Passa ai contenuti principali

Folco Quilici: L'Italia Vista dal Cielo - Basilicata e Calabria



BASILICATA E CALABRIA


Prodotto nel 1967 - restaurato nel 2005
Un viaggio attraverso la storia della Basilicata e della Calabria, delle loro civiltà, dei loro aspetti controversi che le rendono uniche e proprio per questo incantevoli.
Il filmato di Quilici, le sue descrizioni realistiche ed emozionanti regalano allo spettatore la possibilità di avvicinarsi e di conoscere i numerosi luoghi di queste due regioni, le molteplici sfumature che si svelano in tutta la loro autentica bellezza.
"Per comprendere il Sud bisogna essere predisposti ad amarlo" scriveva Berto ed il lungometraggio, dedicato alla Basilicata ed alla Calabria viste dal cielo, si apre immediatamente con l'emblema di una terra che ha visto nella sua natura impervia, rocciosa e montuosa il motivo del suo isolamento.
Le cime appuntite delle montagne della Sila e i monti dell'Appennino Lucano sembrano immediatamente esplicitare quello che durante secoli di dominio e colonizzazione è stato per questo territorio da un lato barriera naturale, preservando intatta l'impronta di una civiltà autoctona lontana da quella costiera, e dall'altro fonte di un isolamento che ha rappresentato nel tempo una delle principali difficoltà di queste regioni.
Viaggiare attraverso queste regioni significa anche riscoprire la mitologia di una terra che è stata fonte di ispirazione per diversi personaggi storici. Se Metaponto fece da cornice alle teorie del matematico Pitagora, a Reggio Calabria il filosofo Ibico, considerato dallo stesso Cicerone come il più ardente tra i poeti greci, cantò le sue più celebri parole d'amore.
Il verde della natura delle distese di ulivi di Gioia Tauro e delle foreste di castagni della Sila sfuma nel rosso delle terre bruciate e nel giallo abbagliante dei campi, dipingendo negli occhi dei visitatori un paesaggio bucolico affascinante.
Passando dal versante tirrenico a quello ionico si ha la possibilità di ripercorrere la storia delle civiltà che con il loro susseguirsi hanno modellato il passato antico di queste regioni.
Greci, romani, saraceni, normanni e spagnoli hanno alternato con la loro dominazione periodi di ricchezza a momenti di decadenza, che si riflettono nelle testimonianze storiche dei templi di Metaponto, delle fortezze di Capo Rizzuto e delle abbazie benedettine, arroccate su cime inespugnabili e nascoste tra le "rughe" delle valli del Vulture.
Tracce di una civiltà millenaria che conserva intatto tutto il suo antico fascino, pronto a risplendere tra i resti dei templi dedicati alla dea Era, tra i sassi di Matera o tra i quartieri di Melfi che, da nove secoli, custodiscono gelosamente la loro immagine originaria.

Sospese nel tempo queste terre tramandano silenziose eredità che rivivono nella memoria degli anziani. Ritualità in grado di raccontare luoghi dove il passato rivive nel presente e dove "si può vivere nel tempo che si vuole".

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

Le supertizioni degli italiani!

La superstizione è una credenza di natura irrazionale che può influire sul pensiero e sulla condotta di vita delle persone che la fanno propria, in particolare la credenza che gli eventi futuri siano influenzati da particolari comportamenti senza che vi sia una relazione causale. La scaramanzia è una forma di superstizione secondo la quale alcune frasi o gesti attirerebbero o allontanerebbero la fortuna o la sfortuna.
Un  esempio è l'idea che dicendo qualcosa, questa non accadrà, o potrebbe accadere il contrario di ciò che si è detto.
Per questo motivo ad esempio, in Italia, si augura solitamente il contrario di ciò che si desidera che avvenga. Per esempio, a un cacciatore non si dirà "Buona caccia", ma "In bocca al lupo" parola entrata anche nel linguaggio comune e utilizzato per augurare "buona fortuna" .
Nonostante la cultura moderna condanni a parole la superstizione, molte credenze di questo genere sono estremamente diffuse anche nella società occ…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…