L'accumulazione

FACCIAMO I RETORICI



Accumulazione: è una figura retorica della lingua italiana che accosta numerosi termini l’uno all’altro, in modo ordinato o caotico (aggettivi, verbi, sostantivi). Una serie di parole, accostate senza congiunzioni e che quasi a togliere il respiro al lettore, descrivono e dimostrano seguendo un percorso a volte schematico e a volte del tutto illogico e indefinito, il concetto che l’autore vuole esprimere.

Provate a vedere questo esempio molto famoso di Italo Calvino, tratto dal romanzo “Il cavalliere inesistente”: 

 “Dovete compatire: si è ragazze di campagna... fuor che funzioni religiose, tridui, novene, lavori dei campi, trebbiature, vendemmie, fustigazioni di servi, incesti, incendi, impiccagioni, invasioni d'eserciti, saccheggi, stupri, pestilenze, noi non s'è visto niente.”

Oppure nel romanzo “Rimini” del Tondelli:

“La sequenza ordinata delle cabine –dipinte a blocchi con tonalità pastello- aveva in sé qualcosa di metafisico e infantile nello stesso tempo: come si trattasse di un paesaggio costruito per i giochi dei bambini –le casette, i tettucci, i lettini, gli oblò, le finestrelle, le tinte tenui, il rosa confetto, il verdolino, il celestino, l’arancio, il grigio-azzurro, il giallo limone, il viola pallido e altri colori di balocchi e zuccheri filati e frutte candite…”

Passando al settore musicale ci facciamo aiutare dalla canzone di Federico Salvatore, “Il matrimonio”:

E allora dico basta si, mi sono ravveduto

Faccio il colpo di scena all'ultimo minuto
Ormai il dato è tratto, pigliatevi i regali!
Il braccialetto d'oro, lo stereo, gli stivali
La giacca di montone, gli occhiali, il cellulare
Il rolex... la Ferrari, la villa a Praia a mare...
I soldi a Montecarlo, i buoni del tesoro...

I BOT i CCT...i CCT...”



Il testo intero della canzone potete trovarlo qui 

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

Esclamazioni e Interiezioni

Le supertizioni degli italiani!