Passa ai contenuti principali

LANDAIE LAVATOI E LA BELLA LAVANDERINA

Canzoni dal gusto antico, canzoni vecchie che cantavano le nonne e che parlano di un passato ormai dimenticato.
Camminando per alcune città italiane, nella mia per esempio (Vicenza), si vedono ancora i vecchi lavatoi, sì perché una volta mica c’erano le lavatrici!
Fare il bucato era un’operazione faticosa, lunga e scomoda che richiedeva olio di gomito…le belle lavanderine lavavano i loro paneselli (i loro panni), o al fiume (se lo avevano vicino) o in lavatoi di pietra pubblici.
A pensarci bene doveva essere terribile, caricarsi chili di bucato sulle spalle e partire in ogni stagione per andare a lavarli, l’acqua di fontane e fiumi non era riscaldata, e così anche d’inverno, fare i panni non era certamente un passatempo divertente.
Tutto sommato però a guardare le foto, il tutto ha una gran poesia, la poesia dei tempi in cui le cose non erano facili e a portata di mano, in cui anche azioni semplici, quotidiane e necessarie richiedevano tempo e pazienza, in cui le casalinghe non si rinchiudevano a ciarlare in un caffè o su facebook, ma andavano al lavatoio di quartiere per sapere le ultime novità.
E quante se ne dovevano raccontare mentre sfregavano i panni sulla pietra, con le mani intirizzite dall’acqua fredda. Altro che giornali di cronaca, le comari del quartiere, si ritrovavano per chiacchierare e spettegolare e se non chiacchieravano…cantavano!
Se vi capita di trovarvi a Milano, fate un salto al Vicolo delle Lavandaie  a fianco del Naviglio Grande e nella vicinanza della Darsena.
Tempi antichi, forse difficili e scomodi, ma a mio parere estremamente poetici…detto questo, comunque, un sentito ringraziamento all’inventore della lavatrice!

Amore dammi quel fazzolettino!
Amor dammi quel fazzolettino, amor dammi quel fazzolettino,
amor dammi quel fazzolettino, vado alla fonte, lo vado a lavar.

Te lo lavo alla pietra di marmo, te lo lavo alla pietra di marmo,
te lo lavo alla pietra di marmo, ogni sbattuta è un sospiro d'amor.

Te lo stendo a una rama di rose, te lo stendo a una rama di rose,
te lo stendo a una rama di rose, ogni sbattuta è un sospiro d'amor.

Te lo stiro col ferro a vapore, te lo stiro col ferro a vapore,
te lo stiro col ferro a vapore, ogni pieghina è un bacino d'amor.

Te lo porto di sabato sera, te lo porto di sabato sera,
te lo porto di sabato sera di nascosto di mamma e papà. Oh oh oh

C'è chi dice “l'amor non è bello”, c'è chi dice “l'amor non è bello”,
c'è chi dice “l'amor non è bello” certo quello l'amor non sa far;
certo quello l'amor non sa far, certo l'amor non sa far.
La, la la, la la la, la la la, certo quello l'amor non sa far.
La la la, certo quello l'amor non sa far….

La bella lavanderina!




La bella lavanderina che lava i fazzoletti
per i poveretti della città.
Fai un salto, fanne un altro,
fai la giravolta, falla un'altra volta, (variazione: fai la riverenza, fai la penitenza)
guarda in su guarda in giù
dai un bacio a chi vuoi tu.

Commenti

I nostri post più amati

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…

Gli errori più comuni nella lingua italiana. AIUTO COME SI SCRIVE!

1.Ce o C’è
Dipende! Ce è una particella pronominale, inclusa in verbi pronominali come ad esempio “avercela”:
 Si vede benissimo che ce l’hai a morte con lui. C’è è la contrazione ci è= esserci essere presente (nella forma singolare). Tra me e te c’è una bella differenza!
2.Da, Dà o Da’ Anche qui dipende! Da, semplice semplice, è la preposizione. Vengo da Vicenza e tu?  Il dà accentato è la forma della terza persona singolare del verbo dare.
Mamma te le dà, se non la smetti! Il da’ con l’apostrofo è la forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dare. Da’ una mano a tuo fratello!
3.Di, Dì o Di’ Dipende…da che dipende… Di= preposizione semplice. Quel mobile è fatto di legno Dì= un sostantivo sinonimo di giorno. Prenda la medicina tre volte al dì! Di’= forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dire.
Di' subito a mamma la verità, mascalzone!
4.E o ed? A o ad? La cosiddetta D eufonica (cioè dal bel suono) va aggiunta nel caso la parola successiva inizi con la…

Le supertizioni degli italiani!

La superstizione è una credenza di natura irrazionale che può influire sul pensiero e sulla condotta di vita delle persone che la fanno propria, in particolare la credenza che gli eventi futuri siano influenzati da particolari comportamenti senza che vi sia una relazione causale. La scaramanzia è una forma di superstizione secondo la quale alcune frasi o gesti attirerebbero o allontanerebbero la fortuna o la sfortuna.
Un  esempio è l'idea che dicendo qualcosa, questa non accadrà, o potrebbe accadere il contrario di ciò che si è detto.
Per questo motivo ad esempio, in Italia, si augura solitamente il contrario di ciò che si desidera che avvenga. Per esempio, a un cacciatore non si dirà "Buona caccia", ma "In bocca al lupo" parola entrata anche nel linguaggio comune e utilizzato per augurare "buona fortuna" .
Nonostante la cultura moderna condanni a parole la superstizione, molte credenze di questo genere sono estremamente diffuse anche nella società occ…

TRIPPA, POPPA E LAMPREDOTTO

La nobiltà si sa, un po‘ di puzza sotto il naso ce l’ha!
In molti degli antichi nobili regni italici non tutte le parti dell’animale venivano considerate degne di imbandire le reali tavole, le interiora ad esempio venivano considerate insieme al piede e al muso del maiale degli scarti che offendevano il buon gusto dei sovrani. La servitù e il popolino al contrario presi com’erano dalla semplice necessità di sopravvivere erano molto meno schizzinosi; ligi al principio per cui “non si butta via nulla” impararono a cucinare al meglio anche questi scarti.
Alcune storie narrano che a Napoli le donne dei quartieri popolari scendevano verso il palazzo reale e aspettavano fuori dalle cucine gli scarti della lavorazione degli animali, per poi litigarseli a gran voce; queste donne prendevano l’appellativo di zandraglie perché pur di avere la parte migliore e più cospicua del bottino si picchiavano, accapigliavano e gridavano contro.  Tutt’oggi a Napoli dire ad una donna “sei proprio una zandraglia