Passa ai contenuti principali

Paroliamo - Tanti modi per dire MUOVERE E MUOVERSI

 #italianwords #paroleitaliane #italianlanguage

Si fa presto a dire...muoversi! Conoscete tutte le parole collegate ai verbi muovere e muoversi? Volete imparare a esprimervi meglio in italiano? Volete arricchire il vostro vocabolario e imparare a usare meglio i termini più appropriati? Allora paroliamo, parole italiane in famiglia è quello che fa per voi. In questo video vi insegniamo molte alternative al verbo muovere e muoversi. Quali tipi di movimento conoscete già. In questa lezione vi spieghiamo in modo divertente cosa significa penzolare, strisciare, sciabattare, ondeggiare e tanti tanti altri. FINITELA DI DIRE MUOVERE parlate in modo appropriato! Perchè esprimersi bene significa anche conoscere molti vocaboli e sapere come usarli.


AFFRETTARSI

Far presto, cercare di fare, o cominciare, o terminare qualche cosa quanto prima possibile. Accellerare il passo. Accorciare il tempo.

Affrettati ad arrivare la cena è pronta!

ALLONTANARSI

Andare lontano, partire.

Si allontanò senza guardarsi indietro!

 

AVVIARSI/ INCAMMINARSI

Mettersi in movimento verso un determinato luogo o punto.

Si avviò verso la porta senza neppure salutare!

PARTIRE

Allontanarsi, per un tempo più o meno lungo, da un luogo per recarsi in un altro.

Partiamo domani per le vacanze!

SBRIGARSI/SPICCIARSI

Spicciarsi, disimpegnarsi, fare in fretta. Concludere, portare a termine velocemente qualcosa che si stave facendo.

Sbrigati ad arrivare il film sta iniziando!

SPOSTARSI

Muoversi da una posizione, dalla propria sede; cambiare di posto.

Spostati da davanti la televisione è un programma interessante!

ALZARSI

Mettersi in piedi, innalzarsi, elevarsi, compiere una traiettoria verso l’alto.

Alzati da quel divano e dammi una mano a cucinare.

ABBASSARSI

Chinarsi, alla forma attiva (abbassare) tirare giù calare.

Abbassa la testa o prenderai una gran botta.

 

SPINGERSI

Inoltrarsi, arrivare.

Cappuccetto rosso si spinse oltre il sentiero.

VIAGGIARE

Spostarsi da un luogo a un altro compiendo un percorso, di lunga durata.

Voglio viaggiare e vedere il mondo, questo è il mio sogno!

DIRIGERSI

Avviarsi verso una meta, partire per una determinata direzione.

Dirigiti sulla tangenziale verso nord.

CIRCOLARE

Per i veicoli significa spostarsi da un luogo all’altri. In generale diffondersi, propagarsi.

In italia circolano molte vecchie automobili.

il corona virus circolava indisturbato tra la popolazione

AGGIRARSI

andare in giro, errare, vagare qua e là spesso senza una meta precisa.

In quartiere si aggirano degli individui poco raccomandabili.

 

BALLARE

muoversi seguendo un ritmo musicale, danzare.

Ballarono insieme fino a mezzanotte ma poi lei fuggì via!

CORRERE

Muoversi velocemente, precipitarsi verso una direzione.

Ogni mattina corro per un’ora prima di andare a lavorare.

PRECIPITARSI

Andare con impeto e di corsa verso qualcuno o qualcosa.

Si precipitò giù dalle scale!

RIGIRARSI

Girare su se stessi, rivoltarsi; di solito con specificazione del luogo. Girarsi nuovamente in una data direzione.

Si rigirò un’ultima volta per salutarli!

 

VOLARE

Muoversi nell’aria.

Era la prima volta che volava ed era terrorizzato!

 

STRISCIARE

Avanzare aderendo su una superficie, sfregandovi sopra.

Tornerà strisciando da te a chiederti perdono.

 

SALTARE

riferito a soggetti animati, darsi una spinta verso l'alto staccando i piedi o le zampe da terra e restando sospesi per qualche attimo, per ricadere pressappoco nello stesso punto.

Saltò dalla gioia alla vista dell’anello!

 

zoppicare

Camminare in maniera difettosa, poggiando il peso del corpo più su una gamba che sull'altra.

Oltre ad essere brutto e antipatico, zoppicava pure!

ondeggiare/dondolare

Muoversi con moto ritmato, oscillare, dondolare

Ondeggiò fuori dal bar ubriaco spolpo!

ruotare

Muoversi, tracciando larghe ruote o ampi giri. Muoversi in maniera circolare.

Ruotate le braccia in modo alternato.

 

scivolare

Muoversi, procedere scorrendo via, su una superficie liscia o in pendenza.

Scivolava sul ghiaccio in modo molto aggraziato.

 

aprire

Dischiudere ciò che è chiuso

Hanno suonato vai ad aprire alla porta!

 

girovacare/bighellonare/errare/vagare

Andare in giro senza scopo, oziando.

Passa la giornata a bighellonare in giro senza meta!

