Passa ai contenuti principali

ABBREVIAZIONI- I BALBETTII SU CARTA


Eccovi un paio di conversazioni moderne………..balbettii su sms!

Lei : Amo‘ scapins? Xtalano o pens a t. Riss tat xxx
Lui: Cta. Ap. C6. Cmq non o cpt 0. C

Lui: d6
Lei: in dis
Lui: br str TO
Lei: mdi xk?
Lui: 6 sol m, ti tel + tard
Lei: tdp vo bal zzz

Non ci avete capito nulla? Allora non siete più troppo giovani, va bene….. per il popolo degli enta e anta (trentenni e quarantenni), faccio la traduzione di questi due tipici dialoghi da sms.

Lei: Amore, scappiamo insieme? Per tutta la notte ho pensato a te. Rispondimi subitissimo, ti amo tanto, tanti baci.
Lui: Ciao, ti amo! A proposito, chi sei? Comunque non ho capito nulla!

Lui: Dove sei?
Lei: In discoteca.
Lui: Brutta stronza ti odio!
Lei: Mi dispiace…….perché?
Lui: Sei solo mia, ti telefono più tardi.
Lei: Togliti dai piedi, voglio ballare, mi fai venire sonno!

Beh, viene proprio da pensare che la lingua italiana abbia subito un’operazione alle corde vocali…..chissà cosa direbbero un Leopardi, un Montale, un  Carducci o un Pascoli se si trovassero a vivere una giornata nella società d’oggi!
Chissà se sarebbero stati capaci di comporre veri capolavori della poesia, anche con questa lingua che sembra più un balbettio, un singhiozzo, un colpo di tosse, o il rumore del raschiarsi la gola.
Insomma, la lingua deve creare anche emozioni, rievocare profumi e un ti amo è molto più poetico di un ta.
Comunque resta il fatto che oggi tutto va fatto in modo veloce e che per evitare fastidiosi crampi alle dita, col telefonino è forse lecito “accorciare”.
Se vi interessa la lingua degli sms, date un’occhiata qui e poi magari provate a creare qualche surreale conversazione.

A parte gli scherzi, al di fuori di queste abbreviazioni giocose, esistono anche abbreviazioni importanti e comunemente in uso nella lingua italiana, e che è importante conoscere, ve ne presento alcune e vi lascio un paio di link su cui cercare quelle che trovate e non conoscete.

ab. = abitanti
abbigl.=abbigliamento
abbrev.=abbreviato, abbreviazione
a.C. =avanti Cristo
alt.= altezza, altitudine
anat.=Anatomia
arred.=arredamento
art.= articolo
b.=beato
bibl.= Biblioteca
ca.=circa
cal.=caloria
cap. =capitolo, capitale
capol.=capoluogo
card.=cardinale
caus.=causale
c.d.= cosiddetto
cm=centimetro
cod. civ.=codice civile
cod. pen. =codice penale
cod. proc. civ.= codice di procedura civile
cod. proc. pen. =codice di procedura penale
cuc.=cucina
c.v.d =come volevasi dimostrare
d.C.=dopo Cristo
Dir.=Diritto
dir.= diritto
Dir. Amm.=Diritto Amministrativo
Dir. Can.=Diritto Canonico
Dir. Civ.= Diritto Civile
Dir. d. lav.= Diritto del lavoro
Dir. internaz.=Diritto internazionale
Dir. it.=Diritto italiano
Dir. pen.=Diritto penale
Dir. priv. =Diritto privato
Dir. proces.=Diritto processuale
Dir. pub.= Diritto pubblico
Dir. rom.=Diritto romano
Dott.=Dottore (in medicina)
Dr. =Dottore (in tutti gli altri campi)
es.=esempio
farm.= farmacologia
ferr.=ferrovia
fig.= figura, figurato
g=grammo
h = ore
id. = idem
invar.=invariabile
iron.=ironicamente
irreg. = irregolare
is.= isola
it.=  italiano
kg=chilogrammo
km= chilometro
kmq=chilometro quadrato
kW=chilowatt
kWh=chilowattora
l = litro
m =metro
max=massimo
NE= nord-est
NO= nord-ovest
od.= odierno
ogg.= Oggetto
pag.=pagina
pl. = Plurale
poss.=possessivo                                                                                   ACRONYMFINDER
pr.= proprio
pref.= prefisso
qlco.=qualcosa
qlcu.= Qualcuno
SE= sud-est
sec.= secolo
secc.= secoli
seg.=seguente
segg.= Seguenti
sig. = signore                                   ABBREVIAZIONI 
sigg.=signori
sig.ra =signora
sig.na =signorina
simb.= simbolo
sin.=sinonimo
sing.= singolare
s/m=sul mare                                   ABBREVIAZIONI DA DIZIONARIO
SO = sud-ovest
t = tonnellata
tv=televisione
vol. = volume









Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…

Le supertizioni degli italiani!

La superstizione è una credenza di natura irrazionale che può influire sul pensiero e sulla condotta di vita delle persone che la fanno propria, in particolare la credenza che gli eventi futuri siano influenzati da particolari comportamenti senza che vi sia una relazione causale. La scaramanzia è una forma di superstizione secondo la quale alcune frasi o gesti attirerebbero o allontanerebbero la fortuna o la sfortuna.
Un  esempio è l'idea che dicendo qualcosa, questa non accadrà, o potrebbe accadere il contrario di ciò che si è detto.
Per questo motivo ad esempio, in Italia, si augura solitamente il contrario di ciò che si desidera che avvenga. Per esempio, a un cacciatore non si dirà "Buona caccia", ma "In bocca al lupo" parola entrata anche nel linguaggio comune e utilizzato per augurare "buona fortuna" .
Nonostante la cultura moderna condanni a parole la superstizione, molte credenze di questo genere sono estremamente diffuse anche nella società occ…