Passa ai contenuti principali

Folco Quilici - L'Italia Vista dal Cielo: Il Veneto e Venezia

 Il Veneto e Venezia


Prodotto nel 1968 - Restaurato nel 2004
Un susseguirsi di ambienti naturali e geografici diversi, raccontati dalle riprese di Folco Quilici che, per questo volo aereo sul Veneto, prende come riferimento le note di Guido Piovene e ricorda le parole e le idee di Giovanni Comisso.
Un viaggio attraverso la storia del Veneto, delle sue civiltà, dei suoi aspetti controversi che la rendono unica e proprio per questo incantevole.
Il filmato di Quilici, le sue descrizioni realistiche ed emozionanti regalano allo spettatore la possibilità di avvicinarsi e di conoscere i numerosi luoghi della regione, le sue molteplici sfumature che si svelano in tutta la loro autentica bellezza.
Ed è proprio la bellezza la componente principale del filmato dedicato alla regione Veneto.
Una terra che ha visto il passaggio di numerosi popoli che ne hanno influenzato gli aspetti culturali e paesaggistici; una regione "in cui la storia si mescola con la leggenda, da quando si stabilirono le prime matrici culturali venete della civiltà Euganea accentrata sull'antichissima Ateste", all'arrivo di un'ondata di benessere con i Romani, al successivo periodo buio delle invasioni barbariche, sino all'unificazione del Veneto.
Dall'azzurro del lago di Garda alla luminosa Costa Adriatica, all'argento dei numerosi corsi d'acqua, dallo spettacolo delle Dolomiti ai suggestivi paesaggi del Po; le immagini mostrate da Quilici raccontano il Veneto attraverso la magnificenza ed i colori della sua natura per poi catturare l'attenzione nello svelarsi dell'arte e della cultura delle sue meravigliose città.
Nel suo svolgersi, il filmato documenta anche il netto contrasto tra il passato e il presente; le zone agricole, caratterizzate da una terra arata, coltivata ed ordinata si contrappongono a paesaggi aspri e ruvidi, conseguenza del processo di industrializzazione.
In volo appaiono le città murate, simbolo del Veneto nell'alto e tardo Medio Evo, come Montagnara e Marostica. Ma il dualismo urbanistico ed architettonico trova la sua massima espressione nella città imperiale di Verona, dove stili differenti si fondono in un'unica armonia: l'Arena, San Zeno, Piazza delle Erbe, Piazza Bra, il Duomo ci introducono in questa città, testimonianza di una storia ricca di eventi.
Il racconto di questa terra prosegue con un salto nella storia, cui fanno da cornice gli splendidi palazzi cinquecenteschi di Vicenza. I possenti edifici di pietra dalle facciate chiaroscurate di colonne, pilastri, architravi, capitelli e cornici sono una caratteristica di questa città e sono testimoniati nella Basilica in Piazza dei Signori, nella Loggia del Capitanio, nei palazzi più prestigiosi e nel Teatro Olimpico.
Ed ecco scorrere le immagini della Cattedrale e del Campanile di Aquileia, della città lagunare di Chioggia, sino a giungere a Venezia che, come afferma lo stesso Quilici, è la naturale, inevitabile conclusione di questo lungo volo. Venezia è mostrata dal regista in tutta la sua magnificenza, con i suoi colori morbidi ed i riflessi che dai canali si diffondono per tutta la città. Venezia, che insieme alle sue straordinarie bellezze evidenzia tutta la sua fragilità ed il pericolo che ne minaccia la sopravvivenza. L'occhio del regista si sofferma ed indugia sulla Piazza e la Basilica di San Marco, che sembrano sintetizzare e riassumere la storia gloriosa di questa città.
Un viaggio magico che trova la sua sintesi perfetta nelle parole dello scrittore Giovanni Comisso mentre racconta Venezia:

"Ecco sotto il suo campanile, la cattedrale con le sue cupole sta davanti alla sua piazza come roccia lavorata dal mare, al centro di un placido Golfo (...). Tutto è immobile e visibile, tutto già visto e pure mai visto prima. Il palazzo rosa dei Dogi dà debolmente la sua ombra; e basilica e palazzo disegnano le loro proporzioni nell'atmosfera sfuggente della foschia (...). È l'atmosfera dei pittori di Venezia; di chi l'ha vista nei suoi colori più morbidi o nel suo riflesso che nei canali sfuma nel nulla (...)".

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

Le supertizioni degli italiani!

La superstizione è una credenza di natura irrazionale che può influire sul pensiero e sulla condotta di vita delle persone che la fanno propria, in particolare la credenza che gli eventi futuri siano influenzati da particolari comportamenti senza che vi sia una relazione causale. La scaramanzia è una forma di superstizione secondo la quale alcune frasi o gesti attirerebbero o allontanerebbero la fortuna o la sfortuna.
Un  esempio è l'idea che dicendo qualcosa, questa non accadrà, o potrebbe accadere il contrario di ciò che si è detto.
Per questo motivo ad esempio, in Italia, si augura solitamente il contrario di ciò che si desidera che avvenga. Per esempio, a un cacciatore non si dirà "Buona caccia", ma "In bocca al lupo" parola entrata anche nel linguaggio comune e utilizzato per augurare "buona fortuna" .
Nonostante la cultura moderna condanni a parole la superstizione, molte credenze di questo genere sono estremamente diffuse anche nella società occ…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…