Passa ai contenuti principali

Dal dottore

Andiamo dal dottore!

Intanto incominciamo con il ripassare le parti più importanti del corpo umano!
Guardandolo dall’esterno:



Gardandolo all’interno:
3) fegato - 4) reni - 2) cuore - 9) arteria - 6) muscoli - 8) vena - 7) ossa -     1) polmoni – 5) intestino



Alla domanda, “Come ti senti/Come stai?” possiamo rispondere: 

1)Benissimo
2)Bene
3)Abbastanza bene
4)Non c’è male
5)Così, così
6) Non mi sento molto bene
7) Non mi sento per niente bene
8) Mi sento un po’ male
9) Mi sento male
10) Mi sento molto male
11) Mi sento malissimo
12)Mi sento male da morire

Se avete dei disturbi dovete recarvi da un medico, ma attenti a scegliere lo specialista giusto:

a. Il pediatra è il medico che cura i bambini, fino all’adolescenza.
 b. L’otorino è il medico che cura i disturbi delle orecchie e alla gola .
c. Il dentista è il medico che cura la salute dei denti.
d. Il chirurgo è il medico che opera i pazienti in ospedale.
e. Il medico di base o generico si occupa delle malattie generiche e assiste il malato gratuitamente.
f. Il cardiologo cura i pazienti che hanno disturbi di cuore.
g. Il gastroenterologo è il medico che si occupa dei disturbi dello stomaco e dell’intestino.
h. L’oculista cura gli occhi.
i. Lo pneumologo si occupa dei polmoni.
l. Il geriatra si occupa della salute delle persone anziane.
m. L’urologo si occupa dell’apparato urinario.
n. Il ginecologo è il medico che si occupa dell’apparato riproduttivo femminile.
o. L’andrologo è il medico che si occupa dell’apparato riproduttivo maschile.
p. Il neurologo si occupa del cervello e dei nervi.
q. L’ortopedico cura l’apparato locomotore.
r. Lo psichiatra cura i problemi mentali.

Se dite di sentirvi male, e siete dal dottore dovrete descrivere i vostri problemi e il vostro stato fisico, il medico probabilmente vi chiederà:

“Che cos’ha? Che cosa si sente? Quali sintomi ha? Cosa accusa?”
Non è sempre facile capire e usare le parole della medicina, iniziamo con il semplificare alcuni termini:

a. cefalea= mal di testa.
b. assumere un farmaco= prendere una medicina.
c. otite= mal di orecchie.
d. stato febbrile= febbre.
e. prescrizione= ricetta.
f. antipiretico= farmaco contro la febbre.
g. ustione= scottatura/bruciatura.
h. ipersensibilità= allergia.
i. analgesico= medicina contro il dolore.

Ed eccovi alcuni organi con le loro possibili malattie:

1. Fegato (in greco hêpar -patos)= epatite
2. Reni = colica renale
3. Cuore (in greco kardìa)= tachicardia, palpitazioni, infarto
4. Arterie= arteriosclerosi
5. Muscoli= dolori muscolari, stiramenti muscolari, contusioni
6. Ossa= dolori osteo-articolari, fratture
7. Polmoni=polmonite, bronchite
8. Intestino= dolori intestinali, dissenteria, stitichezza
9. Stomaco= bruciori di stomaco, dolori di stomaco, ulcera, gastrite

Nell'interessantissimo sito rai "In Italia", troverete video, audio ed esercizi su questo importante tema, fateci un salto, ve lo consiglio!



Per descrivere il vostro problema:

Ho mal (di testa, di stomaco, di pancia, di schiena, denti, di orecchie, di collo, di gola)
Mi fa male (il petto, la testa, lo stomaco, la schiena, la gamba, il piede, la mano, la gola, un dente, un dito, un occhio, un piede, la mano).
Ho: prurito, la tosse, la febbre, il raffreddore, il naso chiuso, la nausea, il vomito, il catarro, uno sfogo sulla pelle.
Mi gira la testa.
Mi sento stanco.
Mi manca il fiato.

Mi brucia (l’occhio, la gola, lo stomaco, fare la pipì).
Soffro di (pressione alta, cuore, insonnia). Quando si dice soffrire di…, si descrive una malattia di cui si soffre da tempo e che ci è nota.

Il dottore cercherà per voi il rimedio giusto forse vi dirà una delle seguenti frasi:

Deve prendere questa medicina. (Le medicine possono essere sotto forma di pillole, sciroppi, bustine, iniezioni, aerosol, pomata, compresse effervescenti).
Deve applicare questa pomata.
Deve riposarsi e dormire.
Deve mettere del ghiaccio.
Deve fare più movimento.
Deve andare al pronto soccorso.
Deve fare una radiografia.

Guarda qui, e impara a leggere il foglietto illustrativo dei medicinali.

Qui potrai scoprire i nomi di alcuni medicinali molto usati in Italia.

