Passa ai contenuti principali

Dante e la Divina Commedia



 

 DANTE E LA DIVINA COMMEDIA

Il 2021 è l‘anno che commemora i 700 anni della scomparsa di Dante Alighieri, il 25 marzo sarà il giorno completamente a lui dedicato, detto anche il “Dantedì”. Questa data è stata scelta perché proprio in questa giornata gli studiosi ipotizzano abbia avuto inizio il viaggio simbolico che Dante intraprese nella sua Divina Commedia.

Il 29 maggio 1265 è la data presunta del compleanno di Dante detto anche dai più “il sommo poeta” della letteratura italiana, noto e stimato in tutto il mondo.

Ma a distanza di più settecento anni da questa data, sono ancora molti gli aneddoti, le curiosità e gli eventi che riguardano la sua incredibile vita, la sua persona e le sue opere, che in pochi conoscono.

·         Sapevate ad esempio che il suo nome completo è Durante di Alighiero degli Alighieri. In effetti un nome un po' lungo... no? Fu anche per quello che lo “cambiò in Dante” molto più facile da ricordare e incisivo!

·         Gli Alighieri erano una famiglia particolare: il padre di Dante, Alighiero di Bellincione, faceva il cambiavalute, ma non solo, pare addirittura che fosse un usuraio e che proprio usasse la sua posizione di procuratore giudiziale del tribunale di Firenze per aumentare i suoi guadagni.

·         Nell’opera di Dante sono frequenti gli svenimenti: questo particolare è presumibilmente influenzato dalla vita stesa del poeta, in quanto pare che Dante fosse epilettico.


·         Di Dante si racconta anche che avesse una memoria davvero portentosa.

·         Le sue furono nozze programmate: tutti conoscono la moglie di Dante, Gemma Donati, ma in pochi sanno che sin dall’età di 12 anni il matrimonio era stato concordato dalle famiglie. I Donati erano una delle più influenti famiglie di Firenze e il matrimonio tra Gemma e Dante, che avvenne quando i due avevano 20 anni, era stato fissato con un contratto ben 8 anni prima. Si pensa però che il matrimonio tra i due non sia stato proprio felicissimo, dal momento che per Gemma Dante non scrisse mai neanche un verso e non ci sono notizie della sua presenza al fianco del marito nel periodo dell’esilio.

·         Il vero amore del vate fu Beatrice una fanciulla a cui il poeta è legato da un amore profondo e puro ma che purtroppo muore in giovane età nel 1290.  La morte della sua amata getta Dante in una profonda crisi: l’amore per la giovane donna si trasforma assumendo un valore sempre più finalizzato all’impegno morale, alla ricerca filosofica, alla passione per la verità e la giustizia che infine portano Dante (a partire dal 1295) ad entrare attivamente e coscientemente nella vita politica della sua città.

La sua carriera politica raggiunge l’apice nel 1300 quando Dante, guelfo di parte bianca, viene eletto priore (la carica più importante del comune fiorentino): il poeta è un politico moderato, che sostiene però in modo convinto l’autonomia della città di Firenze, che a suo parere doveva liberarsi dalle ingerenze del potere del Papa.


Questa posizione chiaramente era decisamente invisa (= mal vista) da Bonifacio VIII (il papa dell’epoca) che per soffocare le idee di indipendenza inviò a Firenze Carlo di Valois, fratello del re di Francia, con l’intenzione nascosta di eliminare i guelfi bianchi dalla scena politica; Dante e altri due ambasciatori si recarono dal Papa per convincerlo a evitare l’intervento francese, ma era ormai troppo tardi!

Quando Carlo di Valois entra a Firenze per sostenere il potere dei guelfi neri Dante se n’era già andato, condannato ingiustamente all’esilio non fece mai più ritorno alla sua città natale.

·         Dante dovette andare in esilio, scappare per riuscire a sfuggire alla condanna a morte che pendeva sulla sua testa. Questi sono dati che si conoscono abbastanza bene, ma in pochi sanno che nell’ordine di condanna la morte al Poeta sarebbe stata inflitta sul rogo.

