Passa ai contenuti principali

IL PARCO GIARDINO DELLA SIGURTÀ

Ve lo descrivo brevemente!
Il Paradiso in terra…

Il Parco Giardino Sigurtà è un parco che si trova a Valeggio sul Mincio, vicino al Lago di Garda a solo otto chilometri da Peschiera del Garda; si estende per ben 600.000 metri quadrati ed è nato da quello che era il giardino di Villa Maffei, dimora nel 1859 di Napoleone III.
Il Parco Giardino passato alla famiglia di Carlo Sigurtà è stato trasformato negli anni in uno dei parchi più belli al mondo un vero prodigio di colori, piante e vegetazione, un luogo straordinario in grado di affascinare sia grandi che piccini.




In questo giardino ogni stagione saprà regalarvi impressioni uniche e immagini meravigliose, cinque grandi fioriture che si susseguono da Marzo a Settembre, moltissimi fiori e alberi, i giardini acquatici, un prato erboso immenso in cui
potrete riscoprire il gusto di correre a piedi scalzi.


Le attrazioni del parco sono veramente molte: il viale delle rose, il labirinto, il grande tappeto erboso, il giardino delle piante officinali, la meridiana, l’eremo, il castelletto, la grande quercia, i bossi e la fattoria didattica.


Per visitare il parco potete scegliere tra diversi mezzi di locomozione: a piedi (pagando il solo biglietto d’ingresso), con un giro in trenino (della durata di circa 35 minuti e del costo di 3€ a persona), in bicicletta (pagando 3€ per il noleggio, o portando le vostre bici), con lo shuttle elettrico (il giro dura circa 1 ora e costa 5 € per gli adulti e 3 per i bambini), in golf cart (un’ora di noleggio costa 16 € nei giorni feriali, 18 in quelli festivi e nel mese d’agosto).

Il mio consiglio: noi ci siamo divertiti da morire in golf cart, certo che… il parco
è enorme e il navigatore delle macchinine (un innovativo compagno di viaggio che offre ai visitatori tutte le informazioni sul Parco e le curiosità relative alle attrazioni naturali che si snodano lungo il percorso) vi consiglierà molto spesso di scendere per visitare meglio i luoghi meno agibili, visto il costo (16€ l’ora che vanno a sommarsi ai biglietti d’entrata) noi abbiamo girato senza fermarci tutto il parco, abbiamo riportato entro l’ora il golf cart al noleggio e abbiamo poi visitato a piedi tutto il parco, sapendo esattamente cosa andare a vedere.

I miei bimbi hanno camminato come matti e si sono innamorati del Parco Giardino, correre a piedi nudi per il prato, essere attorniati da una miriade di fiori colorati, avvicinarsi ai tanti pittoreschi laghetti per osservarne gli abitanti e stendersi all’ombra di uno dei tanti alberi per guardare il cielo, si tratta di un’immersione nella natura indimenticabile e unica.

Tulipani, iris, rose, dalie, ninfee, aster, ortensie, crocchie, narcisi, giacinti, begonie, querce, pioppi, cipressi e….chi più ne ha più ne metta…in questo luogo da sogno troverete una vegetazione paradisiaca in grado di stupirvi, e non pensiate che un parco simile possa essere noioso per i bambini, saranno proprio loro a meravigliarvi maggiormente con il loro entusiasmo e amore per la natura.


Orari e prezzi

Dall'8 marzo al 2 novembre 2014, tutti i giorni con orario continuato.
Ingresso dalle ore 9.00 alle ore 18.00, chiusura ore 19.00.
Nei mesi di Marzo, Ottobre e Novembre ingresso fino alle ore 17.00, chiusura ore 18.00.

Si ricorda ai gentili visitatori che è vietato l'accesso agli animali al Parco, ad eccezione dei cani guida che accompagnino i non vedenti.

Prezzi individuali

Adulti€ 12,00
Ragazzi 5-14 anni€ 6,50
Bambini 0-4 anni Gratis
Over 65 € 9,50
Disabili 100% (con certificazione) Gratis - accompagnatore € 9,50

Parco Giardino Sigurtà
Via Cavour 1 - 37067 Valeggio sul Mincio (Verona) Italia
Tel. + 39 045 6371033
Fax +39 045 6370959


Max Pezzali / 883 - Lo strano percorso
Video girato anche al 
Parco Giardino Sigurtà

Commenti

Post popolari in questo blog

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parte logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo.
Sono uscita prima questa mattina, eppure, non ho fatto in tempo! Connettivo
La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia:
Preposizioni:Ho pensato di invitarti a pranzo domani.
Congiunzionicome ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché, ecc. :Non ho studiato perché stavo molto male.
Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono.
Verbi : Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto!
Alcune espressioni come da un certo punto di vista, in pratica, d’altra parte, in altri termini, per dirla in breve, come si è detto poc…

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO
LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI

Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla.
L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase.

Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!).
Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso).
In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! accidenti! silenzio! diavolo! guai! peccat…

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole.
Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono.
Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome)

Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”!
a)I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente formano il plurale nel secondo elemento della parola:  cavolfior…

Gli errori più comuni nella lingua italiana. AIUTO COME SI SCRIVE!

1.Ce o C’è
Dipende! Ce è una particella pronominale, inclusa in verbi pronominali come ad esempio “avercela”:
 Si vede benissimo che ce l’hai a morte con lui. C’è è la contrazione ci è= esserci essere presente (nella forma singolare). Tra me e te c’è una bella differenza!
2.Da, Dà o Da’ Anche qui dipende! Da, semplice semplice, è la preposizione. Vengo da Vicenza e tu?  Il dà accentato è la forma della terza persona singolare del verbo dare.
Mamma te le dà, se non la smetti! Il da’ con l’apostrofo è la forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dare. Da’ una mano a tuo fratello!
3.Di, Dì o Di’ Dipende…da che dipende… Di= preposizione semplice. Quel mobile è fatto di legno Dì= un sostantivo sinonimo di giorno. Prenda la medicina tre volte al dì! Di’= forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dire.
Di' subito a mamma la verità, mascalzone!
4.E o ed? A o ad? La cosiddetta D eufonica (cioè dal bel suono) va aggiunta nel caso la parola successiva inizi con la…