Passa ai contenuti principali

Descrivere una persona in italiano

Come si descrive una persona in italiano.

ETÁ
·         Neonato
·         Lattante
·         Bambino
·         Ragazzino
·         Adolescente
·         Ragazzo
·         Giovane
·         Giovanile
·         Adulto
·         Di mezza età
·         Anziano
·         Vecchio

CORPORATURA
·         Esile (delicata, magra)
·         Mingherlina
·         Magra
·         Minuta (piccola)
·         Emaciata (pallida, malaticcia)
·         Piccola
·         Gracile
·         Sottile
·         Fragile
·         Snella
·         Slanciata
·         Atletica
·         Media
·         Robusta
·         Muscolosa
·         Atletica
·         Massiccia
·         Imponente (molto grande)
·         Vigorosa (forte)
·         Tarchiata
·         Tozza
·         Grassa

STATURA
·         Alta
·         Bassa
·         Media
·         Notevole
·         Superiore alla media

VOLTO
·         Allungato
·         Affilato
·         Butterato (pieno di cicatrici)
·         Ovale
·         Paonazzo
·         Lentigginoso
·         Tondo
·         Florido (in piena salute)
·         Paffuto
·         Regolare
·         Irregolare
·         Rugoso
·         Giovanile
·         Rugoso
·         Scarno
·         Incavato
·         Sofferente

CAPELLI
·         Castani
·         Neri
·         Corvini
·         Bianchi
·         Brizzolati
·         Rossi
·         Fulvi
·         Lunghi
·         Ondulati
·         Ricci
·         Crespi
·         Lisci
·         Raccolti
·         Corti
·         A spazzola
·         Rasati
·         Spettinati
·         Arruffati
·         Scompigliati
·         Ribelli
·         Morbidi
·         Docili
·         Ispidi
·         Lanosi
·         Fini
·         Spessi
·         Fragili
·         Che cadono
·         Con le doppie punte

FRONTE
·         Alta
·         Spaziosa
·         Bassa
·         Stempiata
·         Aggrottata
·         Grinzosa
·         Corrugata
·         Rugosa
·         Sporgente
·         Imponente

 COPRACCIGLIA E CIGLIA
·         Folte
·         Rade
·         Ispide
·         Sottili
·         Lunghe
·         Corte
·         Arcuate

ZIGOMI
·         Sporgenti
·         Alti
·         Duri
·         Larghi
·         Pronunciati

GUANCE
·         Incavate
·         Scavate
·         Scarne
·         Con le fossette
·         Paffute
·         Lentigginose

OCCHI
·         Neri
·         Castani
·         Azzurri
·         Verdi
·         Grigi
·         Rossi
·         Grandi
·         Piccoli
·         Rotondi
·         A mandorla
·         Infossati
·         Sporgenti
·         Cerchiati
·         Sgranati
·         Cattivi
·         Curiosi
·         Dolci
·         Espressivi
·         Spenti
·         Teneri
·         Vispi
·         Languidi
·         Ammiccanti
·         Penetranti

NASO
·         A patata
·         Aquilino
·         Largo
·         Schiacciato
·         Prominente
·         All’insù
·         Piccolo
·         Adunco (piegato ad uncino)
·         Affilato
·         Appuntito
·         Camuso (corto e schiacciato)
·         Greco
·         Bitorzoluto
·         Alla francese
·         A sella

BOCCA
·         Piccola
·         Grande
·         Larga
·         Sottile
·         Rotonda
·         A cuore
·         Socchiusa
·         Sdentata
·         Aperta
·         Serrata

LABBRA
·         Sottili
·         Carnose
·         Grosse
·         Sporgente
·         Tumide (gonfie)
·         Rifatte
·         Rosse
·         Secche
·         Screpolate
·         Rosee
·         Livide
·         Contratte
·         Pallide

DENTI
·         Bianchi
·         Brillanti
·         Da latte
·         Permanenti
·         Storti
·         Piccoli
·         Grandi
·         Aguzzi
·         Ingialliti
·         Anneriti
·         Cariati
·         Finti
·         Posticci
·         Radi
·         Sconnessi
·         Splendenti

VOCE
·         Bella
·         Squillante
·         Stridula
·         Acuta
·         Profonda
·         Nasale
·         Rauca
·         Cavernosa
·         Bassa
·         Alta
·         Fievole
·         Debole
·         Calda
·         Melodiosa
·         Lamentosa
·         Gradevole
·         Tonante
·         Sommessa
·         Armoniosa
·         Suadente
·         Piacevole
·         Brutta
·         Suadente
·         Stridula
·         Secca
·         Gutturale
·         Implorante

MODO DI PARLARE
·         Amichevole
·         Calmo
·         Riflessivo
·         Corretto
·         Cortese
·         Garbato
·         Elegante
·         Cordiale
·         Familiare
·         Lento
·         Veloce
·         Autoritario
·         Minaccioso
·         Volgare
·         Buffo
·         Ridicolo
·         Concitato
·         Incomprensibile
·         Comprensibile
·         balbuziente

MENTO
·         Sporgente
·         Aguzzo
·         Prominente
·         Con la fossetta
·         Aguzzo

ORECCHIE
·         Piccole
·         A sventola
·         Grandi
·         Sporgenti
·         Aderenti
·         Delicate

CARNAGIONE
·         Pallida
·         Emaciata
·         Abbronzata
·         Olivastra
·         Scura
·         Rosea
·         Livida
·         Paonazza (rosso-viola)
·         Giallognola
·         Vellutata

CARATTERE
·         Buono
·         Allegro
·         Scherzoso
·         Positivo
·         Socievole
·         Ottimista
·         Pacifico
·         Paziente
·         Generoso
·         Irritabile
·         Scontroso
·         Nervoso
·         Avaro
·         Egoista
·         Impaziente
·         Violento
·         Pessimista
·         Taciturno
·         Malinconico
·         Brutto
·         Cattivo
·         Pessimo

MODO DI MUOVERSI
·         Agile
·         Atletico
·         Elegante
·         Armonioso
·         Coordinato
·         Distinto
·         Signorile
·         Impacciato
·         Dinoccolato
·         Spavaldo
·         Frettoloso
·         Precipitoso
·         Scoordinato
·         Scattoso
·         Lento
·         Barcollante

Ecco a voi un paio di descrizioni famose!

