Passa ai contenuti principali

Sapore di mare 2

Sapore di mare 2, mentre fuori è freddo e siamo in pieno inverno a me è venuta malinconia d'estate...ecco a voi un classico!
Un film che parla di vacanze, di mare e di gioventù!

Un anno dopo è un film italiano del 1983 diretto da Bruno Cortini e interpretato da Gianni Ansaldi, Angelo Cannavacciuolo, Mauro Di Francesco, Massimo Ciavarro e Isabella Ferrari.
È il seguito di Sapore di mare, uscito l'anno precedente.


Trama
Estate 1965 (Nella realtà 1966. Vedi sezione Curiosità qui): dopo un anno, il gruppo della Capannina si ritrova sulla spiaggia di Forte dei Marmi, in Versilia. Anche in questo film ci sono le classiche avventure sentimentali, i soliti scherzi da spiaggia, le nuove coppie e lo scioglimento di altre coppie... Tuttavia, questo sequel, la cui trama è incentrata su tre storie d'amore, tutte complicate da equivoci di vario tipo, si distingue dal capitolo precedente per un "taglio" più sentimentale delle vicende.
Anche il cast è un po' cambiato. Rispetto all’anno precedente, non ci sono più, infatti, Luca (Jerry Calà) e Felicino (Christian De Sica), che quest'anno hanno scelto le spiagge della California, Marina Pinardi (Marina Suma), che ha deciso di passare le vacanze con il fidanzato, e la Sig.ra Balestra (Virna Lisi) e il marito (Guido Nicheli). In compenso, si sono aggiunti all'allegra “combriccola”: Tea Guerrazzi (Eleonora Giorgi), una donna in cerca solo di uomini ricchi; Uberto Colombo (Mauro Di Francesco), l’autista del Commendator Carraro (Ugo Bologna); Fulvio Comanducci (Massimo Ciavarro), un giovane libertino; Valeria (Anna Pettinelli), una compagna di studi di Gianni (Gianni Ansaldi); Reginella (Francesca Ventura), figlia di amici dei Pinardi.
Paolo (Angelo Cannavacciuolo) è sempre più innamorato di Susan (Karina Huff) ed è pronto a cercarla in ogni dove, nonostante il parere negativo dei genitori, che lo vorrebbero far fidanzare con Reginella, che - per dirlo con le parole della Sig.ra Pinardi - «non sarà una bellezza, eh, ma è ricca, ricca assai». Anche Susan ricambia i sentimenti di Paolo, ma, mentre lui la sta cercando a Londra, lei giunge a sorpresa a Forte dei Marmi: non trovandolo e credendolo fidanzato con Reginella, si getta tra le braccia del primo che capita, un playboy romagnolo di nome Romildo Bettazzi («del salumificio “Bettazzi Romildo & zii”»)...
Uberto, trovata miracolosamente una stanza alla "Pensione Miramare" in condivisione con un certo Fulvio, si trova in vacanza a Forte dei Marmi con un unico scopo: quello di conquistare una donna ricca, sfruttando le sue doti di racconta-frottole e fingendosi ricco a sua volta. Respinto da Tea Guerrazzi, che scopre immediatamente il suo gioco, riesce a far colpo su Alina, la giovane amante del Commendator Parodi (che Alina spaccia per il padre); tra una frottola e l’altra, non mette però in conto un imprevisto: quello di innamorarsi sul serio della ragazza... Dal canto suo, Tea Guerrazzi, che (al contrario di quanto pensava Uberto) non è affatto ricca ed è più attratta dai soldi che dal vero amore, si conquista le simpatie prima del Commendator Carraro (che «non è esattamente Sean Connery, ma, in compenso, è ricco come Goldfinger!») e, infine, del Commendator Parodi... Il nuovo arrivato, Fulvio, un autentico sciupafemmine, "stuzzica" Selvaggia, la quale - attratta fisicamente dal ragazzo - finisce per cedere e per tradire il fidanzato Gianni, di cui rimane tuttavia molto innamorata. Di Gianni è segretamente innamorata anche Valeria, pronta ad approfittare della situazione e a creare nuove incomprensioni tra i due fidanzatini...
Come accaduto nel primo capitolo, conosceremo il destino dei protagonisti soltanto nella scena che si svolge quasi vent’anni dopo (siamo nel 1983) alla “Capannina”, dove si esibisce Gino Paoli. Il lieto fine si avrà solo, oltre che per Susan e Paolo (come si è visto nel primo capitolo), anche per Alina ed Uberto (che da sposati, però, litigano per i debiti di gioco di lei), mentre Gianni e Selvaggia dovranno aspettare una ventina d'anni per ritrovarsi, entrambi liberi e disponibili... Nell'estate 1983, ritroveremo, inoltre, Tea Guerrazzi che si gode il denaro ereditato dal Commendator Parodi, e Maurizio sposato con Reginella, il cui figlio, quasi la copia esatta di Maurizio, ora corteggia le figlie "metallare" dei marchesini Pucci sulle note di Vamos a la playa dei Righeira.

Colonna sonora

Sapore di sale – Gino Paoli (Sigla dei titoli di testa)
Sognando la California – Dik Dik
Il ragazzo della via Gluck – Adriano Celentano
C'era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones – Gianni Morandi
L’ora dell’amore – I Camaleonti
(I Can't Get No) Satisfaction – Rolling Stones
Rose rosse – Massimo Ranieri
Quando, quando, quando – Tony Renis
E se domani – Mina
Ciao ciao - Petula Clark (Contenuta solo nella compilation della colonna sonora ma, in realtà, mai cantata nel film)
Se tu non fossi qui – Mina
Cuore matto – Little Tony
Riderà – Little Tony (Cantata direttamente da Little Tony alla Capannina)
Azzurro – Adriano Celentano
29 settembre – Equipe 84
Acqua azzurra, acqua chiara – Lucio Battisti
L’uomo d’oro – Caterina Caselli
La coppia più bella del mondo – Adriano Celentano e Claudia Mori
Lisa dagli occhi blu – Mario Tessuto
La pioggia – Gigliola Cinquetti
Il mondo – Jimmy Fontana
Cento giorni – Caterina Caselli
Tous les garçons et les filles – Françoise Hardy
Quelli che hanno un cuore – Petula Clark (Contenuta solo nella compilation della colonna sonora ma, in realtà, mai cantata nel film)
Un mondo d’amore – Gianni Morandi
Ragazzo triste – Patty Pravo
L’amore – Don Backy
L’immensità – Johnny Dorelli
Ritornerai – Bruno Lauzi
Vamos a la playa – Righeira

Tropicana – Gruppo Italiano (Sigla dei titoli di coda)

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

Le supertizioni degli italiani!

La superstizione è una credenza di natura irrazionale che può influire sul pensiero e sulla condotta di vita delle persone che la fanno propria, in particolare la credenza che gli eventi futuri siano influenzati da particolari comportamenti senza che vi sia una relazione causale. La scaramanzia è una forma di superstizione secondo la quale alcune frasi o gesti attirerebbero o allontanerebbero la fortuna o la sfortuna.
Un  esempio è l'idea che dicendo qualcosa, questa non accadrà, o potrebbe accadere il contrario di ciò che si è detto.
Per questo motivo ad esempio, in Italia, si augura solitamente il contrario di ciò che si desidera che avvenga. Per esempio, a un cacciatore non si dirà "Buona caccia", ma "In bocca al lupo" parola entrata anche nel linguaggio comune e utilizzato per augurare "buona fortuna" .
Nonostante la cultura moderna condanni a parole la superstizione, molte credenze di questo genere sono estremamente diffuse anche nella società occ…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…