Passa ai contenuti principali

Folco Quilici - L'Italia Vista dal Cielo: Emilia Romagna e Marche


EMILIA ROMAGNA E MARCHE


Prodotto nel 1968 - Restaurato nel 2005
Un susseguirsi di ambienti naturali e geografici diversi, raccontati dalle riprese di Folco Quilici e descritti in collaborazione con Augusto Frassinetti.
Un viaggio attraverso la storia dell'Emilia Romagna e delle Marche, delle loro civiltà, dei loro aspetti controversi che le rendono uniche e proprio per questo incantevoli.
Il filmato di Quilici, le sue descrizioni realistiche ed emozionanti regalano allo spettatore la possibilità di avvicinarsi e di conoscere i numerosi luoghi di queste due regioni, le molteplici sfumature che si svelano in tutta la loro autentica bellezza.
L'itinerario che ci guida alla scoperta di alcune tra le terre più fertili d'Italia si snoda lungo le antiche strade che hanno tracciato la trama dello sviluppo civile ed economico di queste regioni. Strade che percorrono ventimila chilometri quadrati di campi coltivati, bagnati dalle acque del fiume Po.
La via Emilia ci introduce nel capoluogo emiliano, Bologna, nucleo cittadino medievale ove "...passato, presente e futuro s'allargano a onde concentriche. Onde di storia che abbracciano altri paesi, altre campagne e altre città...".
Il color verde giallastro delle campagne coltivate si mescola continuamente al rosso bruno dei tetti di cotto di Reggio Emilia e di Carpi.
Proseguendo verso Piacenza terracotta e mattone vengono interrotti dalle "cattedrali bianche" di Parma, Ferrara e Modena.
Ferrara, a lungo in lotta con i territori paludosi circostanti, per secoli è stata il capoluogo della zona agricola, "la bassa". Senza l'ingegnosa e massiccia opera di bonifica né la città estense né Ravenna sarebbero, ancora oggi, due tra i più straordinari gioielli dell'Emilia e della Romagna.
La ricca agricoltura della "bassa" si contrappone alla condizione di povertà e di abbandono della zona appenninica. Disperse nella solitudine rocciosa si incontrano l'abbazia di Rossena, il Castello di Canossa e quello di Gradara che conservano il ricordo della gloria passata.
Scendendo verso Sud si incontra l'antica Repubblica di San Marino, dove il Monte Titano, con le sue caratteristiche tre penne, ci introduce nelle Marche.
Le prime immagini si soffermano sulla fortezza di San Leo, inespugnabile roccaforte risalente all'epoca medievale, per poi sorvolare la rocca naturale di Capo Conero, illuminata dal bianco delle sue scogliere granitiche.
La cattedrale di Santa Maria di Portonovo a picco sul mare verde-azzurro precede l'ingresso al golfo in cui sorge Ancona, capoluogo marchigiano, espressione matura dell'arte picena.
Proseguendo si scopre a pochi chilometri dalla costa la città di Loreto, "capitale religiosa delle Marche". Di lì, sorvolato il Monte dell'Ascensione, appare Ascoli Piceno, la cosiddetta città delle torri.
Il viaggio continua, risalendo la regione e spingendosi verso l'entroterra. Il susseguirsi di immagini riprese dall'abile mano del regista Quilici, fotografa Recanati, i castelli di Fermo e i palazzi in cotto di Macerata.
La terra amata da Leopardi si rivela ricca di suggestioni. Percorrendo il borgo natio è possibile perdersi tra i versi composti dal poeta e rivivere il ricordo di Silvia, del Campanile del passero solitario e immergersi nell'infinito al di là del colle.
La città di Urbino conclude il film delle Marche. Tra le mura del Palazzo Ducale "...sembrano aver preso corpo nella pietra le più alte aspirazioni della cultura rinascimentale...".

Un lungo volo in cui si rivela la poliedricità di un territorio che sembra condensare al suo interno i molteplici aspetti del "bel Paese"; immagine evocata sapientemente dalle parole del professore Dante Cecchi che così la descrive:"... l'Italia, nel suo insieme, è una specie di prisma, nel quale sembrano riflettersi tutti i paesaggi della terra, facendo atto di presenza in proporzioni moderate e armonizzandosi l'un l'altro. L'Italia, con i suoi paesaggi, è un distillato del mondo; le Marche dell'Italia".

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…

Le supertizioni degli italiani!

La superstizione è una credenza di natura irrazionale che può influire sul pensiero e sulla condotta di vita delle persone che la fanno propria, in particolare la credenza che gli eventi futuri siano influenzati da particolari comportamenti senza che vi sia una relazione causale. La scaramanzia è una forma di superstizione secondo la quale alcune frasi o gesti attirerebbero o allontanerebbero la fortuna o la sfortuna.
Un  esempio è l'idea che dicendo qualcosa, questa non accadrà, o potrebbe accadere il contrario di ciò che si è detto.
Per questo motivo ad esempio, in Italia, si augura solitamente il contrario di ciò che si desidera che avvenga. Per esempio, a un cacciatore non si dirà "Buona caccia", ma "In bocca al lupo" parola entrata anche nel linguaggio comune e utilizzato per augurare "buona fortuna" .
Nonostante la cultura moderna condanni a parole la superstizione, molte credenze di questo genere sono estremamente diffuse anche nella società occ…