Folco Quilici: L'Italia Vista dal Cielo – Liguria


LA LIGURIA
                                                                                                                                 

Prodotto nel 1973 restaurato nel 2004
"La forma in cui le nostre abitudini mentali ci rappresentano la Liguria è non d'una superficie ma d'una linea, o meglio d'una strada, che segue approssimativamente l'arco della sua costa, da Ponente e Levante...". Inizia così il lungometraggio dedicato alla regione Liguria, un viaggio a due voci, quella di Folco Quilici e di Italo Calvino, un volo di immagini e di testimonianze suggestive.
Come a voler sottolineare il dualismo mare--montagna che tanto caratterizza questa meravigliosa terra, il filmato contrappone sequenze di una regione vista dall'alto ad altri scorci di riprese dalla terra ferma.
La condizione di perpetua insicurezza propria di una terra tutta abbracciata dal mare si riflette nella forma dei paesi liguri, in cui le case si rinserrano una sull'altra come le scaglie di una Pigna (e Pigna è proprio il nome di un paese della Val Nervia, così com'è il nome dell'agglomerato urbano della vecchia San Remo), città fatte per la difesa, vie strette e sormontate da archivolti, come pronte a respingere un assedio. Oppure in siti unici, pressoché inaccessibili, protetti via terra e raggiungibili quasi solo via mare: come la celebre Abbazia di San Fruttuoso.
L'incedere delle immagini anima le parole di Calvino e sembra dare vita a quel meraviglioso mare che per la Liguria ha sempre rappresentato "la dimensione del pericolo ma anche la porta aperta sul mondo. La via delle partenze e dei ritorni fortunati dei marinai e dei mercanti. Avvicinandoci dal mare ai centri abitati della costa, ci accorgiamo che solo visti dal largo essi acquistano la loro forma, il loro volto."
Da ponente a levante scorrono paesi in successione, con i loro magnifici paesaggi: dalla suggestiva Portovenere all'esclusiva Portofino, le magnifiche ville di Paraggi, Santa Margherita, Cervo con la chiesa barocca di San Giovanni Battista e Ventimiglia con la sua cattedrale romanica.
Dal mare all'entroterra, passando per i verdi pendii, si scoprono, isolati, il santuario Nostra Signora delle Grazie, vicino Chiavari, e la magnifica abbazia di Borzone; proseguendo si raggiunge l'Appennino con i suoi paesi nascosti. In volo, si scorge Baiardo che, dall'alto, nello svolgersi della sua tradizionale "festa della barca" sembra celebrare l'unità di due elementi tra loro pure così lontani: il mare e la montagna.
E ancora lo sguardo del regista indugia sulla madre terra, pescatori e agricoltori filmati durante la loro dura attività. Immagini vive di chi è costretto a vivere in un paese per certi aspetti difficile, dove il mare è poco generoso e la terra spesso avara di frutti.
Proseguendo il viaggio, eccoci giungere a Bordighera, inizialmente terra dell'olivo ma che successivamente ha lasciato spazio a una agricoltura organizzata, basata su coltivazioni di fiori. Il percorso continua fino a Genova, così diversa dalle altre città, come dice Quilici, "per quel suo essere disposta a gradini, dal mare ai colli, e offrirsi così all'osservazione dal cielo in un susseguirsi di spazi prospettici sempre mossi e diversi; e per l'incontro continuo, ma allo stesso tempo, inatteso di campanili dalle cuspidi così scattanti verso il cielo da suggerirmi (...) la sensazione d'essere punti di contatto fra noi alti nel cielo e la città sottostante".
E poi, ancora, i tetti ed il Duomo di Imperia, la Torre di San Pancaldo nel porto di Savona, La Spezia.
Un viaggio virtuale in cui la regione scopre i suoi mille volti, mostrandosi in tutti i suoi aspetti. Bellezza e durezza, mare e montagna, si fondono in un'unica armoniosa realtà, la "Liguria".


Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

Esclamazioni e Interiezioni

Le supertizioni degli italiani!