Passa ai contenuti principali

Ops, mi è caduto il pisello-Le parole del sesso!


Lo sapevate che gli eschimesi hanno più di 300 parole per definire la neve?
E che gli italiani ne hanno circa 3160 per definire organi e atti sessuali?

Ora non vi scandalizzate, ma trattando il tema in modo linguistico e neutrale, proviamo ad addentrarci nella “lingua del sesso”.

Hiii, come sei volgare oggi! No, no ragazzi, non voglio essere volgare, ma insegnare ai nostri amici stranieri che anche frasi come:


Ops, mi è caduto il pisello.
Che due belle pere che hai!
Il mio pacco è più grande del tuo!
Ieri sera gli è morto l’uccello!


Possono essere fraintese, in senso decisamente malizioso.

E tutto questo perché:
Sono 984 i  termini complessivi per la sfera sessuale maschile, 766 per quella femminile, 266 quelli relativi ai glutei.
Limitandoci ai termini che designano il pene e la vagina, sono per 744 per il primo e 595 per la seconda.

........“In italiano, il sesso maschile ha 2 record: è designato dal più alto numero di termini (se ne contano 744, escludendo i testicoli), ed è la parolaccia più pronunciata, secondo la Banca dati dell’italiano parlato. Del resto, notava lo scrittore Italo Calvino, il termine cazzo ha un’espressività impareggiabile, non solo rispetto a tutti gli altri sinonimi, ma anche alle altre lingue europee. Tanto che, in italiano, è un vero jolly linguistico: può indicare stupidità, nullità e disvalore (cazzone, cazzata, cazzeggiare, minchione, minchiata, cappellata) ma anche il contrario, cioè potenza, abilità e valore (cazzuto). Serve a indicare ira e malumore (incazzarsi), noia e sconforto (scazzato); affari personali e problemi (cazzi miei), parte sensibile (rompere il c a z z o), approssimazione (a  c a z z o).”...........

Questa bella ricerca l’ha fatta e presentata un simpaticissimo ricercatore Vito Tartamella che nel suo blog parolacce, ha dedicato a questo tema un articolo veramente ben fatto. Andate a leggervelo tutto, quello sopra è solo un assaggino.


I nomi di” lui”:
sberla, calippo, pitone, missile, obelisco, torre di Pisa, maritozzo, pendolino delle 9:07, sardeon, sciupavedove, sventrapapere, vermicione, tronchetto della felicità, affare, arnese, malloppo, pacco, bastone, candelotto, cazzo, manico,  asta, archibugio, clava, mazza, canarino, fringuello, pipistrello, uccello, anguilla, pesce, cefalo, aspide, biscia, banana, pisello, carota, cetriolo, fava, braccio, gamba, naso, vena, biscotto, salsiccia, babà e così via ( tutti gli altri li trovate nell’articolo suddetto).

I nomi di “lei”:
bernarda, lei, sorella, Filippa, siora Luigia o Jolanda, trappola, tagliola, rosa, paradiso, tesoro, grotta, scrigno, guaina, vagina, vulva, chitarra, piva, zampogna, patacca, posto, varco, abisso, buco, fessa, bosco, boschetto, caverna, valle, palude, giardino, tana,  lumaca, passera, vongola, lattuga, pucchiacca, fica, fragola, oliva, prugna, brodosa, frittella, lasagna, gnocca e così via ( tutti gli altri li trovate nell’articolo suddetto).

Guardate un po’ che cosa ha combinato quel matto di Roberto Benigni parlando proprio di questo argomento.

Si perchè, alla lingua piace scherzare, e vi assicuro che scherzando la si impara meglio!
Avete mai pensato a questi tre termini molto simili, gnocco-gnocchi-gnocca?
Beh:
Gli gnocchi sono buoni, mi piacciono molto col burro fuso e una fogliolina di salvia.
La gnocca è un modo per indicare l’organo sessuale femminile; “una bella gnocca” è una gran bella figliola=bella donna.
Uno gnocco è uno sciocco, “Mamma mia quanto sei gnocco, non capisci niente”.
Un gran pezzo di gnocco= un gran bel ragazzo
Ci siamo intesi?

Il sesso spiegato in un video del mitico Bruno Bozzetto:



Allora, se ancora non vi siete stancati dell’argomento, ecco una canzoncina di un cantautore napoletano Federico Salvatore.
Va Gina

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

Le supertizioni degli italiani!

La superstizione è una credenza di natura irrazionale che può influire sul pensiero e sulla condotta di vita delle persone che la fanno propria, in particolare la credenza che gli eventi futuri siano influenzati da particolari comportamenti senza che vi sia una relazione causale. La scaramanzia è una forma di superstizione secondo la quale alcune frasi o gesti attirerebbero o allontanerebbero la fortuna o la sfortuna.
Un  esempio è l'idea che dicendo qualcosa, questa non accadrà, o potrebbe accadere il contrario di ciò che si è detto.
Per questo motivo ad esempio, in Italia, si augura solitamente il contrario di ciò che si desidera che avvenga. Per esempio, a un cacciatore non si dirà "Buona caccia", ma "In bocca al lupo" parola entrata anche nel linguaggio comune e utilizzato per augurare "buona fortuna" .
Nonostante la cultura moderna condanni a parole la superstizione, molte credenze di questo genere sono estremamente diffuse anche nella società occ…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…