Passa ai contenuti principali

La Meritocrazia


Oggi in Italia si sente spesso parlare di concetti come meritocrazia, burocrazia e raccomandazioni…conoscete il significato di queste parole?
In questo video del grande Bruno Bozzetto si parla proprio del tema meritocrazia, ponendo l’accento sul fatto che una società che non si basa sul merito e sulle capacità ma sulle “raccomandazioni”, non può funzionare ed essere produttiva.
Voi cosa ne pensate?
E così solo in Italia o anche nel vostro paese?

LA MERITOCRAZIA
DI BRUNO BOZZETTO

L’Italia è intossicata
ha troppi parassiti
sono gli amici e gli amici degli amici
incapaci, lavativi, smidollati

poltornizzati, da tutti quei politici
tipici, che aiutano chi li vota e non chi vale
polverizzando il merito e valorizzando il male
qui si premia il ladro, invece del corretto
si prende a calci il valido, invece del furbetto

Ed i cervelli emigrano i cervelli fuggono
la sola cosa seria è la meritocrazia
premiare chi ha talento e non la porcheria

In tutti i posti giusti mettono furbastri
dei veri impiastri, pronti a leccargli il c***
e a provocar disastri
e quando delle industrie rimane un gran casino
li coprono di bonus, bonus
gli cambia il seggiolino.

Son loro che decidono, son loro a sperperare
e quando aumenta il debito, debito
sei sempre tu a pagare
e vanno a blablablare
davanti alla tv fingon di litigare
e l’odiens schizza su

Ed i cervelli emigrano, i cervelli fuggono
la sola cosa seria è la meritocrazia
distrutta ed annientata dalla burocrazia

Quel mostro ha mille teste
strapieno di idiozie, numeri, codicilli e comma 22
per affogarti studia e chi lavora
 dove una cosa facile
unire la A con B
ti obbliga a contorcerti e muoverti così
migliaia di migliaia, seduti lì a timbrare
con un bel posto fisso e tempo da buttare
ci costano una cifra, cifra, cifra
ma non li puoi toccare!

Ed i cervelli emigrano i cervelli fuggono
la sola cosa seria è la meritocrazia
che i nostri gran politici neppur san che sia

Ti tassan fino all’osso
ti spremono fino all’anima, ti succhian l’anima
ma molti dei tuoi soldi vanno dentro buchi neri
finanziano i partiti e vitalizzi interi
ingrassano i corrotti, che vivon di mazzette
gli amici son difesi le faine protette
calpestano la legge e fan quello che gli pare
ma se tu sgarri un minimo, minimo
ti appendono ad una trave
son loro a derubarti ma sempre tu a pagare.

Ed i cervelli emigrano i cervelli fuggono
la sola cosa seria è la meritocrazia
staniamo tutti i furbi e li spazziamo via!

Le teste non ci mancano
moriamo dalla voglia
sloggiamo gli imboscati
RIPULIAMO L’ITALIA


La traduzione inglese del testo!

Hu!
Italy is infected
with too many parasites
which are friends of friends of friends
incompetent and spineless lazybones

conveniently settled there
by those politicians who help who votes for them
and not who is worthy

crushing worthiness, praising evil
because theft, instead of fairness, gets the best
 because the good, instead of the sly, gets the s***

and the brains emigrate ... the brains flee
there's only one thing left and that's meritocracy
praising skills and not the crap

They settle all the sly, absolute fiascos, in the best places
ready to kiss their a*** and crack things up
and when factories blow up
they get more bonuses and another chair.
it's them ruling, it's them squandering money
but when the public debt goes up it's always you paying
and they blabber on in front of a tv camera
pretending to fight and sending the audience up

and so the brains emigrate ... the brains flee
there's only one thing left and that's meritocracy
defeated and annihilated by burocracy

A thousand-headed monster packed with bullshit,
numbers, codicils and catch 22
to overwhelm students and workers
where something as easy as ... joining "a" and "b"
screws you up and makes you go this way

thousands and thousands sitting there stamping
with their nice steady job and time to waste
they cost us heaps but they are untouchable.

and the brains emigrate ... the brains flee
there's only one thing left and that's meritocracy
about which our great politicians don't have a clue

They tax you to the bone, they squeeze out your soul, they suck out your soul
but most of your money goes into black holes
financing political parties and entire lifetime annuities
they feed up the corrupt who live on bribery
their friends are safe, the foxes are safe
they disregard the law and do what they like
but if you just slip up a bit, they'll hang you
it's them robbing you, but it's always you paying

and the brains emigrate ... the brains flee
there's only one thing left and that's meritocracy
let's dig the sly outand let's sweep them out

We have plenties of brains, we can't wait
let's dislodge all shirkers... and let's clean up Italy.

