Passa ai contenuti principali

Quanto figo sei? Quanti Fonzie vali?


Le seguenti unità di misura sono sicuramente piuttosto strampalate……………ma esistono davvero!

ELEFANTI: Il peso di un elefante viene spesso usato come termine di paragone nei libri divulgativi o nei documentari televisivi per la taglia di animali preistorici, come i dinosauri. Quest'unità non ha una vera e propria definizione, considerando che la stazza di un elefante varia molto con l'età, il sesso e la specie. Un elefante pesa in media sei tonnellate.

INDICE BIG MAC: Indica il potere di acquisto di un Paese in base al costo del panino Big Mac di McDonald’s

BANANA-EQUIVALENTE: Tutte le sostanze organiche hanno una certa radioattività, persino le banane. La radioattività di una banana è pari a 78 nanosievert.

SHEPPEY: Sapete fino a quale distanza è possibile scorgere una singola pecora in un gregge? 1400 metri, che equivale poi all’unità di misura di uno sheppey ( pecora in inglese= sheep).

BARBA-SECONDO:  Lo sapete quanto cresce la lunghezza dei peli della barba in un secondo? Noh??? Beh vi svelo l’arcano, un barba-secondo equivale a 10 nanometri.

SOMARO-VAPORE: Potete usare questa unità di misura per la potenza. Equivale a 250watt, ossia un terzo circa di un cavallo-vapore.

DOL: il Dol è l'unità di misura del dolore. Dato che il dolore è una sensazione soggettiva (quello che per me può essere dolore per voi potrebbe essere un semplice pizzico), il Dol misura la sensazione soggettiva di dolore di un individuo su una scala da 1 a 10.
E' difficile dire cosa sia 1 e cosa sia 10, ma i creatori della scala Dol, James D. Hardy, Herbert G. Wolf e Helen Goodell volevano creare qualcosa di più scientifico di "fa male".

SCAKA BRISTOL STOOL: la scala Bristol Stool misura la densità delle feci, su una scala da 1 a 7, che va estremamente dura a 7 completamente liquida.

SMOOT: lo smoot è una unità di lunghezza non standard creata da parte di una goliardata del Massachusetts Institute of Technology (MIT). Prese il nome da Oliver R. Smoot (classe 1962), un membro della fratellanza Lambda Chi Alpha, che fu usato nell'ottobre del 1958 dai suoi compagni di fratellanza per misurare la lunghezza del Ponte di Harvard tra Boston e Cambridge, nel Massachusetts. Uno smoot è uguale all'altezza di Oliver Smoot (cinque piedi e sette pollici ~1.70 m). La lunghezza del ponte risultò essere di 364,4 smoots (620,1 m) più o meno un orecchio, intendendo con il più o meno l'incertezza della misura. Con il passare degli anni il meno è sparito da molte citazioni, inclusa la placca commemorativa situata sul posto dell'evento. Per consentire il suo uso come righello, Oliver Smoot si sdraiò ripetutamente sul ponte, lasciando che i suoi compagni segnassero via via la posizione con il gesso o con la vernice.

WARHOL: Secondo il famoso artista americano Andy Warhol, ognuno di noi sarà famoso nella sua vita, per almeno 15 minuti. 1 warhol, rappresenta quindi 15 minuti di fama.

ELENA: Come misurare la bellezza? In Elene naturalmente, 1Elena è capace di far salpare 1000navi……….una millielena ne riesce a far partire solo una; una picoelena, muove al massimo una barchetta a remi. E voi donne…..quante Elene valete?

DIRAC: Paul Dirac è stato un fisico molto famoso e molto, molto taciturno; così taciturno che i suoi colleghi inventarono il “dirac” che equivale ad una parola all’ora.

UNITÁ ALCOLICA: L’Unità Alcolica è l’unità di misura che si usa per dire quanti grammi d’alcol ci sono, per esempio, in un bicchiere. Una unità alcolica corrisponde a 12 grammi d’alcol. Ti starai chiedendo: “perché si è scelto proprio 12 grammi d’alcol?”. Perché 12 grammi è la quantità di alcol contenuta mediamente in un bicchiere di vino o in una lattina di birra a media gradazione alcolica (da 5° alcolici per esempio) o in un bicchierino da 40mL di un super alcolico. Questo vuol dire che bere 2 bicchieri di vino equivale ad aver bevuto circa 2 Unità Alcoliche, ma anche un bicchiere di vino più una birra da 5° equivalgono a circa 2 Unità Alcoliche e anche 2 bicchierini di super alcolico contengono 2 unità alcoliche. In alcuni Paesi, in base ad alcune ricerche scientifiche, il limite del bere responsabile senza compromettere la nostra salute, né la propria sicurezza né quella degli altri se siamo alla guida, è di 2 unità alcoliche per l’uomo e non più di 1 unità alcolica per donne e anziani, sempre a stomaco pieno.

Un Fonzie
FONZIE: Quanto figo sei? Quanti Fonzie misuri? Il Fonzie è  un’unità di misura della figosità di una persona o un evento, in una puntata di Futurama si è registrato un valore incredibile superiore al megaFonzie (MFonzie).

ANNO-CANE: Un anno cane equivale ad un settimo di anno, ossia a 52 giorni circa.

SCOVILLE: La Scala di Scoville (o più brevemente Scala Scoville) è una scala di misura della piccantezza di un peperoncino.


Se siete bravetti in inglese……ecco a voi un articolo con altre unità bizzarre!



E in ultima vi domando:
Cosa ne pensate del CONDOMETRO ?



Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…

Le supertizioni degli italiani!

La superstizione è una credenza di natura irrazionale che può influire sul pensiero e sulla condotta di vita delle persone che la fanno propria, in particolare la credenza che gli eventi futuri siano influenzati da particolari comportamenti senza che vi sia una relazione causale. La scaramanzia è una forma di superstizione secondo la quale alcune frasi o gesti attirerebbero o allontanerebbero la fortuna o la sfortuna.
Un  esempio è l'idea che dicendo qualcosa, questa non accadrà, o potrebbe accadere il contrario di ciò che si è detto.
Per questo motivo ad esempio, in Italia, si augura solitamente il contrario di ciò che si desidera che avvenga. Per esempio, a un cacciatore non si dirà "Buona caccia", ma "In bocca al lupo" parola entrata anche nel linguaggio comune e utilizzato per augurare "buona fortuna" .
Nonostante la cultura moderna condanni a parole la superstizione, molte credenze di questo genere sono estremamente diffuse anche nella società occ…