Passa ai contenuti principali

I proverbi del Natale


PROVERBI LEGATI AL NATALE

A Natale, freddo cordiale.
A Natale, mezzo pane; a Pasqua mezzo vino.
Castagne verdi per Natale sanno molto e poi vanno a male.
Da Natale al gioco, da Pasqua al fuoco.
Da Ognissanti a Natale i fornai perdono il capitale.
Da San Martino [11 novembre] a Natale, ogni povero sta male.
La neve che cade prima di Natale, mette i denti.
Natale al sole Pasqua al freddo.
Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi.
Natale in venerdì, vale due poderi.
Natale viene una sola volta l'anno.
Quando Natale viene di domenica, vendi la tonaca per comperar saggina.
Se a mezzanotte di Natale la luna è piena, gran siccità.
Se fa bello a San Gallo [16 ottobre], il bello arriva sino a Natale.
Se il Natale è verde la Pasqua sarà bianca.
Chiaro il Natale raro i covoni.
A Natale, grosso o piccino, su ogni tavola c'è un tacchino.
Se le rondini vedi a San Michele, solo dopo il Natale l'inverno viene.
Natale viene una volta all'anno; chi non ne approfitta, tutto va a suo danno.
L'Epifania, tutte le feste porta via
Chi rinnova a Capodanno, rinnova tutto l'anno.
A Natale, freddo cordiale.
A Natale, mezzo pane; a Pasqua, mezzo vino.
Avanti Natale, né freddo né fame (o per fino a Natale il freddo non fa male): da Natale in là, il freddo se ne va.
Carnevale a casa d'altri, Pasqua a casa tua, Natale in corte.
Da Santa Lucia a Natale il dì allunga un passo di cane.
La neve Sant'Andrea l'aspetta; se non a Sant'Andrea, a Natale; se non a Natale, più non l'aspettare.
Natale senza danari, carnevale senz'appetito, pasqua senza devozione.
Per Sant'Andrea piglia il porco per la sèa (setola); se tu non lo puoi pigliare, fino a Natale lascialo andare.
Se tu vedi del formento per Natale, ammazza il cane; se non lo vedi dagli del pane.

NATALE IN TUTTE LE LINGUE
alabama : Kilismi
antico inglese: Crístemæsse
arabo : عيد ميِ
azero: Milad Günü
bulgaro: Коледа (Koleda)
catalano: Nadal
cebuano: Pasko sa Pagkatawo
ceco: Vánoce
gallese: Nadolig
danese: jul
tedesco: Weihnachten
inglese: Christmas
greco: Χριστούγεννα
esperanto: Kristnasko
spagnolo: Navidad
estone: Jõulud
finlandese: joulu
francese: Noël
islandese: jól
giapponese: クリスマス
georgiano: შობა
coreano: 크리스마스
malese: Natal, Krismas
basso sassone: Wiehnacht
olandese: Kerstmis m
norvegese (bokmål): jul
polacco: Boże Narodzeni
portoghese: Natal
romeno: Crăciun
russo: Рождество
siciliano: Natali
sassarese: naddari
albanese: Krishtlindje
serbo: božić
logudorese: nadale
sardo-Alghero: nadal
campidanese: paschixedda
sloveno: božič
svedese: jul
cinese:
cinese semplificato: 诞节
cinese tradizionale: 聖誕節

Ricordate che:
Natale viene una volta l’anno= frase pronunciata per giustificare spese, magari utili, ma ritenute eccessive.
Durare da Natale a Santo Stefano=per un brevissimo spazio di tempo, poiché il giorno di santo Stefano succede immediatamente a quello del Natale.

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…

Gli errori più comuni nella lingua italiana. AIUTO COME SI SCRIVE!

1.Ce o C’è
Dipende! Ce è una particella pronominale, inclusa in verbi pronominali come ad esempio “avercela”:
 Si vede benissimo che ce l’hai a morte con lui. C’è è la contrazione ci è= esserci essere presente (nella forma singolare). Tra me e te c’è una bella differenza!
2.Da, Dà o Da’ Anche qui dipende! Da, semplice semplice, è la preposizione. Vengo da Vicenza e tu?  Il dà accentato è la forma della terza persona singolare del verbo dare.
Mamma te le dà, se non la smetti! Il da’ con l’apostrofo è la forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dare. Da’ una mano a tuo fratello!
3.Di, Dì o Di’ Dipende…da che dipende… Di= preposizione semplice. Quel mobile è fatto di legno Dì= un sostantivo sinonimo di giorno. Prenda la medicina tre volte al dì! Di’= forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dire.
Di' subito a mamma la verità, mascalzone!
4.E o ed? A o ad? La cosiddetta D eufonica (cioè dal bel suono) va aggiunta nel caso la parola successiva inizi con la…