·         Un’altra notizia che non molti conoscono sul poeta è quella secondo cui, in base ad alcuni recenti studi, Dante soffriva di narcolessia, malattia che porta a colpi di sonno improvvisi e repentini (vi ricordate degli svenimenti di cui avevamo parlato). A raccontare questo suo disagio fisico sarebbero proprio i suoi versi in cui descrive in modo perfetto i sintomi.

·         Sapevate poi che il Paradiso è stato pubblicato postumo dal figlio Jacopo ed è grazie alla sua attività promozionale che la commedia è diventata così famosa.

 

Ai giovani italiani lo studio di Dante viene proposto già alle scuole medie, in modo più superficiale.

La Divina Commedia invece è uno dei capisaldi del programma di “Italiano” alle superiori.

Capiamo così come non sia affatto un caso che a noi italiani, siano rimaste impresse numerose espressioni tratte dal suo capolavoro e che spesso le usiamo quasi senza neanche saperlo. La sua influenza nella nostra cultura è stata così elevata che citiamo Dante durante una conversazione quotidiana spesso senza neanche rendercene conto.

 

Citiamo Dante quando diciamo ad esempio:


 “Nel bel mezzo del cammin di nostra vita” quando raccontiamo di un evento che accade in un certo momento;

“Cosa fatta capo ha” che significa che ciò che è stato fatto non può essere cambiato ma è alla fin fine sempre meglio di qualcosa che senza una fine si trascina oltremodo. Questa frase viene pronunciata da Mosca dei Lamberti che pare avesse dato inizio alla faida tra Guelfi e Ghibellini;

“Non ti curar di lór, ma guarda e passa”, lo dice Virgilio indicando a Dante i vili e gli ignavi di cui non è rimasta più traccia; questa frase viene usata molto spesso per esortare una persona a non preoccuparsi di coloro che la insultano o che gli sono contro ma di andare avanti “senza pensare/ragionare” su costoro.

“Galeotto fu il libro…” per alludere alla nascita di una relazione amorosa e che richiama alle tristi vicende di Paolo e Francesca;

“Stai fresco” che significa “tutto a posto” ma per indicare l’esatto contrario ossia che le cose andranno male e non bene;

“Non mi tange” che significa non mi interessa, non mi riguarda, non mi tocca, lo dice Beatrice rassicurando Dante che nulla all’Inferno potrà ferirla in quanto le miserie umane ormai non la toccano più;

 “Ahi serva Italia!” è diventata una nuova espressione per lamentarsi di una infelice situazione politica del Paese e, per inciso, sempre molto attuale;

come anche “senza infamia e senza lode” usata per riferirsi a qualcosa che non ha né difetti, né pregi e che risulta perciò piuttosto indifferente;

“Bella persona” parole con cui ci riferiamo oggi alle qualità interiori (e non estetiche) di una persona e che Dante usò per l’auto descrizione che Francesca da Rimini fece di sé stessa;

“Far tremar le vene e i polsi” usata da Dante nell’Inferno a verso 90 per indicare un grande spavento;

“Il Bel Paese” un’espressione poetica per definire l’Italia usata da Dante nel verso 80 dell’Inferno.

“Lasciate ogni speranza o voi ch’entrate” si legge sulla porta dell’Inferno, una frase che oggi si usa spesso in tono scherzoso quando ci si trova davanti ad un compito difficile o ad un’impresa che si prevede particolarmente ardua da affrontare.;

Dante, insomma, seppur scomparso da ormai settecento anni è sempre con noi.

La Divina Commedia è il suo capolavoro è l’opera che racchiude tutta la sua esperienza umana, civile, politica, spirituale e poetica.

È composta da tre cantiche (Inferno, Purgatorio e Paradiso), ciascuna delle quali comprende 33 canti, scritti in terzine di endecasillabi, eccetto l’Inferno che contiene un canto in più quale prologo all’intera opera.


