Passa ai contenuti principali

I giorni perduti.

DINO BUZZATI 
I GIORNI PERDUTI 


Qualche giorno dopo aver preso possesso della sontuosa villa, Ernst Kazirra, 
rincasando, avvistò da lontano un uomo che con una cassa sulle spalle usciva 
da una porticina secondaria del muro di cinta, e caricava la cassa su di un 
camion. 
Non fece in tempo a raggiungerlo prima che fosse partito. Allora lo inseguì in 
auto. E il camion fece una lunga strada, fino all’estrema periferia della città, 
fermandosi sul ciglio di un vallone. Kazirra scese dall’auto e andò a vedere. 
Lo sconosciuto scaricò la cassa dal camion e, fatti pochi passi, la scaraventò nel botro [fossato]; che era ingombro di migliaia e migliaia di altre casse uguali. 
Si avvicinò all’uomo e gli chiese: «Ti ho visto portar fuori quella cassa dal 
mio parco.
Cosa c’era dentro? E cosa sono tutte queste casse?». 
Quello lo guardò e sorrise: «Ne ho ancora sul camion da buttare. Non sai? 
Sono i giorni». 
«Che giorni?» 
«I giorni tuoi.» 
«I miei giorni?» 
«I tuoi giorni perduti. I giorni che hai perso. Li aspettavi, vero? Sono venuti. 
Che ne hai fatto? Guardali, intatti, ancora gonfi. E adesso...» 
Kazirra guardò. 
Formavano un mucchio immenso.
 Scese giù per la scarpata e ne aprì uno. 
C’era dentro una strada d’autunno, e in fondo Graziella la sua fidanzata che 
se n’andava per sempre. 
E lui neppure la chiamava.
 Ne aprì un secondo. 
C’era una camera d’ospedale, e sul letto suo fratello Giosuè che stava male e 
lo aspettava. 
Ma lui era in giro per affari. 
Ne aprì un terzo.
 Al cancelletto 
della vecchia misera casa stava Duk il fedele mastino che lo attendeva da due anni, ridotto pelle e ossa. 
E lui non si sognava di tornare. 
Si sentì prendere da una certa cosa qui, alla bocca dello stomaco. 
Lo scaricatore stava diritto sul ciglio del vallone, immobile come un giustiziere. 
«Signore!» gridò Kazirra. 
«Mi ascolti. Lasci che mi porti via almeno questi tre giorni. La supplico. Almeno questi tre. Io sono ricco. Le darò tutto quello che vuole.» 
Lo scaricatore fece un gesto con la destra, come per indicare un punto 
irraggiungibile, come per dire che era troppo tardi e che nessun rimedio era 
più possibile. 
Poi svanì nell’aria, e all’istante scomparve anche il gigantesco 
cumulo delle casse misteriose. 
E l’ombra della notte scendeva. 

da D. Buzzati, 180 racconti, Mondadori, Milano 1982 

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

Le supertizioni degli italiani!

La superstizione è una credenza di natura irrazionale che può influire sul pensiero e sulla condotta di vita delle persone che la fanno propria, in particolare la credenza che gli eventi futuri siano influenzati da particolari comportamenti senza che vi sia una relazione causale. La scaramanzia è una forma di superstizione secondo la quale alcune frasi o gesti attirerebbero o allontanerebbero la fortuna o la sfortuna.
Un  esempio è l'idea che dicendo qualcosa, questa non accadrà, o potrebbe accadere il contrario di ciò che si è detto.
Per questo motivo ad esempio, in Italia, si augura solitamente il contrario di ciò che si desidera che avvenga. Per esempio, a un cacciatore non si dirà "Buona caccia", ma "In bocca al lupo" parola entrata anche nel linguaggio comune e utilizzato per augurare "buona fortuna" .
Nonostante la cultura moderna condanni a parole la superstizione, molte credenze di questo genere sono estremamente diffuse anche nella società occ…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…