenda la medicina tre volte al dì! Di’= forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dire.
Di' subito a mamma la verità, mascalzone!
4.E o ed? A o ad? La cosiddetta D eufonica (cioè dal bel suono) va aggiunta nel caso la parola successiva inizi con la…