Passa ai contenuti principali

Folco Quilici - L'Italia vista dal Cielo: Lazio


Il Lazio


Prodotto nel 1975 - Restaurato nel 2002
Un susseguirsi di ambienti naturali e geografici diversi, raccontati dalle riprese di Folco Quilici e descritti dal grande autore Mario Praz.
Un viaggio attraverso la storia del Lazio, delle sue civiltà, dei suoi aspetti controversi che la rendono unica e proprio per questo incantevole.
Il filmato di Quilici, le sue descrizioni realistiche ed emozionanti regalano allo spettatore la possibilità di avvicinarsi e di conoscere i numerosi luoghi della regione, le sue molteplici sfumature che si svelano in tutta la loro autentica bellezza.
Una terra resa famosa da viaggiatori romantici come Goethe, dove arte, cultura, natura e storia si fondono per dare vita ad un luogo magico, ricco di incantevoli scenari e scorci di ineguagliabile splendore.
È la campagna romana, così filmata da Quilici, ad avere un ruolo primario. Tra i pendii ed il verde che accompagnano le immagini, quasi per incanto appaiono numerosi reperti archeologici di rara bellezza che testimoniano l'esistenza di popoli antichi che hanno contribuito a formare l'identità culturale di questa regione. A Veio ancora si respira un'aria d'eternità, senza tempo, e si testimonia la grandezza degli Etruschi che hanno insegnato ai romani l'arte di edificare, hanno trasformato in abitati civili le sedi villanoviane ed hanno gettato le fondamenta del futuro potere di Roma, inserendo la città nel mondo della vita sociale, economica e culturale etrusca.
Scrive Quilici, "... il Lazio è una terra antica che le rapide trasformazioni del tempo tendono, come ovunque, a mutare con quella celerità e quell'impeto che ci spaventa e che sembra nessuno riesca a frenare".
Ma ecco scorrere le immagini di "borghi rustici che conservano qualcosa dell'incanto antico": appare Cori con il suo Tempio di Ercole, San Gregorio da Sassola presso Tivoli, Tolfa, Calcata. È, come svela Praz, "il Lazio classico, regione di desolata ed eroica solitudine che ha ispirato poeti e pittori".
Poi lo scenario cambia ed in volo ritrae le scogliere "quasi africane" di Ponza, bellissime nella loro imponenza.
Sorvolando la grande pianura ai confini con la Toscana fino a Vulci, scorgendo poi Tarquinia e Gaeta per giungere, tra i campi, alle porte di Roma, si ha la sensazione di vivere in differenti regioni.
È proprio in questo passaggio, dall'Appennino al Tirreno, che si manifesta la natura contraddittoria di questa terra: due poli geografici opposti della stessa regione.
I castelli di Sermoneta, Torre Astura, Odescalchi e Santa Severa fanno da sfondo al viaggio che passa da Civitavecchia, Frosinone e Latina, la città più giovane del Lazio, per poi proseguire verso Rieti, con il suo magnifico centro storico.
Ed ancora Anagni con il suggestivo Duomo, poi la splendida Abbazia di Casamari, i laghi di Nemi e di Albano, il Castello Orsini. Paesi, città, monumenti, reperti che riflettono il carattere variegato di questa regione.
È il corso sinuoso del Tevere che ci introduce nella città eterna, capitale dell'arte e della cultura: Roma.
Lo sguardo dello spettatore si perde fra le meraviglie della capitale, nella maestosità del Colosseo e la suggestione della Via Appia Antica. E continua a stupirsi con i resti delle colonne del Tempio di Venere e della Domus Augustiana, gli affreschi Michelangioleschi della Cappella Sistina, la cupola di San Pietro, Piazza Navona con la Fontana dei Fiumi del Bernini, i Fori Romani, i palazzi, i borghi, le vie.

Un itinerario affascinante che testimonia le antiche origini e le culture che hanno contribuito a rendere grandiosa e sublime questa città. Un viaggio nel passato sapientemente illustrato dalla maestria di Quilici: secoli di storia tra cultura, religione, re e imperatori, ricchezze e paesaggi dal fascino impareggiabile.

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

Le supertizioni degli italiani!

La superstizione è una credenza di natura irrazionale che può influire sul pensiero e sulla condotta di vita delle persone che la fanno propria, in particolare la credenza che gli eventi futuri siano influenzati da particolari comportamenti senza che vi sia una relazione causale. La scaramanzia è una forma di superstizione secondo la quale alcune frasi o gesti attirerebbero o allontanerebbero la fortuna o la sfortuna.
Un  esempio è l'idea che dicendo qualcosa, questa non accadrà, o potrebbe accadere il contrario di ciò che si è detto.
Per questo motivo ad esempio, in Italia, si augura solitamente il contrario di ciò che si desidera che avvenga. Per esempio, a un cacciatore non si dirà "Buona caccia", ma "In bocca al lupo" parola entrata anche nel linguaggio comune e utilizzato per augurare "buona fortuna" .
Nonostante la cultura moderna condanni a parole la superstizione, molte credenze di questo genere sono estremamente diffuse anche nella società occ…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…