Passa ai contenuti principali

Paroliamo - Parole italiane in famiglia - Fare rumore

Fare rumore

 


Significa emettere suoni.



a.    Suono forte e a volte sgradevole: boato (Il boato della valanga), fischio, fragore (il rumore intenso di cose che si rompono o che precipitano), rombo (es. il rombo del tuono o di un motore potente), schianto, schiamazzo, scoppio, sibilo (suono, rumore penetrante e sottile come un fischio: es. il sibilo del vento).

b.     Suono forte e confuso che può essere prodotto da persone o cose: baccano, cagnara, casino, chiasso, clamore, fracasso (rumore violento prodotto da cose infrante, es. i piatti che cadono fanno un gran fracasso), frastuono, gazzarra, pandemonio (grande disordine e confusione unita a fracasso), schiamazzo, strepito (rumore forte, confuso e continuato, es. lo strepito dei tifosi allo stadio era assordante).

c.      Suono acuto prodotto da una voce: grido, strillo, urlo.

d.     Suono sommesso e continuo prodotto da una o più voci: bisbiglìo, borbottìo (suono ripetuto ed insistente e indistinto), brontolìo (es. nel silenzio si sentiva solo il brontolìo della sua pancia), brusìo (Rumore sommesso e prolungato prodotto da persone che parlano sottovoce o da cose o animali in movimento, es. Il brusìo delle api intorno all’alveare), chiacchiericcio, mormorìo (rumore sommesso e prolungato, es. il mormorio del mare o del vento), parlottìo, sussurrìo (Successione di mormorii o di rumori lievi e indistinti).

e.      Suono sordo e sommesso prodotto da cose che si muovono lentamente: brusìo, fruscìo (rumore sommesso prodotto da foglie o da vesti, da acqua che scorre, da piedi che strisciano per terra).

f.       Suono stridulo: cigolìo (il suono stridente emesso da congegni non lubrificati o arrugginiti ad. ruote, cerniere ecc.), scricchiolìo (crepitio, rumore secco e leggero prodotto da cose che si rompono o superfici sottoposte a movimento, ad es. le foglie secche che scricchiolano sotto i piedi o gli scalini di legno che scricchiolano sotto il peso di chi li sale), stridìo (rumore sgradevole, acuto e penetrante, es. lo stridìo del gesso sulla lavagna).

g.     Suono continuo e crepitante: crepitìo (scoppiettio, tambureggiamento, ad es. il crepitìo del fuoco nel camino), scoppiettìo (serie continuata di rumori secchi, ad es. lo scoppiettio della legna che arde nel fuoco), sfrigolìo.

h.     Suono prodotto da liquidi: gocciolìo (Caduta reiterata di gocce), gorgoglìo (rumore prodotto da un liquido che esce in modo irregolare da una stretta apertura), sciabordìo (rumore e movimento di liquidi che urtano contro un ostacolo ad es. lo sciabordio delle onde sulla chiglia di un’imbarcazione).

i.       Suono del clacson di unautomobile: strombettìo.

j.        Suono di zoccoli o passi: calpestìo, scalpiccìo, scalpitìo (Battito frequente e continuato di zoccoli sul suolo).

k.     Suono prodotto da uno sfregamento: strofinìo (rumore dato dallo strofinamento continuo e insistente di due superfici), stropiccìo (rumore persistente prodotto da uno sfregamento).

l.       Suono prodotto da arma da fuoco o altro ordigno: colpo, deflagrazione (esplosione più lenta della detonazione), detonazione (boato, scoppio, deflagrazione), esplosione, scoppio (esplosione violenta, improvvisa e fragorosa), sparo.

m.  Suono prodotto da un crollo: botto, schianto, tonfo (rumore sordo prodotto da un corpo o oggetto che cade a terra o in acqua).

n.     Suono che echeggia in modo cupo e fragoroso: boato, rimbombo, rombo, tuono.

o.     Suono sottile e penetrante: fischio, sibilo (rumore penetrante e sottile ad es. il sibilo del vento).

p.     Suoni prodotti da animali: gracidìo, muggito, ruggito, ululato.

q.     Emissione di gas intestinale: flato, flatulenza, loffa, peto, scorreggio, vento.