L’Inferno viene completato probabilmente verso il 1309, il Purgatorio verso il 1312, il Paradiso verso il 1318; tuttavia Dante lavora sulla Commedia fino alla morte.

Quello della Divina Commedia è un progetto coerente e perfettamente organizzato in cui ogni parte è in rapporto con l’altra, e tutto diventa quindi un tassello di un meraviglioso mosaico.

Dante impiega gran parte della sua vita nella stesura della Commedia. Comincia a scrivere l’Inferno intorno al 1307, poco dopo l’esilio da Firenze, e termina il Paradiso, l’ultima cantica, nel 1321, anno della morte.

I cento “canti” della Commedia non sono un numero casuale, cento infatti era un numero simbolo di completezza, essendo una potenza del numero dieci che nella cabala è il numero della perfezione.   

 

Ogni cantica della Divina Commedia è dedicata al regno dell’Aldilà corrispondente il fine principale del racconto è quello di spiegare dove finiranno e come verranno punite o premiate le anime dopo la morte a seconda del tipo di vita che hanno condotto.

Riprendendo la visione medievale del cosmo Dante descrive le posizioni dei suoi regni: immaginandosi la terra al centro del cosmo divisa in due emisferi e in cui solo il primo con la centro Gerusalemme è abitato.

Sotto Gerusalemme si apre l’Inferno e dalla parte opposta del globo terrestre sorge invece la montagna del Purgatorio. Intorno alla Terra ruotano poi nove cieli e l’Empireo, che è la sede di Dio.

Tutto questo è quanto ripropone Dante ma aggiunge a questi concetti di base una gerarchia e una suddivisione dettagliatissime che nessuno prima di lui aveva mai proposto. In questo è un pioniere a dir poco geniale.  

 

Curiosità da sapere

Il titolo Divina Commedia non è stato ideato da Dante, ma da Giovanni Boccaccio. Restò Comedìa fino al Cinquecento, quando l'edizione stampata riprese l'epiteto di Boccaccio e lo appose per sempre accanto al titolo, dandole il nome che tutti conosciamo.

 

La Divina Commedia è un’opera geniale e unica e di quest’opera l’Inferno è sicuramente la parte non solo migliore ma persino divertente da leggere.

In effetti la versione in versi non è di facile lettura (nemmeno per un italiano) ma esistono ormai molte ottime versioni in prosa che possono venire lette e “gustate” anche da chi studia la lingua italiana.

Vediamo intanto la struttura dell’inferno.

Come si è formato l'Inferno?

La voragine dell'Inferno deriva dalla superbia di Lucifero, che era uno degli angeli più belli del firmamento, e che ebbe la sfrontatezza di condurre una rivolta contro Dio, spinto dalla superbia.

La rivolta fallì miseramente e questo angelo, ormai dannato, venne fatto precipitare giù dal cielo. Cadendo sulla Terra il terreno fu talmente inorridito che si scansò per non entrare a contatto con il corpo di Lucifero: si aprì così un’immensa voragine, appunto l’Inferno.


La terra spostata si rialzò dalla parte opposta del globo formando la gigantesca montagna del Purgatorio (in sostanza il Purgatorio è un calco dell’Inferno e capiamo subito quanto questi due mondi, a differenza del Paradiso, sono profondamente legati al nostro mondo terrestre).

La voragine in cui si trova l’Inferno della Divina Commedia non è un semplice fosso ma un intero mondo sotterraneo con una sua geografia precisa che Dante, canto dopo canto, descrive in modo dettagliato.

L’inferno insomma è simile a un cono rovesciato suddiviso in cerchi, ogni cerchio ospita un peccato diverso, nei piani alti ci sono i peccatori più “scarsi” quelli che non ne hanno combinate proprio di brutte  come ad esempio gli ignavi, la cui unica colpa fu di non schierarsi politicamente, o di non aver avuto la fortuna di essere battezzata (e nel gruppo ci si ritrovano Omero, Orazio, Ovidio, Platone, Aristotele, Socrate e tanti altri.).

