Passa ai contenuti principali

Folco Quilici - L'Italia vista dal Cielo: Lombardia


LA LOMBARDIA


Prodotto nel 1973 - Restaurato nel 2006
Un susseguirsi di ambienti naturali e geografici diversi, raccontati dalle riprese di Folco Quilici e descritti dal grande scrittore Guido Piovene.
Un viaggio attraverso la storia della Lombardia, delle sue civiltà, dei suoi aspetti controversi che la rendono unica e proprio per questo incantevole.
Il filmato di Quilici, le sue descrizioni realistiche ed emozionanti regalano allo spettatore la possibilità di avvicinarsi e di conoscere i numerosi luoghi della regione, le sue molteplici sfumature che si svelano in tutta la loro autentica bellezza.
"L'acqua è la base di tutto, in Lombardia...", la sua linfa e il suo filo conduttore, ed è lungo le acque dei suoi fiumi che si snoda l'intero itinerario volto alla scoperta di una regione viva, pratica, incalzata da un ritmo frenetico, ove tutto sembra ruotare intorno al suo dictat: "fare e produrre".
Il lungo itinerario trae ispirazione dalla complessa realtà dei luoghi e da una storia ricca di passato e di civiltà.
Nella modernità di questa terra si svela una dimensione arcaica che custodisce il ricordo di tempi antichi; tracce che cercano di sopravvivere all'avanzare della modernità ed al proliferare di nuovi edifici; ed è proprio da questi luoghi ricchi di storia che prende avvio il viaggio virtuale sapientemente descritto dalle suggestive immagini realizzate dal regista Folco Quilici.
Se tra i graffiti rupestri della Val Camonica si sfogliano le pagine della preistoria, le torri di San Martino e Solferino evocano la storia dell'unità d'Italia, con episodi salienti che riportano a Milano, "cuore europeo" della regione.
Le riprese aeree del regista colgono i simboli emblematici di una città che si racconta attraverso monumenti storici come il Castello Sforzesco, la Galleria e il Duomo. Edifici che rivelano epoche e gusti diversi, testimonianze di una Milano cripto-medievale che si cela all'interno della modernità.
Allontanandosi dal centro e navigando verso Sud lungo i Navigli, l'orizzonte piatto della natura viene interrotto dalla Certosa di Pavia e dalla piazza di Vigevano, come a ricordare le borgate da cui nacque la realtà lombarda.
Crema, Cremona e Lodi mantengono intatto il sapore antico di altri tempi, quando la vita dei campi e il mutare delle stagioni regolavano il destino degli uomini.
Il modernismo della pianura scivola lungo le pendici delle montagne, quasi a disegnare una seconda Lombardia nella quale persistono silenzio e solitudine.
L'elicottero sorvola in fila le "quinte" montuose che dividono le distese dei laghi gli uni dagli altri: il Lago Maggiore con le sue celebri isole, il lago di Como e di Lecco a lungo descritti dal Manzoni, i laghi brianzoli scelti come dimora dall'aristocrazia milanese, fino al Lago di Garda, dove le "Grotte di Catullo", a Sirmione, mantengono viva l'impronta della dominazione romana.
La cornice delle acque lacustri, con la moltitudine di chiesette a picco sul lago e di ville immerse in parchi lussureggianti, fornì a numerosi letterati illustri, ambienti e sfondi per cantare parole d'amore.

Ed è ancora una volta l'acqua, quella del fiume Mincio, a guidarci verso l'ultima tappa del lungo itinerario ispirato dalla complessa realtà dei luoghi e da una storia ricca di passato e di civiltà. È Mantova, la città dei Gonzaga. "Città sorta dalle acque, come una conchiglia riempita di cose preziose", scrive Piovene. "Vi è in Mantova qualcosa di più dell'arte di inventare un palazzo o un quadro; vi è l'arte pagana del vivere, l'arte somma del vivere del Rinascimento maturo".

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

Le supertizioni degli italiani!

La superstizione è una credenza di natura irrazionale che può influire sul pensiero e sulla condotta di vita delle persone che la fanno propria, in particolare la credenza che gli eventi futuri siano influenzati da particolari comportamenti senza che vi sia una relazione causale. La scaramanzia è una forma di superstizione secondo la quale alcune frasi o gesti attirerebbero o allontanerebbero la fortuna o la sfortuna.
Un  esempio è l'idea che dicendo qualcosa, questa non accadrà, o potrebbe accadere il contrario di ciò che si è detto.
Per questo motivo ad esempio, in Italia, si augura solitamente il contrario di ciò che si desidera che avvenga. Per esempio, a un cacciatore non si dirà "Buona caccia", ma "In bocca al lupo" parola entrata anche nel linguaggio comune e utilizzato per augurare "buona fortuna" .
Nonostante la cultura moderna condanni a parole la superstizione, molte credenze di questo genere sono estremamente diffuse anche nella società occ…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…