Raccomndazioni e demeritocrazia
Un tema difficile spiegato in modo chiaro e semplice da questo video di Quark

Commenti

I nostri post più amati

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parti logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI





Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…

Gli errori più comuni nella lingua italiana. AIUTO COME SI SCRIVE!

1.Ce o C’è
Dipende! Ce è una particella pronominale, inclusa in verbi pronominali come ad esempio “avercela”:
 Si vede benissimo che ce l’hai a morte con lui. C’è è la contrazione ci è= esserci essere presente (nella forma singolare). Tra me e te c’è una bella differenza!
2.Da, Dà o Da’ Anche qui dipende! Da, semplice semplice, è la preposizione. Vengo da Vicenza e tu?  Il dà accentato è la forma della terza persona singolare del verbo dare.
Mamma te le dà, se non la smetti! Il da’ con l’apostrofo è la forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dare. Da’ una mano a tuo fratello!
3.Di, Dì o Di’ Dipende…da che dipende… Di= preposizione semplice. Quel mobile è fatto di legno Dì= un sostantivo sinonimo di giorno. Prenda la medicina tre volte al dì! Di’= forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dire.
Di' subito a mamma la verità, mascalzone!
4.E o ed? A o ad? La cosiddetta D eufonica (cioè dal bel suono) va aggiunta nel caso la parola successiva inizi con la…

LE PREPOSIZIONI DI LUOGO NELLA LINGUA ITALIANA

Qualche regoletta

Le preposizioni sono delle parti del discorso invariabili, esse mettono in relazione parti diverse della frase (metti la borsa sotto il tavolo; la macchina sta dietro all’angolo ecc.).
Le preposizioni si suddividono comunemente in preposizioni proprie (di, a, da, in, con, su, per, tra, fra), preposizioni improprie (davanti, vicino, dopo, mediante) e locuzioni preposizionali (quali in fondo a, per via di, a causa di). Le preposizioni, come le congiunzioni, gli avverbi e le interiezioni, sono parti del discorso invariabili. La preposizione deve il suo nome al fatto che viene preposta a un elemento lessicale. Le preposizioni di luogo danno informazioni sullo spazio e  sul punto in cui avviene l’azione.











Per indicare il luogo da cui si proviene. DA DOVE VIENI:

·DA->Partenza, origine. Luogo da cui si parte o viene.
Vengo da Vicenza. ·DI-> Insieme al verbo essere per indicare la città da cui si proviene
Sono di Venezia.

Per indicare il luogo dove si è o si sta andando. DOVE …

I verbi pronominali!

I verbi pronominali, sono verbi cui viene aggiunto un pronome che serve per rafforzarne o anche cambiarne il senso! Ad esempio sono verbi pronominali i verbi riflessivi che aggiungono alla radice del verbo il pronome si (all’infinito): vest-ir-si, prepar-ar-si….

Verbi con -ci: andarci, arrivarci (Ci sei arrivato o no?= hai capito) cascarci, correrci (Ci corre una bella differenza), entrarci (Non c’entra proprio niente col mio discorso!), esserci, metterci (Quanto ci metti?), perderci, rimetterci, ripensarci, scapparci (ci scappa il morto), sentirci, starci, vederci, volerci e PROVARCI (Se ci provi ti ammazzo!);

Verbi con -ne: andarne (Ne va della vita), farne (Farne di tutti i colori);

Verbi con -la: contarla, farla (Non so come faccia, ma la fa sempre a tutti!), farla franca, finirla, piantarla, spuntarla;

I verbi pronominali possono contenere anche più pronomi alla volta: Verbi con -sela: cavarsela, cercarsela, contarsela, darsela (Darsela a gambe), farsela (Ugo se la fa con la signorina …