Scendendo sempre più verso il centro della terra iniziano le vere “pene dell’inferno” eh sì perché le pene a cui vengono condannati i peccatori dell’inferno di Dante solo fisiche e dolorosissime nonché estremamente fantasiose.

 

Gerusalemme è la città attraverso cui si accede all’Inferno: dopo una porta che reca una scritta minacciosa incisa sopra (vi ricordate? “Lasciate ogni speranza o voi che entrate!”) si apre una zona detta Antinferno dove si trovano gli ignavi, cioè le anime di quelli che in vita non scelsero mai né di fare del bene ma neppure di fare del male e sono quindi rifiutati sia dal cielo che dall’inferno.

Per arrivare al vero inferno Dante deve attraversare il fiume Acheronte, dove un traghettatore, chiamato Caronte, porta sulla sua barca le anime dei dannati verso la riva opposta.

Qui troviamo una zona detta Limbo – in cui scopriamo le anime dei non battezzati e dei nati prima di Cristo – oltre la quale si accede finalmente al vero e proprio Inferno.

L’Inferno di Dante è formato da nove zone, nove “cerchi”, cioè dei cornicioni giganteschi, uno più in basso dell’altro come in una macabra arena, che continuano verso il basso fino a raggiungere il centro della Terra dove si trova conficcato Lucifero dal tempo della sua caduta. La zona più cupa dell’Inferno inizia a partire dal sesto cerchio, dopo il fiume Stige.

La Città di Dite è il nome della zona più profonda dell’Inferno che si apre dopo il quinto cerchio. Questa zona è ulteriormente ramificata: il settimo cerchio (dove sono punite le anime dei violenti) conta tre diversi “gironi” al suo interno, l’ottavo cerchio (dove sono punite le anime dei fraudolenti) è a sua volta ripartito in dieci zone diverse dette “bolge”.

Dopo le dieci bolge si apre il tetro pozzo dei giganti dopo il quale giungiamo nell’ultima e più tragica zona dell’Inferno: il nono cerchio, dove sono puniti i traditori ripartiti in quattro zone diverse.

 

Ecco lo schema dell’Inferno della Commedia: 

 

Gerusalemme

Antinferno: ignavi

Acheronte e Limbo (I° cerchio)

II° - V° cerchio: lussuriosi, golosi, avari e prodighi, iracondi e accidiosi (Fiume Stige)

Mura della Città di Dite

VI° cerchio: eretici

VII° cerchio: violenti (divisi in tre gironi) fiume Flegetonte

VIII° cerchio: fraudolenti (dieci Bolge)

IX° cerchio: traditori, fiume congelato Cocito

Lucifero al centro della Terra

Inferno, Canto XIII - La pena dei suicidi

Ma le anime che si trovano all’inferno come vengono punite? Con la legge del contrappasso.

Secondo la legge del contrappasso, l’anima dannata è punita con una pena contraria o simile al peccato commesso.

Un esempio: le anime dei suicidi sono trasformate in alberi infastiditi da animali rabbiosi. I suicidi hanno trattato il loro corpo come un vegetale, come qualcosa da buttare e non come qualcosa di sacro a Dio e meritano quindi di venire trasformate in piante e di non avere più una forma corporea.

Ogni peccato viene punito in questa maniera ed è interessantissima la ricerca del significato base di ogni pena. 

 

All’inizio del suo viaggio Dante incontra tre bestie feroci dette fiere.

Ognuna di queste fiere sta per uno dei peccati che Dante ascrive a sé stesso, la lussuria, la cupidigia e la superbia.

Dante, infatti, ci racconta di aver intrapreso questo viaggio in un momento della sua vita in cui “la dritta era smarrita” (la giusta strada) e lui si trovava in una selva oscura.