"Era alta, magra; aveva soltanto un seno fermo e vigoroso da bruna e pure non era più giovane; era pallida come se avesse sempre addosso la malaria, e su quel pallore due occhi grandi così, e delle labbra fresche e rosse, che vi mangiavano. Al villaggio la chiamavano la Lupa perché non era sazia giammai di nulla. Le donne si facevano la croce quando la vedevano passare, sola come una cagnaccia, con quell'andare randagio e sospettoso della lupa affamata; ella si spolpava i loro figliuoli e i loro mariti in un batter d'occhio, con le sue labbra rosse, e se li tirava dietro alla gonnella solamente a guardarli con quegli occhi da satanasso, fossero stati davanti all'altare di Sant'Agrippina. Per fortuna la Lupa non veniva mai in chiesa né a Pasqua, né a Natale, né per ascoltare messa, né per confessarsi. Padre Angiolino di Santa Maria di Gesù, un vero servo di Dio, aveva persa l'anima per lei." ("La Lupa" di Verga)

"Vedendolo entrare notai che era il tipo di giovane uomo che meno mi piace: alto, molto più di me, e pallido come chi sta al chiuso con passione. Lungo le mascelle il suo cereo pallore si intingeva di acne, come due brucianti pennellate, e gli occhi nelle orbite profonde e scarne erano di un azzurro gelido, sovrannaturale, impacciato e indicibilmente chiaro, quasi  incolore. In testa aveva un berretto di lana blu, che si cacciò in una tasca del giaccone mimetico militare mentre indugiava goffo sulla soglia, e, ingombrante e imbarazzato, sbatteva gli occhi e si guardava attorno, guardava i miei libri e la finestra a ogiva dietro la mia testa. I suoi capelli sporchi e vagamente ricciuti si stavano già diradando, notai osservandogli le tempie". (John Updike: 'La versione di Roger', Rizzoli, Milano, '88 -pag. 7).

"Linda era una bella donna di poco più di trent'anni, con capelli corti neri seminascosti sotto un foulard di seta. Il suo tailleur Chanel color panna appariva un po' fuori posto lì in mezzo. Si capiva che dieci anni prima doveva essere stata radiosa, ma ora un'espressione rassegnata aveva appannato la sua bellezza. Sul viso c'erano piccole rughe, una certa stanchezza e un po' troppo trucco, ma l'effetto nel complesso era attraente". (Jackie Collins: 'La sbandata', Sonzogno, Milano, '88 - pag. 13).



” La donna, di professione maestra elementare, si chiamava Ida Ramundo vedova Mancuso. Veramente secondo l’intenzione dei suoi genitori, il suo primo nome doveva essere Aida. Ma, per un errore dell’impiegato, era stata iscritta all’anagrafe come Ida, detta Iduzza dal padre calabrese. Di età, aveva trentasette anni compiuti, e davvero non cercava di sembrare meno anziana…Il suo corpo denutrito, e informe nella struttura dal petto sfiorito e dalla  parte inferiore malamente ingrossata era coperto alla meglio da un cappottino marrone da vecchia, con un collettino di pelliccia assai consunto, e una fodera grigiastra che mostrava gli orli stracciati fuori dalle maniche. Portava anche un cappello, fissato con un paio di spilloncioni da merceria, e provvisto di un piccolo velo nero di antica vedovanza; oltre che dal velo, il suo stato civile di signora era comprovato dalla fede nuziale (d’acciaio, al posto di quella d’oro già offerta dalla patria per l’impresa abissina) sulla sua mano sinistra. I suoi ricci crespi e nerissimi incominciavano a incanutire; ma l’età aveva lasciato stranamente incolume la sua faccia tonda, dalle labbra sporgenti, che pareva la faccia d’una bambina”. (Storia di Elsa Morante)

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

Le supertizioni degli italiani!

La superstizione è una credenza di natura irrazionale che può influire sul pensiero e sulla condotta di vita delle persone che la fanno propria, in particolare la credenza che gli eventi futuri siano influenzati da particolari comportamenti senza che vi sia una relazione causale. La scaramanzia è una forma di superstizione secondo la quale alcune frasi o gesti attirerebbero o allontanerebbero la fortuna o la sfortuna.
Un  esempio è l'idea che dicendo qualcosa, questa non accadrà, o potrebbe accadere il contrario di ciò che si è detto.
Per questo motivo ad esempio, in Italia, si augura solitamente il contrario di ciò che si desidera che avvenga. Per esempio, a un cacciatore non si dirà "Buona caccia", ma "In bocca al lupo" parola entrata anche nel linguaggio comune e utilizzato per augurare "buona fortuna" .
Nonostante la cultura moderna condanni a parole la superstizione, molte credenze di questo genere sono estremamente diffuse anche nella società occ…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…