 

planare

Volare in discesa librandosi nell'aria, sfruttando unicamente la forza di gravità.

Planò sopra la piscina e si schiantò per terra!

 

ciabattare

Camminare strascicando le scarpe o le ciabatte.

La vicina la odio! Ciabatta in giro per casa tutto il giorno.

 

marciare

Camminare con il passo uniforme e cadenzato tipico dei militari.

I dimostranti marciarono sulla capitale.

 

pellegrinare

Andare in pellegrinaggio.

Pellegrinare al Santo Sepolcro

sgattaiolare

entrare, uscire quatti quatti, in silenzio e con sveltezza, cercando di passare inosservati.

Il fidanzato di Maria sgattaiolò dalla sua camera senza essere visto.

 

scalpitare

riferito a persone, dare segni di fremente impazienza, e irrequietudine. Riferito a cavalli, battere il terreno con gli zoccoli.

Scalpitava per vedere il suo regalo!

penzolare

tare appeso, pendere, perlopiù oscillando

Non lascio mai penzolare il piede fuori dal letto, ho paura dei mostri!

salire

andare su qualcosa, muoversi verso l'alto.

Salì le scale con un brutto presentimento!

trottare

Detto del cavallo e del cavaliere, andare al trotto. Detto di persona o animale, camminare a passo sostenuto.

Se non trotti a scuola te le suono di santa ragione.

Commenti

I nostri post più amati

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

  I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parti logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo. Sono uscita prima questa mattina, eppure , non ho fatto in tempo!                                                 Connettivo La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia: Preposizioni:   Ho pensato di invitarti a pranzo domani. Congiunzioni come ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché , ecc. : Non ho studiato perché stavo molto male. Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono. Verbi :  Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto! Alcune espressioni come da u

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla. L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase. Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!). Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso). In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! acc

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole. Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono. Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome) Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”! a)       I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente

Gli errori più comuni nella lingua italiana. AIUTO COME SI SCRIVE!

1.         Ce o C’è Dipende!  Ce è una particella pronominale, inclusa in verbi pronominali come ad esempio “avercela”:  Si vede benissimo che ce l’hai a morte con lui. C’è è la contrazione ci è= esserci essere presente (nella forma singolare). Tra me e te c’è una bella differenza! 2.        Da, Dà o Da’ Anche qui dipende! Da, semplice semplice, è la preposizione. Vengo da Vicenza e tu?  Il dà accentato è la forma della terza persona singolare del verbo dare. Mamma te le dà, se non la smetti! Il da’ con l’apostrofo è la forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dare. Da’ una mano a tuo fratello! 3.        Di, Dì o Di’ Dipende…da che dipende… Di= preposizione semplice. Quel mobile è fatto di legno Dì= un sostantivo sinonimo di giorno. Prenda la medicina tre volte al dì! Di’= forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dire. Di' subito a mamma la verità, mascalzone! 4.        E o ed? A o ad? La cosidd

LE PREPOSIZIONI DI LUOGO NELLA LINGUA ITALIANA

Qualche regoletta Le preposizioni sono delle parti del discorso invariabili, esse mettono in relazione parti diverse della frase (metti la borsa sotto il tavolo; la macchina sta dietro all ’ angolo ecc.). Le preposizioni si suddividono comunemente in preposizioni proprie (di, a, da, in, con, su, per, tra, fra), preposizioni improprie (davanti, vicino, dopo, mediante) e locuzioni preposizionali (quali in fondo a, per via di, a causa di). Le preposizioni, come le congiunzioni, gli avverbi e le interiezioni, sono parti del discorso invariabili . La preposizione deve il suo nome al fatto che viene preposta a un elemento lessicale. Le preposizioni di luogo danno informazioni sullo spazio e  sul punto in cui avviene l’azione. Per indicare il luogo da cui si proviene. DA DOVE VIENI : ·           DA ->Partenza, origine. Luogo da cui si parte o viene. Vengo da Vicenza. ·          DI -> Insieme al verbo essere per indicare la città da

I verbi pronominali!

I verbi pronominali sono verbi cui viene aggiunto un pronome che serve per rafforzarne o anche cambiarne il senso! Ad esempio sono verbi pronominali i verbi riflessivi che aggiungono alla radice del verbo il pronome si (all’infinito): vest- ir - si , prepar- ar - si …. Verbi con - ci : andarci, arrivarci (Ci sei arrivato o no?= hai capito) cascarci, correrci (Ci corre una bella differenza), entrarci (Non c’entra proprio niente col mio discorso!), esserci, metterci (Quanto ci metti?), perderci, rimetterci, ripensarci, scapparci (ci scappa il morto), sentirci, starci, vederci, volerci e PROVARCI (Se ci provi ti ammazzo!); Verbi con - ne : andarne (Ne va della vita), farne (Farne di tutti i colori); Verbi con - la : contarla, farla (Non so come faccia, ma la fa sempre a tutti!), farla franca, finirla, piantarla, spuntarla; I verbi pronominali possono contenere anche più pronomi alla volta: Verbi con - sela : cavarsela, cercarsela, contarsela, darsela (Darsela a gamb