Tre animali, le tre fiere, impediscono a Dante di tornare indietro o di raggiungere un colle dove gli pareva esserci più luce. Queste fiere sono delle allegorie, una figura retorica che Dante usa moltissimo e che è diffusissima, in realtà, in tutta la letteratura medievale, e che implica che si usino oggetti o animali che per le loro caratteristiche, stanno a simboleggiare un’emozione, una problematica, una filosofia.

Dante incontra una lonza, un leone e una lupa, che rappresentano rispettivamente la lussuria, la superbia e la cupidigia, cioè i peccati che impediscono al Poeta di vivere serenamente. 

 

Dante spaventato dal luogo e dalle bestie feroci si sente sempre più perso finché in suo soccorso non arrivano tre donne direttamente dal paradiso: Beatrice, la Madonna e Santa Lucia.

La guida che mettono a disposizione di Dante per uscire dalla selva oscura è Virgilio, un poeta latino amatissimo da Dante e in realtà molto importante per il mondo medievale poiché, in una delle sue egloghe, annunciò la nascita di un bambino che avrebbe salvato il mondo: i cristiani videro in questo messaggio una predizione della nascita di Cristo.

È Virgilio a spiegare a Dante che non riuscirà a uscire dalla selva oscura e tornare sulla retta via se prima non intraprenderà un viaggio di conoscenza e salvazione attraverso i tre regni dell’Aldilà.

I due si avviano così insieme verso Gerusalemme e cominciano il viaggio nel regno degli inferi. 

 

Come accennavamo la versione originale della Divina Commedia non è di facile lettura per uno studente straniero di lingua italiana, mi sembra importante però farvi sapere che esistono molte versioni in prosa con una lingua molto semplificata, ma non solo, esiste la Divina Commedia a fumetti o in stile manga creata dal famosissimo disegnatore Go Nagoi ma c’è anche un’ottima versione della Mondadori con illustrazioni di Francesco Rovira, “La Divina Commedia- Raccontata ai bambini” un libro di facile lettura molto ben scritto.

Insomma, non avete assolutamente scuse, qualsiasi sia il vostro livello di italiano dovete assolutamente leggere la Divina Commedia!

Commenti

I nostri post più amati

I CONNETTIVI TESTUALI NELLA LINGUA ITALIANA

  I connettivi in linguistica sono quelle espressioni che servono per unire , legare, le parti logiche di un discorso, di una frase. Sono cioè delle forme invariabili (congiunzioni, locuzioni, ecc.), che funzionano da ponte per unire in modo logico i diversi contenuti di un testo. Sono uscita prima questa mattina, eppure , non ho fatto in tempo!                                                 Connettivo La funzione di connettivo può essere svolta da parole di diversa natura grammaticale ossia: Preposizioni:   Ho pensato di invitarti a pranzo domani. Congiunzioni come ma, però, ciononostante, perciò, finché, che, dunque, perché, se, malgrado che, affinché , ecc. : Non ho studiato perché stavo molto male. Avverbi e le locuzioni avverbiali come così, allora, successivamente, cioè, inoltre ecc.: Penso quindi sono. Verbi :  Abbiamo cantato, ballato, mangiato e chiacchierato insieme, riassumendo ci siamo divertiti molto! Alcune espressioni come da u

Esclamazioni e Interiezioni

GRAMMATICHIAMO LE ESCLAMAZIONI O INTERIEZIONI Sono suoni, parole, o gruppi di parole che esprimono sentimenti e sensazioni improvvisi (meraviglia, allegria, dolore, rabbia, sorpresa ecc.). Si tratta di una componente invariabile il cui valore si comprende dal tono della voce e la mimica di chi parla. L’interiezione è seguita dal punto esclamativo, che può però essere collocato anche alla fine della frase. Se l'interiezione o esclamazione è composta da una sola vocale oppure da una consonante, la lettera h va posta dopo la vocale o la consonante (ad esempio, uh!). Se invece è formata da due vocali, la lettera h va collocata in mezzo (ad esempio, ohi!). Alcune interiezioni come ad esempio ahimè, ohibò, ohimè richiedono l'accento grave (cioè quello che scende dall'alto verso il basso). In alcuni casi si trovano anche nomi, aggettivi, verbi e avverbi che assumono la funzione di interiezione o esclamazione: nomi: ad esempio, coraggio! animo! acc

Gli errori più comuni nella lingua italiana. AIUTO COME SI SCRIVE!