Impara qui quali sono i numeri da chiamare in Italia in caso di emergenza.

Sei in vacanza in Italia e devi andare da un medico, qui troverai tante informazioni utili.

 E ora ridiamo un po':

Brignano dal medico

Una visita dal medico

Claudia Mori - Buonasera Dottore (1975)
S: Hi, it's me
H: Oh .. good evening doctor
S: Oh my love..
H: Yes, please tell me

S: I don't resist anymore thinking to you
H: Oh, well, I'd say that's important!
S: When will you come to me? I need you
H: Hmm .. I don't know now .. it depends ..
S: If she is near to you, do not talk let speak just me, you can reply just yes or no.
H: Oh sure!

S: Please, come to me as soon as possible, even if it's too late.. I'm not sleeping.. I miss you so much. Do you love me, my love?
H: Oh yes, doctor, You swear on it!
S: I need you, I love you more and more
H: No, I don't think
S: Where's she now? Is she near to you?
H: Yes, there's no doubt ..
S: Oh no .. Oh, my love, I released all my hair.. I've the scent you gave to me.
H: Oh yeah !!

S: Please, come to me at least for a while, I haven't sleepy, I'm wake up.. please, you can say what you want, but tonight you can't say no to me.
H: Ok doctor, if I must .. I'm coming to you ..
S: Now I hang up, I don't want she becomes suspicious.. oh my love, I'm here in fervent love and I might even die for love.
H: No, no, please, do not worry, be calm now.. I'm running to you.. see you soon, doctor.
S: Oh my love, I beg you, come here immediately to me.. I'm in hot ..

=========================

Lei: Ciao, sono io
Lui: Buonasera dottore
Lei: Amore mio
Lui: Sì, mi dica
Lei: Non resistevo più, pensavo a te
Lui: Ah, bene, direi che è importante.
Lei: Quando verrai?
Lui: Mah, adesso non so dipende...
Lei: Non parlare se lì c'è lei, lascia parlare me, dì sì o no.
Lui: Certo!

Lei: Ma vieni appena puoi, anche tardi se tu vuoi,
intanto non dormirei, quanto mi manchi non sai.
Mi ami o no?
Lui: Ci può giurare dottore.
Lei: Io di più
Lui: No, non credo
Lei: Ma Lei adesso dov'è? Vicino a te?
Lui: Sì, senz'altro.
Lei: Oh no.. Ho sciolto tutti i capelli giù e ho il profumo
che mi hai dato tu.
Lui: Ah si?

Lei: Vieni almeno per un po', non ho sonno, non mi sveglierai,
dì quello che vuoi però stasera non dirmi di no.
Lui: Va bene dottore. Se è proprio necessario, vengo.
Lei: Adesso chiudo, non vorrei fare insospettire Lei.
Amore, io sono qui e potrei anche morire.
Lui: No, no, stia tranquillo. Adesso farò un salto da lei. Buonasera dottore
Lei: Amore vieni quiiiiiii ..

======================

Claudia Mori, pseudonimo di Claudia Moroni, nata a Roma il 12 febbraio 1944 è un'attrice, cantante, produttrice discografica e produttrice televisiva italiana.
Moglie di Adriano Celentano (Milano 6 gennaio 1938) e madre di Rosita, Giacomo e Rosalinda Celentano.

La canzone è stata scritta da Paolo Limiti nel 1974, destinata inizialmente a Mina, che la cantò diversi anni dopo, invece venne incisa da Claudia Mori che la pubblicò su un singolo.
Nel 1975 la canzone raggiunse la vetta della Hit Parade Italiana diventando così il più grande successo della bellissima Claudia, come interprete solista. La voce maschile è di Franco Morgan.


Franco Trincale –
Terroni E Polentoni Dal Dottore

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…

Gli errori più comuni nella lingua italiana. AIUTO COME SI SCRIVE!

1.Ce o C’è
Dipende! Ce è una particella pronominale, inclusa in verbi pronominali come ad esempio “avercela”:
 Si vede benissimo che ce l’hai a morte con lui. C’è è la contrazione ci è= esserci essere presente (nella forma singolare). Tra me e te c’è una bella differenza!
2.Da, Dà o Da’ Anche qui dipende! Da, semplice semplice, è la preposizione. Vengo da Vicenza e tu?  Il dà accentato è la forma della terza persona singolare del verbo dare.
Mamma te le dà, se non la smetti! Il da’ con l’apostrofo è la forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dare. Da’ una mano a tuo fratello!
3.Di, Dì o Di’ Dipende…da che dipende… Di= preposizione semplice. Quel mobile è fatto di legno Dì= un sostantivo sinonimo di giorno. Prenda la medicina tre volte al dì! Di’= forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dire.
Di' subito a mamma la verità, mascalzone!
4.E o ed? A o ad? La cosiddetta D eufonica (cioè dal bel suono) va aggiunta nel caso la parola successiva inizi con la…