 

Commenti

I nostri post più amati

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

  I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parti logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo. Sono uscita prima questa mattina, eppure , non ho fatto in tempo!                                                 Connettivo La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia: Preposizioni:   Ho pensato di invitarti a pranzo domani. Congiunzioni come ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché , ecc. : Non ho studiato perché stavo molto male. Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono. Verbi :  Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto! Alcune espressioni come da u

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla. L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase. Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!). Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso). In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! acc

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole. Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono. Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome) Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”! a)       I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente

Gli errori più comuni nella lingua italiana. AIUTO COME SI SCRIVE!

1.         Ce o C’è Dipende!  Ce è una particella pronominale, inclusa in verbi pronominali come ad esempio “avercela”:  Si vede benissimo che ce l’hai a morte con lui. C’è è la contrazione ci è= esserci essere presente (nella forma singolare). Tra me e te c’è una bella differenza! 2.        Da, Dà o Da’ Anche qui dipende! Da, semplice semplice, è la preposizione. Vengo da Vicenza e tu?  Il dà accentato è la forma della terza persona singolare del verbo dare. Mamma te le dà, se non la smetti! Il da’ con l’apostrofo è la forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dare. Da’ una mano a tuo fratello! 3.        Di, Dì o Di’ Dipende…da che dipende… Di= preposizione semplice. Quel mobile è fatto di legno Dì= un sostantivo sinonimo di giorno. Prenda la medicina tre volte al dì! Di’= forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dire. Di' subito a mamma la verità, mascalzone! 4.        E o ed? A o ad? La cosidd

LE PREPOSIZIONI DI LUOGO NELLA LINGUA ITALIANA

Qualche regoletta Le preposizioni sono delle parti del discorso invariabili, esse mettono in relazione parti diverse della frase (metti la borsa sotto il tavolo; la macchina sta dietro all ’ angolo ecc.). Le preposizioni si suddividono comunemente in preposizioni proprie (di, a, da, in, con, su, per, tra, fra), preposizioni improprie (davanti, vicino, dopo, mediante) e locuzioni preposizionali (quali in fondo a, per via di, a causa di). Le preposizioni, come le congiunzioni, gli avverbi e le interiezioni, sono parti del discorso invariabili . La preposizione deve il suo nome al fatto che viene preposta a un elemento lessicale. Le preposizioni di luogo danno informazioni sullo spazio e  sul punto in cui avviene l’azione. Per indicare il luogo da cui si proviene. DA DOVE VIENI : ·           DA ->Partenza, origine. Luogo da cui si parte o viene. Vengo da Vicenza. ·          DI -> Insieme al verbo essere per indicare la città da

I verbi pronominali!

I verbi pronominali sono verbi cui viene aggiunto un pronome che serve per rafforzarne o anche cambiarne il senso! Ad esempio sono verbi pronominali i verbi riflessivi che aggiungono alla radice del verbo il pronome si (all’infinito): vest- ir - si , prepar- ar - si …. Verbi con - ci : andarci, arrivarci (Ci sei arrivato o no?= hai capito) cascarci, correrci (Ci corre una bella differenza), entrarci (Non c’entra proprio niente col mio discorso!), esserci, metterci (Quanto ci metti?), perderci, rimetterci, ripensarci, scapparci (ci scappa il morto), sentirci, starci, vederci, volerci e PROVARCI (Se ci provi ti ammazzo!); Verbi con - ne : andarne (Ne va della vita), farne (Farne di tutti i colori); Verbi con - la : contarla, farla (Non so come faccia, ma la fa sempre a tutti!), farla franca, finirla, piantarla, spuntarla; I verbi pronominali possono contenere anche più pronomi alla volta: Verbi con - sela : cavarsela, cercarsela, contarsela, darsela (Darsela a gamb