1.         Ce o C’è Dipende!  Ce è una particella pronominale, inclusa in verbi pronominali come ad esempio “avercela”:  Si vede benissimo che ce l’hai a morte con lui. C’è è la contrazione ci è= esserci essere presente (nella forma singolare). Tra me e te c’è una bella differenza! 2.        Da, Dà o Da’ Anche qui dipende! Da, semplice semplice, è la preposizione. Vengo da Vicenza e tu?  Il dà accentato è la forma della terza persona singolare del verbo dare. Mamma te le dà, se non la smetti! Il da’ con l’apostrofo è la forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dare. Da’ una mano a tuo fratello! 3.        Di, Dì o Di’ Dipende…da che dipende… Di= preposizione semplice. Quel mobile è fatto di legno Dì= un sostantivo sinonimo di giorno. Prenda la medicina tre volte al dì! Di’= forma della seconda persona singolare dell’imperativo del verbo dire. Di' subito a mamma la verità, mascalzone! 4.        E o ed? A o ad? La cosidd

I nomi composti

Nomi composti sono quei nomi formati dall’unione di due parole. Il significato del nome composto non è deducibile dai significati delle singole parole che lo compongono. Ci sono diversi tipi di nome composto: A)    NOME PIÙ NOME (pescecane) B)     AVVERBIO PIÙ NOME (altopiano) C)    NOME PIÙ COMPLEMENTO (capobanda) D)    NOME PIÙ AGGETTIVO (camposanto) E)     AGGETTIVO PIÙ NOME (altopiano) F)     VERBI PIÙ NOME (tostapane) G)    VERBO PIÙ VERBO (saliscendi) H)    AGGETTIVO PIÙ AGGETTIVO (agrodolce) I)       AVVERBIO PIÙ AVVERBIO (pianoforte) L)    AGGETTIVO PIÙ VERBO (belvedere) M)  VERBO PIÙ AVVERBIO (posapiano) N)  AVVERBIO PIÙ VERBO (benestare) O) PREPOSIZIONE PIÙ NOME (soprannome) Solitamente il plurale dei nomi composti si forma in maniera semplice, cioè come se si trattasse di una parola semplice, ma ci sono molte eccezioni purtroppo che creano non pochi “grattacapi”! a)       I nomi che sono composti da due sostantivi normalmente

LE PREPOSIZIONI DI LUOGO NELLA LINGUA ITALIANA

Qualche regoletta Le preposizioni sono delle parti del discorso invariabili, esse mettono in relazione parti diverse della frase (metti la borsa sotto il tavolo; la macchina sta dietro all ’ angolo ecc.). Le preposizioni si suddividono comunemente in preposizioni proprie (di, a, da, in, con, su, per, tra, fra), preposizioni improprie (davanti, vicino, dopo, mediante) e locuzioni preposizionali (quali in fondo a, per via di, a causa di). Le preposizioni, come le congiunzioni, gli avverbi e le interiezioni, sono parti del discorso invariabili . La preposizione deve il suo nome al fatto che viene preposta a un elemento lessicale. Le preposizioni di luogo danno informazioni sullo spazio e  sul punto in cui avviene l’azione. Per indicare il luogo da cui si proviene. DA DOVE VIENI : ·           DA ->Partenza, origine. Luogo da cui si parte o viene. Vengo da Vicenza. ·          DI -> Insieme al verbo essere per indicare la città da

LA CONIUGAZIONE DEL VERBO ESSERE - TABELLA COMPLETA

LE TAVOLE DEI VERBI LA CONIUGAZIONE DEL VERBO ESSERE